Contenuto sponsorizzato

Oltre 600 dipendenti dell'Apss in smartworking, portano avanti da casa moltissime attività fondamentali per il buon funzionamento del nostro sistema sanitario

Le persone collegate in smartworking utilizzano computer e altri dispositivi di loro proprietà, permettendo così ad Apss di dedicare dotazioni di nuovi pc ai nuovi reparti di rianimazione e alle altre necessità degli ospedali

Pubblicato il - 28 marzo 2020 - 22:03

TRENTO. Prevenire la diffusione del coronavirus e garantire la continuità dei servizi. Conciliare queste due esigenze è stato fin dai primi momenti dell’emergenza un imperativo per l’Azienda provinciale per i servizi sanitari.

 

Oggi sono oltre 600 i dipendenti di Apss in smartworking che portano avanti da casa moltissime attività amministrative e non solo, fondamentali per il buon funzionamento del nostro sistema sanitario.

 

I dipendenti, in massima parte impegnati in funzioni tecnico amministrative, possono accedere dalla propria abitazione e in sicurezza a tutte le applicazioni che servono per supportare la clinica e i servizi al cittadino. Le persone collegate in smartworking utilizzano computer e altri dispositivi di loro proprietà, permettendo così ad Apss di dedicare dotazioni di nuovi pc – in questo momento di emergenza particolarmente carenti – ai nuovi reparti di rianimazione e alle altre necessità degli ospedali.

 

Già da alcuni anni Apss ha attivato postazioni di telelavoro domiciliare e smartwork e i clinici possono accedere da remoto ai dati e alle immagini dei propri pazienti in situazioni di particolare necessità.

 

Queste pregresse esperienze di virtualizzazione delle tecnologie e delle attività – come le video riunioni – hanno permesso oggi a Apss di estendere in brevissimo tempo il lavoro da remoto a un vasto numero di dipendenti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato