Contenuto sponsorizzato

Oltre 600 dipendenti dell'Apss in smartworking, portano avanti da casa moltissime attività fondamentali per il buon funzionamento del nostro sistema sanitario

Le persone collegate in smartworking utilizzano computer e altri dispositivi di loro proprietà, permettendo così ad Apss di dedicare dotazioni di nuovi pc ai nuovi reparti di rianimazione e alle altre necessità degli ospedali

Pubblicato il - 28 marzo 2020 - 22:03

TRENTO. Prevenire la diffusione del coronavirus e garantire la continuità dei servizi. Conciliare queste due esigenze è stato fin dai primi momenti dell’emergenza un imperativo per l’Azienda provinciale per i servizi sanitari.

 

Oggi sono oltre 600 i dipendenti di Apss in smartworking che portano avanti da casa moltissime attività amministrative e non solo, fondamentali per il buon funzionamento del nostro sistema sanitario.

 

I dipendenti, in massima parte impegnati in funzioni tecnico amministrative, possono accedere dalla propria abitazione e in sicurezza a tutte le applicazioni che servono per supportare la clinica e i servizi al cittadino. Le persone collegate in smartworking utilizzano computer e altri dispositivi di loro proprietà, permettendo così ad Apss di dedicare dotazioni di nuovi pc – in questo momento di emergenza particolarmente carenti – ai nuovi reparti di rianimazione e alle altre necessità degli ospedali.

 

Già da alcuni anni Apss ha attivato postazioni di telelavoro domiciliare e smartwork e i clinici possono accedere da remoto ai dati e alle immagini dei propri pazienti in situazioni di particolare necessità.

 

Queste pregresse esperienze di virtualizzazione delle tecnologie e delle attività – come le video riunioni – hanno permesso oggi a Apss di estendere in brevissimo tempo il lavoro da remoto a un vasto numero di dipendenti.

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 30 settembre 2022
Telegiornale
30 set 2022 - ore 22:49
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
01 ottobre - 19:46
La manifestazione si è svolta in piazza Mazzini a sostegno delle donne iraniane, contro la morte della 22enne curda Mahsa Amini. [...]
Politica
01 ottobre - 18:45
Dopo il brutto risultato della Lega anche in Trentino, più che doppiata da Fratelli d'Italia, si sono aperte delle crepe nella maggioranza di [...]
Società
01 ottobre - 17:30
Si va dalle certezze, come il San Leonardo e si arriva alle novità ''a partire da Revì che si trova in compagnia con diverse cantine da [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato