Contenuto sponsorizzato

Tutto pronto per le Feste Vigiliane ai tempi di Covid-19 tra novità, tradizione e divertimento, ma con un messaggio di speranza verso il futuro

A causa della difficile situazione sanitaria che caratterizza questo periodo, per la prima volta nella loro storia saranno le Feste ad ospitare il pubblico. Come? Rimanendo comodamente seduti sul proprio divano e gustandosi tutto il variegato programma in diretta sulle emittenti locali  Rttr, Trentino Tv e Rai Regione, così come sulle principali radio regionali oppure sui canali social delle Vigiliane

Pubblicato il - 24 giugno 2020 - 16:19

TRENTO. Tutto pronto per le Feste Vigiliane ai tempi del coronavirus. L'edizione numero 37 delle celebrazioni patronali scattano giovedì 25 giugno. Una kermesse insolita rispetto agli anni scorsi per una durata ridotta, tutto termina venerdì 26 giugno, ma comunque ricco di contenuti e novità. 

 

A causa della difficile situazione sanitaria che caratterizza questo periodo, per la prima volta nella loro storia saranno le Feste ad ospitare il pubblico (Qui articolo). Come? Rimanendo comodamente seduti sul proprio divano e gustandosi tutto il variegato programma in diretta sulle emittenti locali  Rttr, Trentino Tv e Rai Regione, così come sulle principali radio regionali oppure sui canali social delle Vigiliane. 

 

Il pubblico in questi due giorni di festa sarà guidato dal Castello del Buonconsiglio (sede di gran parte degli appuntamenti), dalla Miss Italia trentina Claudia Andreatti e dal giornalista Corrado Tononi. Il titolo della kermesse è "La ragione del cuore" per un'edizione all'insegna della condivisione, della speranza e della leggerezza. Il desiderio della ripartenza alla base della scelta dell'amministrazione comunale e del Centro servizi culturali S. Chiara (Qui articolo).

 

Si comincia giovedì 25 giugno alle 17.15, con l'accensione in diretta della Lanterna di S. Vigilio da palazzo Thun. A seguire, in piazza del Duomo (ore 17.40), andrà in scena l'Alzabandiera, con trombettisti in costume, accompagnati dall'esibizione dal vivo del tenore Cristian Ricci nella celebre romanza di Puccini “Nessun Dorma”.

 

A partire dalle 19.30, in diretta dal Castello del Buonconsiglio, uno straordinario tenore e un quartetto di mirabili violiniste accompagnerà il pubblico attraverso le stanze più ignote del Castello, al suono di celebri colonne sonore e della più bella musica pop e rock di sempre. Spazio poi a una delle novità di quest'anno, la Tavola Rotonda: attraverso interviste e filmati recuperati dalle passate edizioni, anche inediti, verranno ripercorsi i momenti più significativi della storia delle Vigiliane.

 

In questa prima occasione, Guido Malossini, con attori e protagonisti delle Feste, presenterà i filmati delle più divertenti “Tonche” e “Processi di Penitenza” di sempre. Ci sarà inoltre spazio per la tradizione, con sfilate di modelle e modelli in abiti d'epoca, per i giochi, con un quiz ad hoc sulle Vigiliane con domande a risposta multipla sulla storia delle Feste (si partecipa da casa con lo smartphone), e per la storia, tramite un tour nelle stanze del Castello mai aperte al pubblico, realizzato con la direttrice Laura Dal Prà, e accompagnato dalla musica rinascimentale suonata dal vivo, tra cui spicca la giovane violinista trentina Elisa Cecchini (17 anni), che studia al Conservatorio Bonporti di Trento.

 

E poi ancora spettacolo, grazie ai ricordi di alcuni degli equipaggi che hanno preso parte al Palio dell'Oca, senza dimenticare l'immancabile Processo di Penitenza, seppur con un'altra veste rispetto al solito. In diretta dagli antichi appartamenti del Castello, per la prima volta nella storia delle Feste, gli spettatori potranno infatti esprimere il proprio giudizio sui candidati alla Tonca, attraverso i messaggi che verranno poi letti in diretta dalla giudice Loredana Cont. A conclusione del Processo, dalle 23.00 alle 02.00 sarà il tempo della Magica notte dei dj: quelli che hanno fatto la storia della disco trentina anni '80, daranno vita ad una diretta radio non stop (sulle emittenti locali), all'insegna della musica da ballare.

 

Passando alla giornata di venerdì 26 giugno, invece, il primo appuntamento sarà come tradizione nella Cattedrale di S. Vigilio, alle 10, con la Celebrazione del Santo Patrono, presieduta dall'Arcivescovo Lauro Tisi.  La Messa Solenne potrà essere seguita anche in diretta sulle emittenti tv locali. Grazie all'Associazione Panificatori della Provincia di Trento, sulle sedute del Duomo verranno inoltre lasciati dei sacchetti contenenti del pane, a richiamare lo spirito di generosità che ha sempre mosso la vita di S. Vigilio.

 

Alle 13.30, in anteprima su Rai3, il Duomo di Trento ospiterà la prima parte dello spettacolo “Veni Creator”: un racconto sulle vicissitudini che hanno portato a scegliere Trento quale città  del Concilio. (La seconda parte verrà invece trasmessa, sempre su Rai3, sabato 27 giugno, alle ore 7.30). Alle 15.30, spazio ad un'altra lodevole iniziativa di questa edizione, particolarmente attenta e vicina agli anziani, una delle categorie che ha maggiormente sofferto in questa pandemia. Due rappresentanti dei Ciusi e dei Gobj consegneranno così alle Case di Riposo di Trento una pianta di “stelle alpine” e una targa con impresso un pensiero.

 

Alle 15.45, spazio allo spettacolo “Beatles Therapy”: uno slide show basato sugli effetti benefici della musica e dell'umorismo nella terza età, con la musicoterapeuta Stefania Filippi, Riccardo Petroni e Lucio Gardin. Lo spettacolo verrà proiettato anche in tutte le case di riposo del Trentino. Passando al programma serale, a partire dalle 19.30 (sempre in diretta tv dal Castello del Buonconsiglio), dopo aver premiato i racconti della selezione “Rassegna di pensieri” e del concorso di disegno “Colora il tuo mondo”, sarà il tempo dei Ciusi e Gobj che, non potendo quest'anno organizzare la consueta disfida in piazza, si affronteranno in una gara di cucina.

 

Il vincitore dovrà però dividere la polenta con l'avversario, in un messaggio di solidarietà e condivisione. A giudicare il vincitore saranno presenti alcuni chef della città di Trento e gli amici della Proloco di Storo con Agri90. A seguire, spazio ai quiz da casa, e al teatro con “Filarmonicando alla fontana”, divertente monologo tutto al femminile che ripercorre con poesia e ironia il periodo in cui i panni si lavavano alla fontana del paese.

 

Ma ci sarà anche il consueto spazio per la Tavola Rotonda, a cui parteciperanno i sindaci che si sono susseguiti in questi trentasette anni di Feste, e per la grande musica lirica con Cristian Rizzi e con l'ensemble d'archi al femminile che, dalle stanze più remote del Castello, eseguirà sonate che vanno dal periodo barocco al classico, per arrivare alla musica leggera.

 

Infine, sarà il momento di ascoltare la sentenza della Tonca che quest'anno, non potendo immergere il condannato nell'Adige, riserverà modalità del tutto originali per il “toncato”. A conclusione, spazio alla comicità, con il divertente collegamento, attraverso un medium, con Bernardo Clesio e il suo giardiniere, che racconteranno alcune leggende legate al Castello del Buonconsiglio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato