Contenuto sponsorizzato

Concluso il censimento Fai dei siti più apprezzati d'Italia, nella classifica c'è anche il Trentino. Ecco i due luoghi più votati

Si è conclusa la decima edizione de "I luoghi del cuore" promossa dal Fai - Fondo Ambientale Italiano. Il Trentino è riuscito ad entrare nella speciale classifica "Italia sopra i 600 metri" con due apprezzatissimi siti. Ecco quali sono e quanti voti hanno preso 

Di L.B. - 26 February 2021 - 12:34

TRENTO. Era maggio 2020 quando, nel pieno dell’emergenza Coronavirus, il Fai - Fondo Ambiente Italiano ha dato il via con grande passione alla decima edizione de “I Luoghi del Cuore”, promossa in collaborazione con Intesa Sanpaolo. L’invito rivolto agli italiani era quello di esprimere l’amore per il proprio Paese in un momento di così grande difficoltà, votando i luoghi a loro più cari.

 

E la risposta a questa esortazione è stata davvero eccezionale: i voti raccolti fino al 15 dicembre, giorno di chiusura dell’iniziativa, sono stati 2.353.932, il miglior risultato di sempre, con oltre 39.500 luoghi segnalati in 6.504 Comuni d’Italia (l’82,3% del totale).

 

Al primo, secondo e terzo luogo classificato del censimento “I Luoghi del Cuore” 2020 abbiamo la Ferrovia Cuneo- Ventimiglia-Nizza, Castello e Parco di Sammezzano (FI) e Castello di Brescia (BS)

 

Per quanto riguarda il Trentino, i siti ad essersi “piazzati” sono il Molino dalla Torre “Zorzini”, a Mezzana con un 90° posto e 4.350 voti ricevuti e la Chiesa di Santo Stefano a Carisolo con un 119° posto e 3.408 voti.

 

Simbolo di una storia passata che la sua comunità vuole tramandare, il Molino dalla Torre “Zorzini” è una piccola costruzione nel centro storico di Mezzana, in prossimità del rio Spona, che con le sue acque permetteva il funzionamento delle macchine. Il comitato “Molino dalla Torre Zorzini –Mezzana” ha partecipato al censimento con l’obiettivo di restaurare l’edificio affinché possa diventare il volano per la rinascita del paese che vede crescere il numero delle case disabitate e la progressiva scomparsa delle attività commerciali. Il luogo rientra nella classifica speciale “Italia sopra i 600 metri”.


All’imbocco della Val Genova, invece, sopra uno sperone di roccia, sorge la Chiesa cimiteriale di Santo Stefano. Affacciata sulla Val Rendena e inserita all’interno del Parco naturale Adamello Brenta, la chiesa gotica conserva ancora la sua originaria struttura romanica e, nella facciata sud, gli affreschi di Simone II Baschenis (1495-1555). La chiesa è stata votata per promuoverne il valore artistico e culturale al di fuori della Valle. Anche questo rientra nella classifica speciale “Italia sopra i 600 metri”.


A vincere questa edizione del censimento del FAI non sono stati solo i luoghi più votati, con le loro storie affascinanti e la loro necessità di cura, restauro e attenzione, ma anche l’intero patrimonio culturale e ambientale italiano, il cui immenso valore per la collettività in termini di identità, memoria, legami sociali, esperienze di vita e speranze future emerge limpidamente scorrendo la variegata classifica dei “Luoghi del Cuore” (consultabile sul sito).

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
29 novembre - 18:28
La notizia è di queste ore e rimbalza sui siti e sui giornali svizzeri perché la richiesta era stata avanzata dal Paese Elvetico. Ma analizzati i [...]
Cronaca
29 novembre - 16:44
La presa di posizione di Futura: “L’esperienza del Centro Sociale Bruno non solo non va sgomberata ma al contrario, anche in vista dei prossimi [...]
Cronaca
29 novembre - 17:19
Il provvedimento del questore di Trento, Maurizio Improta, ha sospeso la licenza per la somministrazione di bevande e alimenti del White Lounge bar
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato