Contenuto sponsorizzato

Posizionata ad Ala una panchina rossa contro la violenza sulle donne: ''Piena adesione alle campagne di sensibilizzazione contro la violenza di genere''

Da qualche giorno anche ad Ala si trova una panchina rossa, simbolo della campagna di sensibilizzazione contro i femminicidi e la violenza di genere: "Non è il primo simbolo di adesione a queste iniziative"

Pubblicato il - 17 settembre 2021 - 13:24

ALA. Una panchina rossa, colore del sangue, e simbolo del posto occupato da una donna che non c'è più, portata via dalla violenza. E' stata collocata in piazza Giovanni XXIII vicino alla chiesa dei Cappuccini di Ala.

 

A Trento è già stata posizionata in piazza Santa Maggiore Maggiore (Qui articolo) e nel quartiere San Martino (Qui articolo); un'iniziativa replicata in diversi altri centri come Mezzocorona, Lavis, Mattarello, Borgo Sacco, Avio, Loppio, Linfano di Arco, Sarche, Canale di Pergine e Borgo Valsugana. Ora anche ad Ala è stata collocata una panchina rossa, richiesta espressamente dal sindaco Claudio Soini nei mesi scorsi. 

 

Un invito a fermarsi e prendere coscienza di un male che affligge la nostra società: la violenza sulle donne. Da qualche giorno anche ad Ala si trova una panchina rossa, simbolo della campagna di sensibilizzazione contro i femminicidi e la violenza di genere. Un fenomeno che non accenna a diminuire, purtroppo anche in questi giorni la cronaca registra i casi di donne uccise dai loro compagni o ex fidanzati.

 

"E' un ulteriore simbolo dell'adesione del Comune alle campagne di sensibilizzazione contro la violenza di genere. Il cantiere comunale - dice il primo cittadino - ha così recuperato la panchina, dipingendola di rosso; è stata stampata una targhetta con il messaggio 'non sei sola' e i numeri di telefono utili in caso di necessità o emergenza, posizionata sullo schienale".

 

Nei giorni scorsi, trovata la sede adatta, la panchina è stata definitivamente posizionata. "Non è il primo simbolo di adesione di Ala alle iniziative contro la violenza sulle donne. Per esempio, da alcuni anni, ogni 25 novembre, sventola un drappo rosso dal balcone del municipio, e nei luoghi pubblici sono stati collocati i 'posti occupati', le sedie vuote, che idealmente ricordano le donne vittime di violenza", conclude Soini.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 ottobre - 20:21
E' la seconda tragedia di oggi sulle montagne trentine. L'incidente è avvenuto in val Daone. La 26enne stava praticando bouldering con alcuni [...]
Cronaca
24 ottobre - 01:01
Trovati 45 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 35 guarigioni. Sono 6 i pazienti in ospedale, di cui 2 ricoverati in terapia [...]
Cronaca
23 ottobre - 21:14
L'allerta è scattata a Rovereto. Nonostante la brusca frenata e le manovre per evitare la collisione, l'impatto è stato inevitabile. Una 14enne [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato