Contenuto sponsorizzato

In Autogrill in carrozzina, la risposta dell'A22: "Partiranno i lavori per sistemare Nogaredo Est"

Ecco la positiva risposta (integrale) dell'ad di Autostrade Brennero Pardatscher alla nostra inchiesta sul campo per testare barriere architettoniche e difficoltà che un disabile è costretto a superare anche solo per andare a fare pipì in autostrada

Un'immagine del nostro viaggio con Marco Groff negli Autogrill di Nogaredo Est e Ovest
Di Luca Pianesi - 10 settembre 2016 - 16:47

TRENTO. Per l'area di servizio Nogaredo Est sarebbe già stato concessionato il progetto di ristrutturazione e sarebbe in corso l'aggiudicazione per l'affidamento della gestione di tutte le aree di servizio secondo disposizioni atte a garantire la fruibilità dei servizi con particolare attenzione ai portatori di handicap. Questa la positiva risposta dell'Autostrada del Brennero per tramite del suo amministratore delegato Walter Pardatscher all'inchiesta condotta da il Dolomiti.it in compagnia di Marco Groff, presidente dell'Anglat (Associazione nazionale guida legislazione andicappati trasporti).

 

Con lui, infatti, siamo andati nei due Autogrill di Rovereto, Nogaredo Est ed Ovest per verificare in prima persona (GUARDA IL NOSTRO VIDEO REPORTAGE) quante difficoltà è costretto ad affrontare e superare un disabile anche solo per riuscire a raggiungere il bagno per poi fare pipì. Il nostro obiettivo era quello di sensibilizzare e dare il giusto input a chi può sistemare le cose perché basta davvero poco per rendere la vita molto più facile a tantissime persone. E con piacere riportiamo integralmente la lettera che ci ha inviato il presidente dell'A22, con tanto di critiche che ci prendiamo volentieri per una buona causa come questa.

 

"Ho letto con attenzione quanto da Lei pubblicato a proposito dei problemi che ancora oggi i portatori di handicap incontrano quando sono in viaggio. 

Condivido fino in fondo la Sua battaglia a loro favore e la denuncia di manchevolezze e del molto che ancora rimane da fare a loro favore, se vogliamo definirci un paese veramente civile, moderno e sensibile verso le persone diversamente abili.

 

Non posso però condividere l’obiettivo, troppo “mirato” della Sua denuncia. Già nel sottotitolo si legge infatti che “per un disabile la sosta sull’A22 è una vera odissea”. Devo dissentire. Lungi da me l’intenzione di coinvolgere altre società, o di fare paragoni inappropriati e fuori luogo, ma limitare il commento a disagi incontrati alle sole stazioni “Nogaredo” dell’A22 mi sembra estremamente limitativo. Lei stesso, ricordando che proprio l’A22 nel 2013 aveva commissionato a Marco Groff, Suo compagno di viaggio, uno studio sulle sue aree di servizio, testimonia indirettamente di quale e quanto sia l’interesse della nostra società nei confronti dei portatori di handicap e la nostra volontà di adeguare in maniera ottimale le nostre infrastrutture.

 

Non mi soffermo sul fatto che sarebbe stato cortese un confronto con noi prima di uscire con l’articolo e potrei cavarmela ricordando che Autostrada del Brennero, comunque e ovunque, è in linea con la legislazione vigente; ma noi facciamo e vogliamo continuare a fare di più, com’è giusto che sia. In passato, non essendoci concesso, essendo in scadenza di concessione, programmare investimenti e varare progetti a lungo termine, abbiamo ritardato alcune decisioni e interventi, che comunque ci saranno, così come alcuni lavori sulle aree di servizio. Su questo posso tranquillizzarla

 

Per quanto concerne, nello specifico, l’area di servizio di Nogaredo est (Rovereto), è già stato concessionato il progetto di ristrutturazione ed ampliamento del caseggiato presente sull’area ed è in corso la procedura per l’aggiudicazione dei lavori. Questi prevedono non solo interventi a norma di legge, ma anche quanto contenuto e suggerito dallo stesso studio di Marco Groff.

Ad oggi, comunque, i caseggiati presenti sulle aree di servizio dell’A22 sono dotate di servizi accessibili ai portatori di handicap; migliorie in alcuni edifici sono in corso, altre in previsione.

 

Lasciami inoltre ricordare che è in corso l’aggiudicazione per l’affidamento della gestione sia «oil» che «non oil» di tutte le aree secondo nuovi bandi di gara redatti proiettati ad una miglior qualità e offerta di tutti i servizi. Essi contengono tra l’altro disposizioni atte a garantire la fruibilità dei servizi offerti ponendo particolare attenzione alle esigenze dei portatori di handicap: accessi alle strutture (rampe), servizi igienici, spazi per spostamenti all’interno delle strutture, tavoli dedicati, appoggi etc.

Con questo vorrei tranquillizzare sia Lei che Marco Groff  in merito al nostro impegno verso un servizio sempre più attento e mirato verso tutte le categorie di utenti autostradali, siano essi famiglie, autotrasportatori, o persone portatrici di handicap".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 giugno - 18:05

Le Olimpiadi invernali 2026 prenotano il biglietto per atterrare in Italia, la candidatura Milano-Cortina si aggiudica l'organizzazione dei giochi a cinque cerchi. A brindare ci sono anche Trentino e Alto Adige

24 giugno - 06:01

Mentre si fanno cicli di incontri con diverse personalità per cercare ''idee diverse e nuove rispetto a quanto fatto fino ad oggi'' si dimentica che quel che è stato fatto ha portato ricerca e università in Trentino ad essere competitive su scala europea e a primeggiare a livello nazionale. E intanto ecco il bando per tre consiglieri di Trentino Digitale pubblicato copiato da uno di quelli della Fondazione Crosina Sartori (con tanto di riferimenti sanitari)

24 giugno - 12:05

La tragedia questa mattina attorno alle 10. Inutili i tentativi di rianimazione 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato