Contenuto sponsorizzato

Bottiglie, panettoni e regali in mezzo alla strada: quando anche a Trento si celebrava il Natale del Vigile

La tradizione è nata nell'immediato dopoguerra ed è durata per alcune decine di anni. Il comandante Giacomoni: "Erano altri tempi. Oggi per le leggi sull'anticorruzione e sulla trasparenza non possiamo accettare praticamente nulla" 

Di Luca Pianesi - 30 dicembre 2016 - 11:21

TRENTO. Un fiasco di vino, dei panettoni, dolci e dolcetti, per i più fortunati anche delle bottiglie di Martini, ancora belle impacchettate, e poi qualche giocattolo, per i bimbi, o soprammobile, per le mogli. Si accumulavano ai piedi della pedana rialzata usata per dirigere il traffico o nel punto di raccolta appositamente segnalato dal cartello "Natale del Vigile", a dimostrazione dell'affetto che la cittadinanza nutriva per questo corpo. E non è un caso se anche Otello - Alberto Sordi nel film di Zampa, "Il Vigile", desiderasse più di ogni altra cosa indossare quella divisa. Erano gli anni '60 e anche a Trento usava la tradizione di fare doni e regali ai vigili urbani.

 


 

Una tradizione legata al Natale qui nel Nord Italia e alla Befana nel Centro e nel Sud. Era questo un modo per dimostrare riconoscenza verso chi dirigeva il traffico (per molti anni, gli unici a farlo perché i semafori non esistevano) e per aiutare le loro famiglie. L'autista si fermava, smontava dall'auto e rapidamente lasciava un presente. E altrettanto faceva il passante, il residente, il turista. Così è successo sin dal '46 fino a metà anni '60. Poi, con il boom economico la raccolta dei doni è rimasta, per qualche anno, ma il fine è cambiato. Non più aiutare i vigili e le loro famiglie ma orfani, bambini poveri, comunità in difficoltà.

 


"Erano altri anni - ci racconta il comandante del corpo di polizia locale di Trento Lino Giacomoni - io sono arrivato nel '95 e già non si usava più. Anzi, adesso per le norme sulla trasparenza e l'anticorruzione non possiamo accettare praticamente niente. E poi c'era una risposta completamente diversa da parte della gente. Il punto di raccolta era posizionato in San Martino, in Piazza Duomo e anche in via Manci. Ma sono ricordi lontani, nessuno di noi ha avuto la fortuna di viverli di persona". Tempi andati, di solidarietà lontana e rispetto diverso da oggi. Tempi che è bene, comunque, non dimenticare anche in questo fine 2016.

 


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

28 gennaio - 10:33

L'incidente è avvenuto tra Bressanone e Chiusa e ha visto coinvolta una Fiat Punto e un mezzo pesante. Sul posto i pompieri sono intervenuti con le pinze idrauliche

28 gennaio - 09:58

Sul rientro in Italia lo zio Gianni Forti spiega: "Chico è in carcere da oltre 20 anni e una condanna simile come quella che ha avuto lui non c'è in Italia. E' una situazione abbastanza fumosa”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato