Contenuto sponsorizzato

Bus urbani, si sperimenta l'autista-bigliettaio. I sindacati: "Troppa fretta e troppo presto"

La giunta provinciale ha deliberato l'inizio della sperimentazione sulle linee urbane del capoluogo per lunedì 28 novembre. Le novità: biglietto a bordo e salita dalla porta anteriore. I sindacati: "La Provincia ha accelerato troppo velocemente, mancano le informative" 

Di Luca Andreazza - 23 novembre 2016 - 18:17

TRENTO. Il lascia passare è arrivato dall'assessore Mauro Gilmozzi nell'ultima giunta provinciale. Lunedì 28 novembre parte nel capoluogo la sperimentazione sulle linee urbane 14 e 17 per un totale di dieci corse del biglietto a bordo (la nuova tariffa sarà di 2 euro, ndr) e della salita dalla porta anteriore. Un'improvvisa accelerazione della Provincia che ha colto gli addetti ai lavori di sorpresa, lasciandoli interdetti e con grossi punti di domanda in sospeso.

 

"Una notizia - spiega Stefano Montani, segretario di Filt Cgil - che ci stupisce. La sperimentazione dovrebbe partire la prossima settimana, ma ad oggi non abbiamo ricevuto nessuna informativa a riguardo. E' tutto in alto mare, autisti e verificatori non sono a conoscenza delle norme comportamentali da mantenere nel caso in cui l'utenza si rifiuti di acquistare i biglietti. Noi ci siamo schierati favorevolmente verso questa sperimentazione a fronte delle nuove assunzioni nel comparto, ma sarebbe stato necessario aspettare che i tempi fossero maturi. Stiamo alla finestra e aspettiamo maggiori dettagli: l'auspicio è di ricevere alcune delucidazioni dalla Provincia, dalla quale attendiamo inoltre risposta per la richiesta delle forze dell'ordine a bordo per la sicurezza di autisti e utenza".

 

Una sperimentazione che presenta ancora diverse caselle bianche e "Tanti punti da chiarire - concorda Massimo Mazzurana, segretario di Fit Cisl -. La Provincia ha voglia di correre, ma senza aver fatto prima i compiti a casa. Oltre all'informativa, mancano ancora le delibere provinciali sul sovrapprezzo a bordo, il taglio da cambiare e la disponibilità del fondo cassa, senza dimenticare che il Comune non ha ancora stanziato il quantum sul recupero dell'evasione e che il bando dei verificatori si è appena concluso. L'ultimo incontro formale si è tenuto il 10 novembre e vista l'iniziale difficoltà a partite con il cambio dei turni, si ipotizzava di cominciare la sperimentazione intorno al 4 dicembre. Ora registriamo questa voglia di sperimentare. I tempi sono stretti e per giovedì sembra sia stata convocata una riunione, ma l'invito non è ancora arrivato".

 

Una manovra che Usb trasporti non esita a definire azzardata: " La votazione al referendum si è svolta su due giorni, venerdì e lunedì: non ci sembra una procedura corretta - spiega Daniel Agostini, coordinatore regionale -. Il meccanismo che ha inoltre portato al referendum sarà impugnato e cercheremo di tutelare gli interessi di lavoratori e utenza, che siamo certi subiranno notevoli disservizi. Un accordo fra le sigle sindacali firmatarie, Trentino Trasporti e Provincia poco trasparente, dove la nostra organizzazione è stata esclusa, anche come semplici osservatori, nel pieno rispetto della democrazia in quanto dichiaratamente contrari a queste decisioni fin dalla prima ora. Battute a parte - prosegue - i turni di lavoro non sono stati migliorati, se non in misura blanda, mentre le responsabilità dei lavoratori sono aumentate a fronte di una retribuzione bloccata. Questa è già la terza volta che ci troviamo in prima linea per impugnare decisioni senza senso calate dall'alto, come la questione dell'Agente Unico e dell'articolo 28".

 

Al centro del contendere ci sarebbe anche la quota di 40 centesimi a biglietto che rimarrebbe in tasca all'autista: "Una decisione - conclude Agostini - che crea forte disparità fra gli autisti della stessa linea, linee diverse e del settore extraurbano, la cui quota si ferma a 10 centesimi, senza considerare che mentre il pubblico regolamenta e si divide, il comparto dei vettori privati resta una giungla. Si tratta solo della punta dell'iceberg di un settore in confusione".  

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 December - 20:45

Il premier Giuseppe Conte spiega le principali misure contenute nel nuovo Dpcm per le festività di Natale e Capodanno: "La curva si è abbassata ma non possiamo distrarci e abbassare la guardia. Dobbiamo evitare la terza ondata"

03 December - 20:17

Sono 449 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 45 pazienti sono in terapia intensiva e 53 in alta intensità. Sono stati comunicati 239 positivi sull'analisi di 3.575 tamponi molecolari e altri 237 contagi sono stati individuati tramite 1.954 test antigenici per un totale di 476 casi nelle ultime 24 ore

03 December - 19:01

Mentre oggi la Pat ha finalmente comunicato i dati completi del contagio che mostrano come il Trentino abbia lo stesso numero (se non di più) di contagi dell'Alto Adige, come vi raccontava il Dolomiti da giorni, il presidente ha presentato i dati su Rt e ospedalizzazioni. Poi ha spiegato cosa non va delle decisioni prese a livello governativo e confermato che il weekend i negozi e centri commerciali saranno aperti in Trentino, salvo dpcm

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato