Contenuto sponsorizzato

Da Orson Welles all'ufo sopra Molveno: quando il "fake" diventa virale

Da ieri sui social di tutta Italia sta girando l'immagine di un'astronave sopra lo splendido lago trentino. Sembra quasi un omaggio a quel 30 ottobre di 78 anni fa quando il regista di Quarto Potere mandò nel panico mezza America: erano sbarcati gli alieni. Per fortuna questa volta avrebbero deciso di non atterrare

Di Luca Pianesi - 18 ottobre 2016 - 11:20

MOLVENO. Sono passati 78 anni, il "fake" resta lo stesso ma le reazioni, per fortuna, sono molto diverse. Il 30 ottobre 1938 Orson Welles annunciava alla radio Cbs che "i marziani sono sbarcati sulla terra" e "dio mio è terribile, un oggetto ricurvo sta uscendo da una fossa".  Ieri l'immagine di un disco volante sopra il Lago di Molveno ha cominciato a rimbalzare sui social network e nel testo la scritta "lo splendido lago di Molveno, la preziosa perla in più prezioso scrigno come lo scrittore  Antonio Fogazzaro amava definirlo, da oggi sarà famoso anche per un avvistamento alieno che farà molto parlare gli esperti di tutto il mondo".

 

Autori della bufala quelli de "ilfattoquotidaino.it". No leggete bene, Gomez e Travaglio non c'entrano nulla. Nella scritta c'è una "i" in più. E', insomma, uno di quei siti che elaborano notizie false solo per attirare click e che spesso, avendo il nome molto simile a quello di testate reali ed esistenti (ci sono Rebubblica, il Matto Quotidiano, il Giormale) sulla rete scatenano anche dibatti e reazioni più o meno incontrollate (dei grandi classici sono le notizie sulle scie chimiche, sui complottismi più spinti e poi ci sono quelli che scrivono notizie razziste e spesso violente che catturano l'attenzione di lettori poco attenti e sempre pronti a condannare a prescindere dal contenuto del testo).

 

Noi lo prendiamo con una risata e come un omaggio al primo grande “fake” della storia che tra pochi giorni compirà gli anni. Il genio Orson Welles, celebre attore-regista famoso per pellicole cult come Quarto Potere Il terzo uomo, anticipò tutti, dalla Tv al web, e, ancora ventitreenne all’interno della trasmissione Mercury Theatre on the air (trasmetteva radiodrammi tratti da capolavori letterari) recitò "La fine del mondo" di Herbert George Welles: i marziani sono sbarcati in una fattoria di Grovers Mill, nel New Jersey, e stanno gettando nel panico l'East Cost. Un annuncio fatto con voce stentorea da vero cronista interrompendo il normale palinsesto che in quel momento stava trasmettendo un concerto di musica classica. E allora ecco la caduta di un meteorite, uno strano cilindro di metallo e la polizia che recinta il cratere. La Cbs specifica, sia all'inizio che alla fine della trasmissione, che il testo è di pura invenzione e che non c’è da preoccuparsi ma l’America, da Nashville a Minneapolis, va in delirio

 

Per Molveno le risate si sprecano. Si cita "il residente della zona" tale Alvaro Porfido che spiega come “l’astronave aliena si è parata dinanzi ai miei occhi. Tutti i presenti hanno assistito alla cosa, io ho solo avuto la prontezza di fotografare l’evento con il mio smartphone". 

E poi il "noto ufologo Gianni Maffoi" che aggiunge: “Nel corso degli anni, gli extra-terrestri hanno sempre tentato un approccio verso l’uomo. Questo è il tempo del confronto anche con popoli di altri pianeti". E l'articolo 'fake' si conclude con "la storia ha scatenato un polverone nel mondo degli studiosi di tutto il mondo, tanto che domattina un team di scienziati di Boston è pronto a giungere nella località trentina. Staremo a vedere". 

 

Eh già, staremo a vedere. Ad accoglierli non potrà che esserci Alvaro Porfido. Intanto godetevi Orson Wells e buona risata a tutti.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

21 novembre - 19:19

Per l'assessora provinciale competente questo sarebbe ''un segnale importante'' per aiutare chi quotidianamente convive con i problemi legati all'handicap eppure le variabili in gioco sembrano essere davvero troppe. La norma rischia di valere per pochissimi casi. Meglio sarebbe stato potenziare la legge nazionale che prevedere di favorire lo smart working per i genitori di figli disabili

21 novembre - 19:46

Per colpa del maltempo una frana si è abbattuta sulla strada che collega le frazioni di Zoldo Alto e Forno di Zoldo (dove si trova la scuola). Per questo i bambini sono stati coinvolti in una singolare avventura: aggirare la colata di fango sopra una passerella sul torrente Maé

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato