Contenuto sponsorizzato

Gli studenti del Fontana di Rovereto sono tornati dall’esperienza di volontariato in Chiapas

I dodici studenti si sono recati in Messico dal 18 agosto al 2 settembre nell'ambito del progetto 'Solidal Fontana' – Iterscambi 2017 di A.P.I.Bi.M.I. Onlus. Adesso il progetto prevede la sensibilizzazione e la condivisione dell'esperienza a compagni di scuola, genitori e insegnanti

 

Pubblicato il - 07 settembre 2017 - 13:37

ROVERETO. Si è conclusa l'esperienza in Chiapas dei dodici studenti dell'istituto Fontana di Rovereto che dal 18 agosto al 2 settembre  hanno preso parte al progetto 'Solidal Fontana' - Interscambi di A.P.I.Bi.M.I. Onlus.

 

Un percorso formativo, organizzato da A.P.I.Bi.M.I. Onlus e I.T.E.T. 'F. e G. Fontana' di Rovereto sostenuto da Non Profit Network – Csv Trentino e Provincia di Trento, attraverso un viaggio coinvolgente alla scoperta di realtà lontane, la cui conoscenza pregressa è ravvisabile in un connubio di dibattiti, incontri e sostegno a distanza.

 

E così i ragazzi, partiti alla volta del Chiapas hanno toccato con mano i progetti supportati dal gruppo volontariato dell’Istituto coadiuvato dal professore Marco Todeschi con sagacia e senso di responsabilità.

 

Arricchimento personale, contatto diretto con altre culture altre e immersione in luoghi dal fascino incantato sono solo alcuni degli obiettivi inseriti nel progetto.

 

Gli studenti sono stati accompagnati da una guida autoctona di eccezione, cioè il referente del progetto che segue in loco gli sviluppi della comunità indigena di San Josè del Carmen. In questo modo il sud-est del Messico è stato vissuto in tutta la sua bellezza culturale, antropologica e naturale.

 

Due settimane intense che certamente segneranno la crescita personale dei ragazzi, due settimane che hanno costituito il connettore tra la loro voglia di mettersi in gioco e aiutare a distanza con l’innato desiderio di avere un contatto diretto proprio con la realtà con la quale hanno stretto il legame.

 

Nei prossimi mesi i ragazzi si renderanno protagonisti di attività di sensibilizzazione rivolte a compagni, genitori, insegnanti e cittadinanza trentina facendo in modo che un’esperienza individuale si trasformi in un vissuto comunitario e condiviso.

 

Durante i giorni trascorsi all'estero, l'istituto si è inoltre avvalso della collaborazione di Busacca Produzioni Video per la realizzazione di un documentario dell’esperienza vissuta che vedrà la luce nei prossimi mesi, mentre sono diversi i partner del progetto da Casa de Estudios Agricolas AC all'Agenzia viaggi E.T.L.I., dall'Associazione Italia-Nicaragua Onlus all'Associazione Progetto Colomba Onlus, dall'Operazione Colomba, corpo non-violento di Pace dell'Associazione 'Comunità Papa Giovanni XXIII Condivisione fra i popoli Onlus' alla Cooperativa Sociale SMART Onlus.

 

A.P.I.BI.M.I. Onlus nasce nel 1988 a Volano per iniziativa di un gruppo di persone sensibili ai problemi del Mondo Impoverito, con particolare attenzione alle difficoltà dell’infanzia. Ad oggi i centri finanziati sono 22 in 8 Paesi: Argentina, Brasile, India, Messico, Mozambico, Perù, Repubblica Democratica del Congo e Vietnam. I bambini sostenuti circa 8000. L'associazione organizza il Sostegno a Distanza, progetti di sviluppo e attività di sensibilizzazione sul territorio tramite percorsi scolastici, eventi e manifestazioni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 17:33

I danni da masse nevose a causa della nebbia non sono ancora del tutto visibili, ma si teme che si siano verificati grossi danni. I geologi provinciale hanno riferito di frane in val Pusteria, val Badia, valle Isarco e Bassa Atesina

18 novembre - 16:31

Il personale di Veneto strada sta monitorando il territorio colpito da diversi smottamenti. Anche la frana di Schiucaz è seguito in tempo costante dopo gli smottamenti avvenuti nelle ultime ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato