Contenuto sponsorizzato

Mali, festa dell'Indipendenza: dall'inferno dei battilamiera alle passeggiate in solitaria di Jovanotti

Il giornalista trentino Marco Pontoni ci porta alla scoperta di un Paese pieno di energia ma minacciato da jihadismo e guerre civili. Si parte da Bamako, la capitale

Foto di Marco Pontoni
Di Marco Pontoni - 24 September 2016 - 08:04

BAMAKO (Mali). Il 22 settembre è la festa dell'Indipendenza qui a Bamako, capitale del Mali. Questo è il paese della mitica Timbuctu, miraggio inseguito da tanti esploratori, del re Kankan Moussa, che quando andò in pellegrinaggio alla Mecca si portò dietro tanto oro da provocare un'inflazione epocale in tutto il Sahel.

 

La realtà di oggi è un po' diversa. Le tensioni secessioniste nel Nord del Paese, che nel 2013 hanno provocato l'entrata in campo della Francia, ex-potenza coloniale, hanno quasi azzerato il turismo (che qui ha sempre trovato cose molto interessanti da vedere).

 

Andiamo al mercato con la nostra guida, nipote di un capo Dogon, una delle popolazioni più famose dell'Africa grazie agli studi di Marcel Griaule. Finiamo nella "ferriera" di Bamako, che si sviluppa ai piedi di una scarpata. Girone infernale di battilamiera, saldatori, riciclatori abilissimi di ogni utensile, lastra, filo, coperchio, sbarra o frammento metallico si possa trovare negli oggetti che il mercato scarta e ammucchia quaggiù,  sotto a queste tettoie dove si fonde, si taglia, si crea ex-novo. Africa che lavora.

 

Nel pomeriggio, con Fabio Pipinato, visito un villaggio SOS,  30 chilometri fuori dalla capitale. Il Trentino lo sostiene da anni, anche grazie all'attivismo di una donna del Mali che vive a Trento, Massitan Kanté. Struttura molto bella, ariosa, in stile locale, che può ospitare fino a 150 bambini con le loro famiglie. Mentre il sole si avvicina alla linea dell'orizzonte, ci accompagnano a vedere una partita di calcio. E' anche qui la festa dell'Indipendenza. Una festa serena, nulla fa supporre che in questo Paese covino delle tensioni, non c'è una asfissiante presenza di militari in giro né incappiamo in continui posti di blocco.

 

I bambini del villaggio SOS  hanno preparato uno spettacolino per l'intervallo fra il primo e il secondo tempo. Un rapper  intona la sua canzone, vagamente nostalgica. Il Mali è  paese di musicisti straordinari e prima della guerra - che ha visto le spinte secessioniste dei Tuareg saldarsi con lo jihadismo - a Timbuctu si teneva il festival del deserto.

 

La nostra guida, Dolo' Lesserou,  ci racconta di Jovanotti, che girava da solo per Timbuctu, senza neanche una persona a indirizzarlo. E scappava se vedeva degli italiani.

 

(1. continua...)

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 March - 13:42
In zona gialla dovrebbero restare valle d'Aosta e Liguria, la Sardegna in quella bianca; il presidente delle Marche, Francesco Acquaroli, inserisce in zona rossa le province di Macerata e Ancona. La Provincia di Bolzano si è autoproclamata zona rossa fino al 14 marzo, mentre quella di Trento, secondo quanto affermato dal governatore, dovrebbe restare in zona arancione
05 March - 11:32

Coldiretti a livello nazionale ha raccolto oltre 5 milioni di chili di prodotti tipici Made in Italy a chilometri zero e di altissima qualità distribuiti poi per garantire un pasto di qualità ai più bisognosi di fronte alla crescente emergenza provocata dalla pandemia Covid

05 March - 11:56

Il soccorso consiglia quindi di indossare ramponcini o dispositivi similari adattabili a tutte le calzature, solo su strade pianeggianti o con lieve pendenza. In tutti gli altri tipi di terreno, è necessario utilizzare esclusivamente ramponi fissati e bloccati a dovere

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato