Contenuto sponsorizzato

Dalla guerra del 2012 ai 100.000 sfollati nel 2015. Il Mali, un Paese sotto attacco

Dopo la caduta di Gheddafi armi e soldati hanno invaso il Sahel. Nel Nord tuareg e jihadisti, anche di Al-Qa'ida, spingono per la secessione e Bamako è sotto scacco

Di Luca Pianesi - 24 settembre 2016 - 08:20

Il Dolomiti non è solo un giornale locale: nasce e vive in rete e può quindi permettersi di non darsi confini, di viaggiare sulle ali di internet, sui canali dei social, sui link e le foto condivise con whatsapp dando sfogo a una vocazione internazionale che è sempre più, ormai, patrimonio di tutti.

 

Una vocazione da coltivare che può dare chiavi di lettura nuove, diverse e permettere di capire anche tanti dei fenomeni che succedono in casa nostra. E se la domenica cercheremo di raccontarvi i grandi eventi del mondo visti con gli occhi dei trentini di prima, seconda o terza generazione che si trovano sul posto o di nuovi-trentini che da qui ci spiegheranno cosa sta succedendo nella loro terra d'origine, oggi comincia un viaggio tutto speciale.

 

A guidarci è il giornalista di Trento Marco Pontoni che si trova in Mali. Un paese che solo due anni fa si trovava in pieno stato di guerra tra spinte separatiste tuareg e movimenti jihadisti. Quest'ultimi sono nati dallo sciogliersi del regime di Gheddafi in Libia. Con il rovesciamento del regime libico, ex guerriglieri e soprattutto armi e mezzi hanno invaso il Sahel. I tuareg  hanno proclamato il loro Stato indipendente, l'Azawad, appoggiandosi ai gruppi di salafiti cresciuti nel deserto, Ansar Dine (Difensori dell'Islam) legati all'Aqmi, la rete di al Qaeda nel Maghreb islamico, e il Mujao (Movimento per l'unicità e il jihad nell'Africa Occidentale).

 

Nel 2013 l'intervento dei francesi ad appoggiare  il presidente maliano Dioncounda Traoré con l'"Opération Serval", di aiuto militare (soprattutto con i bombardamenti aerei) e logistico alle forze del governo maliano. I caccia francesi in pochi giorni a gennaio riescono nell'impresa di distruggere la sede di Al-Qa'ida nel Maghreb islamico a Timbuctu e permettono anche alle truppe franco-maliane la riconquista della città con tanto di visita, il primo febbraio, del presidente Holland.

 

I combattimenti poi sono proseguiti nel corso dei mesi con anche l'intervento in appoggio della Francia di altre nazioni europee. Il 20 febbraio 2015 il cessate il fuoco ma la nazione è ancora fortemente instabile e i combattimenti tra gruppi armati, soprattutto nelle aree di Gao, Mopti e Timbuktu del nord del paese, si riaccendono ciclicamente come fossero tizzoni sepolti sotto braci sempre pronte ad ardere. A metà 2015 erano più di 100 mila le persone sfollate e meno di un anno fa, il 20 ottobre, è arrivato l'attentato all'hotel Radisson Blu di Bamako, la capitale del Paese dove si trova Marco in questi giorni, che è costato la vita a 27 persone e orchestrato da un'organizzazione jihadista, il gruppo fondato da Mokhtar Belmokhtar, ex comandante di al Qaeda nel Maghreb.

 

Quattro mesi dopo è toccato all’hotel Nord-Sud che ospita, oltre a numerosi cittadini stranieri, un campo d’addestramento della Eutm, la Missione di formazione dell’Unione Europea in Mali. Ma i morti e gli attentati anche in questo 2016 sono quasi incalcolabili. Solo due giorni fa l'ultima denuncia delle Nazioni Unite che nella regione di Kidal, nel nord del paese, continuerebbero a ripetersi scontri. Scontri che rischiano di far saltare l’accordo di pace tra governo centrale e ribelli tuareg firmato lo scorso giugno. Il riferimento è agli scontri tra gli ex ribelli del Coordinamento dei movimenti dell’Azawad e i combattenti del gruppo filo-governativo Gatia per il controllo della città di Kidal.

 

La missione - prosegue il comunicato della Nato - ha espresso preoccupazione per i sospetti casi di violazione dei diritti umani e ha definito inaccettabile il blocco degli aiuti umanitari, che priva le popolazioni beneficiarie dei loro diritti fondamentali. Ma non è tutto. Anche nella capitale Bamako, dove si trova in questi giorni Marco, la situazione è piuttosto tesa. In Mali, tra i tanti soldati stranieri presenti, ci sono anche 12 militari italiani dislocati in zone diverse (a marzo 3 erano a Bamako).  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 settembre - 05:01

Ieri l'incontro in Quinta Commissione provinciale tra i rappresentanti del Consiglio del sistema educativo e il direttore del dipartimento prevenzione dell'Apss. Sul tavolo anche le questioni sollevate da il Dolomiti sui tempi che si allungano per sapere l'esito dei tamponi per gli studenti (e si traducono in lunghi isolamenti anche per i genitori) e i test antigenici. Ecco cosa è emerso

29 settembre - 20:54
L'esecutivo comunale è composto da 4 donne: 2 in quota Partito democratico, una rappresentante per Azione-Unione e Insieme. Il primo cittadino, Franco Ianeselli, ha delineato la Giunta a palazzo Thun chiamata a guidare Trento per i prossimi 5 anni: "Lavoriamo per la città in un'ottica di sostenibilità ecologica, economica, sociale e istituzionale"
29 settembre - 19:46

Sono 25 fino a questo momento le classi messe in quarantena perché sono stati riscontrati alunni positivi, ma 9 di queste hanno già terminato il periodo di isolamento mentre le altre 16 dovrebbero concludere questa misura tra pochi giorni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato