Contenuto sponsorizzato

Merano, in cucina spunta un tesoro di oltre 3.000 monete di epoca romana

Il ritrovamento è avvenuto durante gli scavi in via Virgilio a Maia Alta. Le monete risalgono al periodo dell'imperatore Diocleziano all'epoca della scissione dell'Impero romano fra occidente e oriente

Di Luca Andreazza - 09 marzo 2017 - 15:42

MERANO. Un tesoro di 3.187 monete provenienti dalle zecche del mondo di allora: Cartagine in Africa, Antiochia in Turchia, Tessalonica in Grecia, Alessandria in Egitto, ma anche Siscia in Croazia, Lione in Francia, Roma e Aquileia. Tutto questo è affiorato durante gli scavi archeologici in via Virgilio a Maia Alta, dove sono state rinvenute anche fibule decorate e altri reperti di valore.

 

Nel corso degli scavi condotti dalla Soprintendenza provinciale alle belle arti di Bolzano è stato individuato un esteso edificio e durante le operazioni sono emerse queste monete, databili tra la fine del III secolo e l'inizio del IV secolo d.C., che si trovavano nascoste sotto una macina nella cucina della casa.

 

Questi reperti sono ora allo studio dell'ufficio beni archeologici e risalgono al periodo dell'imperatore Diocleaziano, all'epoca della divisione dell'Impero romano fra occidente e oriente: le monete riportano infatti l'effige di Maximianus Augustus, Constantius Clorus Caesar, Diocletianus Augustus e Galerius Caesar.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 19:33

Sono 256 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 3 decessi. Sono 13 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

25 gennaio - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

25 gennaio - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato