Contenuto sponsorizzato

Pullman troppo alto per passare sotto il ponte. Poi rompe le catene: gli alunni si incamminano due ore per raggiungere la meta

Lunedì 6 febbraio il fuori programma per gli alunni, fra gli 11 e i 13 anni, dell'Istituto comprensivo di Cembra. Il dirigente scolastico: "Grazie agli insegnanti per aver sempre garantito la sicurezza dei ragazzi. Ovviamente chiediamo il rimborso del servizio"

Di Luca Andreazza - 15 febbraio 2017 - 14:45

TRENTO. Un tour della Valle di Cembra, una strada sbagliata, catene rotte e un'escursione di oltre due ore per raggiungere il passo di Oclini. Lunedì 6 febbraio, quella che sarebbe dovuta essere una spensierata giornata sulla neve, si è trasformata in un'odissea per i ragazzi, fra gli 11 e i 13 anni, dell'Istituto comprensivo di Cembra. 

 

"Un fuori programma - commenta Roberto Trolli, dirigente dell'Istituto comprensivo Cembra - preso anche di buon grado dagli studenti. La preoccupazione maggiore è stata di genitori e insegnanti accompagnatori, che ringrazio per l'attenzione durante la giornata. I docenti infatti hanno sorvegliato costantemente i ragazzi e garantito la loro sicurezza in ogni frangente".

 

Nevica, ma l'inizio è promettente, quasi tutta la scuola è coinvolta nella 'Giornata della neve' e solo pochi alunni, una quindicina, rimangono al caldo delle aule: tutti gli altri sono pronti a sperimentare l'ebbrezza di un viaggio all'interno dell'autobus a due piani, giunto apposta per accompagnare l'istituto al passo di Oclini e trascorre un pomeriggio immersi nella bianca natura a 'quattro passi da casa'.

 

Pronti, partenza, via, ma il vettore di Dibiasi bus non ci mette molto a sperimentare il primo contrattempo. Il mezzo, a due piani, è troppo alto per passare sotto il ponte di Lisignago e a questo punto scatta il piano B, il pullman gira le ruote e inizia un tour della Valle di Cembra per dirigersi verso il passo di Oclini.

 

La disavventura però non può finire qui, qualcosa va di nuovo storto e il conducente sbaglia strada: accortosi dell'errore, corregge la rotta e si riporta sulla retta via. Questa volta il percorso è giusto e la barra dritta verso la destinazione finale. La mattina ormai volge al termine, la marcia, complice il maltempo, non è spedita e il ritardo accumulato discreto, ma almeno si dovrebbe raggiungere la neve prima della chiusura degli impianti sciistici.

 

Invece si compie l'en plein: il mezzo rompe le catene e arresta la sua corsa ben prima della meta. A questo punto i ragazzi sembrano dividersi: qualcuno suggerisce di tornare indietro, altri di proseguire. Prevale l'ultima linea, rapida predisposizione del piano C e allora gli alunni, sempre sorvegliati dagli insegnanti, si incamminano di buona lena. Un'escursione di oltre due ore permette di raggiungere il passo intorno alle 14 e gustare un meritato pranzo, prima di sfruttare le ultime ore in vista della chiusura degli impianti.

 

"Dibiasi è un'ottima azienda - conclude Trolli - i problemi si sono verificati a causa della scarsa esperienza dell'autista. Sono stati però molto rapidi nel recuperare le catene e permettere il rientro dei ragazzi. Ovviamente abbiamo già chiesto il rimborso del servizio, in quanto non all'altezza".

 

Il pullman nel frattempo riesce a raggiungere la comitiva per riportare tutti a casa intorno alle 19, per buona pace dei genitori in attesa dalle 17, l'orario programmato ufficialmente per il rientro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 17:03

Inaugurata questo pomeriggio la quindicesima edizione del Festival dell'Economia. Fugatti: "Non era scontata e non è stato facile", Tito Boeri: ''Quest'anno sarà un festival con gli spettatori virtuali ma sarà garantita la possibilità di interazione con i relatori"

24 settembre - 15:44

Il piccolo era a casa da venerdì e nel frattempo è arrivato l'esito positivo del tampone, così l'istituto ha attivato scrupolosamente le procedure per fronteggiare questo caso. L'attenzione sul comparto della scuola resta alta, così come in altri settori quali la filiera dell'agroalimentare e della lavorazione di prodotti di consumo

24 settembre - 13:10

Dopo quanto accaduto a Ischgl tra febbraio e marzo il cancelliere austriaco ha annunciato una serie di misure che si applicheranno questa stagione sulle piste. Mascherine in funivia, distanza di un metro gruppi di massimo 10 persone per le scuole di sci

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato