Contenuto sponsorizzato

Ritorna a Trento l'iniziativa 'Nonno ascoltami!' per prevenire problemi all'udito, solo il 20% delle persone è consapevole di avere complicazioni

Numerosi studi hanno evidenziato che le persone che soffrono di disturbi uditivi sviluppano preoccupazione, scarsa vita sociale, ansia, tristezza e depressione. Nel mondo sono circa 360 milioni le persone con problemi all'udito, mentre in Italia la quota è intorno ai 7 milioni

Di Luca Andreazza - 04 ottobre 2017 - 11:58

TRENTO. Anche Trento partecipa all'ottava edizione di 'Nonno ascoltami!', la campagna nazionale per la prevenzione contro i disturbi dell'udito, un'iniziativa patrocinata dalla Presidenza del consiglio e dal Ministero della salute e realizzata dall'organizzazione mondiale della sanità prevista in piazza Duomo per domenica 8 ottobre.

 

"E' fondamentale - spiega l'assessora Mariachiara Franzoia - lavorare sull'invecchiamento attivo, così come in materia di prevenzione e informazione. E'necessario aggiungere qualità a ogni anno di vita. L'udito è alla base delle relazioni tra le persone".

 

Nel mondo sono circa 360 milioni le persone con problemi all'udito, mentre in Italia la quota è intorno ai 7 milioni: solo il 20% sarebbe consapevole di complicazioni alla apparato acustico.

 

"L'obiettivo - commenta Stefano Minotto, rappresentante dell'Associazione 'Nonno ascoltami!' - è quello di sensibilizzare le persone e portarli a conoscenza dell'importanza di monitorare l'udito e prevenire eventuali disturbi. Questo è un evento sociale, che prendendo spunto dalla Festa dei nonni, richiama in piazza tutta la famiglia per approfondire la tematica dell'udito".

L'ipoacusia è tra i principali fattori alla base di demenze e Alzheimer (Qui articolo) e ogni giorno in Italia circa trenta individui scoprono di avere un disturbo uditivo, un problema che coinvolge due persone su tre oltre i 65 anni, il 75% di questi non porta una protesi acustica e in genere impiegano tra i 5 e i 7 anni prima di accettare questo problema e rivolgersi a uno specialista. 

 

"Il Trentino - dice Vincenzo Savelli del dipartimento Orl all'ospedale Santa Chiara - è sempre stato all'avanguardia nel trattare queste problematiche: è importante avvicinarsi alle metodologie di cura appena si arriva a conoscenza di qualche criticità per intervenire in modo efficace".

 

L'iniziativa 'Nonno ascoltami!' coinvolge 36 piazze e 15 regioni per un bacino d'utenza di circa 10 milioni di cittadini in tutta Italia e offre l'opportunità di effettuare controlli gratuiti dell'udito nelle tende messe a disposizione da Croce rossa e Misericordia

 

"La perdita uditiva - evidenzia Domenico Spinella del dipartimento Orl dell'ospedale S. Maria del Carmine - condiziona negativamente la vita delle persone. Se si riconosce il problema in modo tempestivo, gli interventi costano poco e sono veloci".

 

Numerosi studi hanno evidenziato che le persone che soffrono di disturbi uditivi sviluppano preoccupazione, scarsa vita sociale, ansia, tristezza e depressione

 

'Nonno ascoltami!' porterà in piazza medici specialisti e tecnici dell'udito che per un'intera giornata saranno a disposizione dei cittadini che vogliano effettuare un controllo dell'udito e nella tappa di Trento viene supportato da Acustica trentina.

 

 

 

 

 

  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 13:16

L'ex assessore alla salute: ''Bene preoccuparsi di 'attenuare' l’immagine dei morti per Covid nei sacchi neri che sicuramente non è mediaticamente in linea con l’immagine che in Trentino 'siamo lontani dai numeri della primavera.. pochissimi casi in terapia intensiva', però forse spiegare al personale anche quale strategia di politica sanitaria si sta portando avanti e quale modello di riorganizzazione dei reparti, aiuterebbe a lavorare con maggiore serenità e consapevolezza''

29 ottobre - 11:30

In Alto Adige la situazione è molto difficile con centinai di casi al giorno e i decessi in continuo aumento. L'estate di ''non ce n'è Covid'' però pesa sulla percezione della gente e mentre il sistema si trova ad affrontare uno dei momenti più difficili dal dopoguerra e il sistema sanitario torna ad essere in affanno servono anche questi appelli

29 ottobre - 12:27

L'incidente è avvenuto all'altezza del casello di Rovereto Nord in direzione del Brennero. In azione la macchina dei soccorsi, disagi alla viabilità

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato