Contenuto sponsorizzato

Spazio Galasso, il primo centro per il benessere psico-fisico

Cinque ragazze hanno aperto nel vicoletto di via Galasso una struttura che tra musica, movimento e socialità si occuperà del benessere delle persone. Dallo shiatsu ai trattamenti osteopatici, dai corsi per il parto a quelli motivazionali. Sabato è tempo di Open Day

Di Camilla Endrici - 07 settembre 2016 - 15:29

TRENTO. A Trento da qualche mese c’è un posto nuovo. Un piccolo spazio, in un altrettanto piccolo vicolo del centro della città, fondato da alcune giovani donne. E’ stato inaugurato prima dell’estate ma da settembre ha iniziato a lavorare a pieno regime. Si chiama Spazio Galasso 13 e, manco a dirlo, si trova in vicolo Galasso 13.  Che per chi non lo sapesse è in uno dei vicoletti che da via Manci si dirigono verso nord.

 

Una posizione defilata quanto basta per renderlo intimo e silenzioso, ma centrale per poter essere raggiunta facilmente da chi sta in città. Il cuore fisico di Spazio Galasso è la sala con il pavimento in legno e le due grandi vetrate che si affacciano sul vicolo, dove sono ospitati, da mattino a sera, corsi di vario genere: dalle lezioni di Metodo Feldenkrais (un metodo di autoeducazione attraverso il movimento) ai laboratori di canto, dai corsi di parto e movimento agli incontri di counselling, dai trattamenti shiatsu a quelli osteopatici, dalle classi di esercizi bioenergetici a quelle di gyrokinesis , dagli incontri di bones for life (per stimolare la rigenerazione del tessuto osseo) alla ginnastica antalgica.

 

Un luogo dove ritrovarsi, insomma. Un posto così mancava a Trento, ed è bello che ora abbia il suo spazio. Questo il cuore fisico, ma il cuore vero sono loro, le persone che hanno animato il progetto, nato per caso come spesso nascono per caso le cose che funzionano. Cinque donne con professionalità diverse, tutte legate al benessere psico-fisico e alla ricerca su di sé attraverso il corpo, il movimento e la voce. Serena Ziglio, Luna Pauselli, Fannj Oliva, Nadia Paissan ed Elisa Amistadi: alcune si conoscevano già, altre no.

 

Le ragazze all'opera durante i lavori per attrezzare la struttura
Le ragazze all'opera durante i lavori per attrezzare la struttura

Un giorno una di loro ha saputo che c’era la possibilità di affittare questo luogo, e senza neanche il tempo di rendersene conto in poche settimane erano lì, a dipingere le pareti e scegliere ogni dettaglio con cura. E’ bello che si chiami Spazio, senza una definizione d’uso specifica, perché è così che si presenta: come un luogo dove trovarsi per scoprirsi, in diverse forme. Per fare spazio a sé ci vuole spazio, mi verrebbe da dire. E in via Galasso 13 ora c’è.

 

Per chi volesse conoscere tutte le proposte di Spazio Galasso 13, l’appuntamento è sabato 10 settembre con l’Open Day di presentazione. Per informazioni, si può visitare la Pagina FB Spazio Galasso 13 o la pagina dedicata su www.crushsite.it nella sezione didattica, o scrivere a spaziogalasso13@gmail.com.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 agosto - 05:01

In un Paese come la Germania sono gli stessi elettori a pretendere serietà dai loro rappresentanti e così per il numero 1 della Repubblica Federale tedesca non c'è stato altro da fare (soprattutto in questo momento difficile dove il Covid sta tornando e in Spagna e Francia si parla già di seconda ondata). In Italia, le cose, vanno diversamente

08 agosto - 18:09

Uno dei due ladri ha tentato di aggredire un carabiniere con un cacciavite. Nel furgone dei malviventi recuperate tre biciclette (una completamente smontata) dal valore complessivo di 9500 euro, ma anche sofisticate apparecchiature per inibire i Gps

09 agosto - 09:27

Il fatto è avvenuto nella notte tra sabato 8 agosto e domenica 9 a Ossana, in Val di Sole. Una discussione degenerata è stata sedata da due militari presenti sul posto in abiti civili. Identificatisi ai giovani protagonisti della zuffa, uno dei due carabinieri è stato raggiunto da un pugno di uno di questi, che successivamente ha cercato la fuga. 5 le persone identificate, tra cui dei minorenni. Rischiano fino a 5 anni di reclusione per rissa aggravata

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato