Contenuto sponsorizzato

In Vallagarina il primo servizio pubblico in Italia che si può pagare con i bitcoin. La 'rivoluzione' comincia dalle mense delle scuole

Il Trentino si conferma come uno dei territori più all'avanguardia nell'utilizzo della criptovaluta in Europa. Amadori (Inbitcoin): "Ora, in Trentino, 11.107 studenti avranno la possibilità di pagare 900.000 buoni pasto all'anno in bitcoin. Un altro passo verso la Bitcoin Valley. Ma bisogna fare presto perché anche altri territori si stanno attrezzando"

Di Luca Pianesi - 13 settembre 2017 - 19:03

ROVERETO. E' uno dei primi casi in Europa di ente pubblico che si affida, per il pagamento di un servizio, ai bitcoin. Sicuramente è il primo in Italia. E a dare il via alla rivoluzione digitale è la Vallagarina. Da quest'anno, infatti, il servizio mensa per gli alunni degli istituti comprensivi della Vallagarina potrà essere pagato in bitcoin "moneta virtuale digitale - si legge nel documento ufficiale - senza costi di commissione". "E' una notizia pazzesca - spiega Marco Amadori uno dei soci fondatori e Ceo di Inbitcoin, una delle aziende pioniere in Italia che sviluppa prodotti e servizi per l'uso di bitcoin e che si trova in pieno centro a Rovereto - perché è il primo caso in Italia di servizio pubblico pagato con la criptovaluta e si va, così, a segnare un altro importante passo verso la realizzazione della Bitcoin Valley in provincia. Perché, in questo caso, non sono privati o piccoli negozi che decidono di attivarsi e passare alla moneta, ma è una istituzione che decide che il bitcoin è una reale alternativa. Ora, in Trentino, 11.107 studenti avranno la possibilità di pagare 900.000 buoni pasto all'anno in bitcoin".

 

 

La notifica, infatti, è arrivata a casa di tutti gli studenti della Vallagarina e segna un altro grande passo verso la Bitcoin Valley del Trentino. Non tutti lo sanno ma il nostro territorio, in questo momento, è uno di quelli più all'avanguardia in Europa per l'utilizzo di questa moneta digitale. In tutta Italia esistono 8 sportelli Atm che permettono di "trasformare" euro in bitcoin e 4 sono in regione, due in Trentino (uno a Rovereto nel locale "Mani al Cielo" dove esiste da tempo e uno a Trento a The Impact Hub) e due in Alto Adige "dove stanno cominciando ad interessarsi fortemente alla criptovaluta - prosegue Amadori - infatti google ha tracciato la parola bitcoin nelle ricerche degli utenti e la Provincia di Bolzano è risultata quella che in Europa ha attivato più volte questa ricerca".

Il messaggio di Amadori è chiaro: "Siamo all'avanguardia con oltre 50 merchant tra negozi, bar, benzinai, ristoranti e altri esercizi, in Trentino che permettono di pagare con i bitcoin. Ma bisogna continuare a spingere per diventare la prima Bit Coin Valley Italiana ed Europea. In questo modo attireremmo start up bitcoin da tutto il mondo e diventeremmo un territorio che attira i cervelli invece che lasciarseli scappare. Ma bisogna fare presto. Altre realtà si stanno attrezzando. Per esempio nella zona di Chiasso il fisco sta sdoganando la possibilità di pagare le tasse con i bitcoin". E poi c'è Zugo (sempre in Svizzera) che grazie all'investimento in bitcoin ad oggi è ritenuta una CriptoValley ed è uno dei territori più ricchi in assoluto grazie anche alla spinta di una quindicina di imprese che hanno deciso di investire in bitcoin. In Trentino al provvedimento della Vallagarina si è arrivati anche grazie alla spinta di una proposta di mozione depositata in consiglio provinciale da Alessio Manica che ha chiesto all'amministrazione di investire anche su questa tecnologia.

 

Ma il vantaggio a pagare con la criptovaluta qual è? "Innanzitutto è un sistema di transazione molto più sicuro di quelli oggi in uso. Non espone dati sensibili ed è praticamente inattaccabile sul piano delle chiavi d'accesso. Poi - completa Amadori - è molto più comodo da utilizzare. Tutto viene fatto con lo smatphone senza intermediari e senza banche di mezzo. Infine non ci sono costi di commissione e di nessun altro tipo e può capitare che il gruzzoletto messo via per pagare la mensa ai ragazzi, trasformato in bitcoin, poi lieviti. Negli ultimi due anni il loro valore è cresciuto del mille per cento".

 

Come funzionano i bitcoin lo affidiamo a questo video preso dal sito bitcoin.org e all'approfondimento che avevamo fatto, proprio con Amadori, a marzo dell'anno scorso.

 

  

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.20 del 18 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 ottobre - 06:01

Con l'appello si chiede la progressiva eliminazione dell'uso dei pesticidi di sintesi in agricoltura e l'istituzione di un biodistretto sull'intero territorio della regione. Sono tre i candidati presidenti che fino ad oggi hanno firmato: Antonella Valer, Filippo Castaldini e Filippo Degasperi.

18 ottobre - 20:21

In moltissimi questo pomeriggio ad accogliere Silvio Berlusconi a Trento. Toni molti duri nei confronti del Governo che "sta facendo fare brutta figura all'Italia" e verso i 5 Stelle "Che non sanno fare nulla" 

18 ottobre - 19:43

Preoccupato per le politiche nazionali che potrebbero minare l'unità dell'Europa: "Una scelta suicida affidarsi a loro perché la vostra autonomia è nata dentro l'Europa unita". Giorgio Tonini: "Salvini non ha nemmeno permesso a Fugatti di mettere il suo nome nel simbolo. Che autonomia sarà se nemmeno il governatore sarà autonomo dal governo nazionale?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato