Contenuto sponsorizzato

Venezia 74, un'accoppiata vincente: Charlotte Rampling vince la Coppa Volpi con il regista trentino Andrea Pallaoro

L'attrice vince il premio nel film Hannah del talentuoso regista trentino, formatosi negli Stati Uniti: merito di dedizione e incessante sperimentazione

Di Alda Baglioni - 10 settembre 2017 - 21:47

VENEZIA. Venezia andata e ritorno. Trionfale. Un cerchio, un percorso circolare, che apre a nuove sfide. In sintonia pure con il titolo, Hannah, perfetto palindromo per avvicinarsi allo stile del regista, fatto tutto di piani-sequenza, la forza della lentezza, il cipiglio di un giovane che punta a creare uno stile. Suo, inconfondibile, forse solo paragonabile a certi ‘mostri’ del calibro di Michelangelo Antonioni o - per dirla in pittura - a Francis Bacon.

Ri-lanciando l’assoluto blasone di una interprete che consente ad Andrea Pallaoro di essere annoverato tra i vincitori di una Mostra Cinema piuttosto parca verso le opere maturate negli studios 'Made in Italy' (a parte Nico 1988 di Susanna Nicchiarelli, vincitore nella sezione Orizzonti). Perché Charlotte Rampling è perfetta icona del modo di ‘girare’ del talentuoso regista trentino. Del resto lo si era capito subito, dopo il debutto (l’andata) a Venezia con Medeas, l’epica versione. Così con Hannah (appunto, ritorno…) Pallaoro dimostra, inequivocabilmente, la forza del suo modo di concepire un film e nel contempo - proprio per questo - è pronto ad accettare confronti a ‘campo lungo’. Pronto per l’imminente Festival di Toronto e dunque per la platea internazionale.

Orgoglio trentino, si potrebbe dire, nonostante la sua formazione cinematografica sia tutta Usa. Merito di dedizione e incessante sperimentazione. Spronato sicuramente anche dalla sua famiglia, mamma Nadia e papà Angelo, uno degli architetti più in vista, dopo gli studi al movimentato Pozzo, vecchio istituto per geometri di via Barbacovi, allora scuola ‘sessantottina’. Ecco perché è bello, significativo, vedere il regista e i suoi cari sfilare sul purpureo ‘tappeto’ del Lido veneziano, tra schiere di fotografi e le star del cinema.

 

I trentini che omaggiano la Rampling, e viceversa. Senza la determinazione, pure la cocciutaggine di un ragazzo che - deluso da certe impostazioni provinciali del liceo classico di Trento - sceglie di restare lontano dalla sua famiglia, l’attrice forse non avrebbe potuto dimostrare ulteriormente la sua autorevolezza interpretativa.

 

E magari, senza di lei, Pallaoro, dimostrare al pubblico che conta la sua indiscussa verve autoriale. Deciso ad entrare tra quei registi che la critica annovera tra i ‘classici’.

 

Due opere a Venezia e già è pronto per nuovi, mirati ciak. Lo aveva ribadito subito dopo l’esordio veneziano, insistendo caparbiamente di voler coinvolgere - per il suo secondo lungometraggio - la Rampling. Obiettivo più che centrato. Ha evidenziato, poi, come il cinema italiano presente a Venezia stenti ad avere una visione davvero internazionale, nonostante roboanti promozioni e critici osannanti.

 

Adesso Andrea Pallaoro ha la sceneggiatura per altre due storie. Perfettamente in sintonia con le prime. Lavori che sicuramente saranno facilitati dal meraviglioso riscontro di questo settembre 2017. E ancora: augurando ad Hannah  il pubblico che ama i film senza fronzoli. Scene per capire, pellicole che consentono anche a noi spettatori di essere in qualche modo …’interpreti’. Sperando, inoltre, di avere prestissimo l’anteprima assoluta a Trento. Con la Rampling tra i Pallaoro. In sala. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.39 del 23 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 maggio - 14:56

Se su scala nazionale il Partito democratico è passato dal 18,78% delle nazionali di un anno fa al 22,6% delle europee i voti assoluti sono diminuiti di centomila unità. Ma uno zoccolo duro resiste nonostante l'assenza di Zingaretti in campagna elettorale e la mancanza di una proposta politica nuova. In Trentino la situazione sembra più positiva anche se il 25% preso su scala provinciale non è troppo diverso dal voto delle provinciali

27 maggio - 12:48

Martina Loss: ''Porterò a Roma l'autonomia'', Sutto ringrazia la coalizione. Savoi: ''Ora lavoriamo per prenderci anche i comuni''

27 maggio - 12:12

Il Partito autonomista non ha espresso una sua preferenza per le elezioni suppletive e alla fine sono state 13.000 le schede bianche sui due collegi (un dato spropositato visto che un anno fa erano state 2.400). Giulia Merlo ha perso con Martina Loss per 5.000 voti e 9.000 sono andate ''perse''. Crollo del 10% dell'M5S

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato