Contenuto sponsorizzato

Ancellotti promuove la Val di Sole, sposta Callejon e lancia Milik: ''Fisicamente non ha problemi'

Il mister a Dimaro-Folgarida per il ritiro sta lavorando con la squadra e provando nuove soluzioni: ''Dicono che avrei richiesto i top player, invece sono venuto in questo club perché mi piace il progetto e vorrei aiutare questa società a crescere"

Pubblicato il - 28 luglio 2018 - 17:48

DIMARO. Ok la Val di Sole è giusta. A confermarlo Carlo Ancelotti fresco tecnico del Napoli che al concludersi della sua prima esperienza a Dimaro-Folgarida ha bollato ogni cosa come ''perfetta''. "Abbiamo trovato un’ottima organizzazione - ha detto nell'ultima conferenza stampa del ritiro trentino - un campo d’allenamento in perfette condizione, grande disponibilità da parte del personale dell’albergo, la passione e l’entusiasmo dei nostri tifosi, insomma un ambiente ideale per la preparazione. Tutto ha funzionato alla perfezione”.

 

Ancelotti si è soffermato sui temi principali del ritiro, spendendo parole d’elogio per il gruppo che sta guidando: “Ho ereditato un lavoro straordinario, ci sto aggiungendo le mie conoscenze, ho trovato un gruppo fresco: l’anno scorso dovevo fare gli allenamenti col misurino e, invece questi ragazzi s’esprimono a grande intensità e posso fare l’allenamento come vogliamo noi. Ho letto - ha aggiunto - che avrei richiesto i top player, invece sono venuto in questo club perché mi piace il progetto e vorrei aiutare questa società a crescere”.

 

Il cambio di ruolo di Hamsik e l’abbinata con Diawara è un leitmotiv di questo ritiro. Ancelotti ha confermato il dialogo che ha portato a questa scelta: “Ne ho discusso con lui, ci sta dando qualità, ampiezza, cambi di gioco, sembra che abbia sempre giocato davanti alla difesa ma non sarà il perno principale del centrocampo perché vogliamo valorizzare tutti, non voglio giocatori sfiancati e demotivati a fine campionato”.

 

Ancelotti pensa alla valorizzazione dei calciatori a sua disposizione e non si sofferma tanto sul mercato: “Ci sono delle situazioni di cui si sta occupando la società. Non esistono priorità di Ancelotti o del presidente, ci sono temi che vengono affrontati in maniera condivisa”.

 

“Abbiamo tante soluzioni per il reparto offensivo - ha poi spiegato Ancelotti rispondendo a  una domanda su Callejon e Milik -: a Josè ho dato una soluzione in più, facendolo venire di più dentro al campo senza snaturare le sue caratteristiche e lo straordinario attacco alla profondità. Milik sta lavorando bene, non ha alcun tipo di problema, non so e non m’interessa quanti gol possa fare, l’importante è che li faccia il Napoli. Maneggia molto bene la palla, non è solo utile per i gol”. La prima reale verifica già domani sera al Briamasco a Trento nell’amichevole contro il Chievo Verona (21.00)

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 luglio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
31 luglio - 06:01
Fra lockdown, restrizioni e perdite altissime i lavoratori dello spettacolo sono stati fra i più danneggiati dalla pandemia: “Viviamo nella [...]
Montagna
30 luglio - 16:53
A seguire l'esempio dei due rifugi sul Presena saranno presto anche Passo Paradiso e Malga Valbiolo. Il direttore del consorzio Pontedilegno - [...]
Cronaca
31 luglio - 08:42
L'omicidio è avvenuto martedì notte in un appartamento in centro a Brunico. Il movente rimane ancora sconosciuto, nelle scorse ore i risultati [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato