Contenuto sponsorizzato

Con la Lube è sfida all'ultimo punto ma alla fine Kovacevic non basta e l'Itas perde

La trasferta con Civitanova è stata difficilissima e molto tirata fino all'ultimo punto del tie-break. Per i marchigiani Leal e Sokolov hanno fatto vedere grandi cose mentre Trento si è affidata ai punti dello schiacciatore serbo che però non sono bastati

Foto Trabalza
Pubblicato il - 04 novembre 2018 - 20:44

CIVITANOVA MARCHE. Big Match doveva essere e big match è stato. Trento - Civitanova era uno dei piatti più ghiotti di questa bellissima Serie A di volley e non ha tradito le attese con un incontro avvincente, dall'alto valore tecnico e agonistico e con un Kovacevic da una parte e un Leal e Sokolov dall'altra a segnare punti su punti. Una girandola di emozioni con l'Itas avanti nel primo set, poi sotto senza appello nel secondo, di nuovo avanti nel terzo e ancora la Lube a fare la voce grossa nel quarto e un tie-break da punto a punto anche se alla fine la spuntano i padroni di casa.

 

Come detto è Trento, sospinta da un grande Kovacevic (27 punti da solo), a partire meglio e, dopo aver guadagnato subito un paio di break di vantaggio (7-5), riesce in un allungo importante (13-9) che si trasforma in un +6 (17-11) che sa già di successo, ma arriva il primo blackout del match (ne vivrà altri) e la Lube con Juantorena si riporta sul 20 pari. Nel momento peggiore, però, la squadra ospite piazza un parziale di 5-2 (25-22) nel segno di Van Garderen e Nelli e si porta a casa il primo set.

 

Alla ripresa del gioco la Lube mette in campo la rabbia dei giorni migliori e con Juantorena a rete guadagna subito punti importanti di vantaggio (3-5, 5-10) che diventa incolmabile per i gialloblù, scarichi in attacco ed in difficoltà fra ricezione e muro. I padroni di casa dilagano (7-15) e volano veloci verso il successo del parziale, che arriva già sul 14-25, dopo un assoluto monologo.

 

Nel terzo set l’Itas Trentino prova a reagire. Con Russell in campo i gialloblù trovano maggiore efficacia anche a muro; con i due block che Aaron realizza su Sokolov l’Itas Trentino risale la china sino al 18-18 realizzato da Nelli. Il rush finale è palpitante (20-20), ma anche in questo caso è Trento ad avere la meglio con un servizio di Candellaro più efficace che consente ricostruite in serie a Kovacevic, bravo a sfruttarle per fissare il punteggio sul 25-22.

 

 

Ma il ping pong di successi non è finito. Nel quarto set ci ripensa la Lube a mettere la freccia e a replicare, praticamente, il secondo parziale. Juantorena e Leal segnano che è un piacere (5-7) e poi ci pensa Sokolov ad accelerare (da 7-9 a 7-13). Lorenzetti chiama il time out e al rientro Trento è più convinta, ma non basta e si chiude sul 25 - 20.

 

Tie-break che comincia ed è subito parità (1 a 1). Poi Kovacevic, sempre lui, riesce a creare un primo allungo (1-4) che però poi si riduce a un +1 (5-6) che poi diventa pari 8-8. Il match sembra destinato a non finire mai. L'equilibrio è massimo (10-10, 12-12, 13-13) ma alla fine a vincere sono i padroni di casa sospinti dalla coppia Leal - Sokolov. Due ''bocche da fuoco'' formidabili capaci di superare un grande Kovacevic.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 10:44

Mentre in Trentino aumentano i contagi, sul fronte scuola il presidente Fugatti ha espresso la volontà di discostarsi rispetto al Dpcm evitando di riconvertire le scuole superiori per il 75% alla didattica a distanza. Ma altre sono le criticità intraviste dai docenti, tra cui la mancanza dell'obbligo di indossare la mascherina in classe. Pubblichiamo a riguardo una lettera di un insegnante. "E' la causa di questo aumento vertiginoso dei casi"

27 ottobre - 11:13

Lettere di Denis Fontanari e di oltre 600 persone tra ''Professionisti e aziende dello spettacolo trentino'' per avere quella risposta che il presidente ieri ha negato a il Dolomiti durante la conferenza stampa

27 ottobre - 12:54

Una donna 80enne è stata trovata uccisa in un appartamento di via Resia, a Bolzano. A trovare il corpo, la badante, giunta sul luogo come ogni mattina per offrire i suoi servizi alla coppia. Accanto al cadavere, il marito di 82 anni, indagato come probabile responsabile e che, per lo choc, ha tentato di togliersi la vita

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato