Contenuto sponsorizzato

Trento doma le tigri siberiane e ora si gioca il titolo mondiale con Civitanova

Dopo aver sofferto nel primo set la Trentino Volley vince gli altri tre parziali senza troppi problemi guidata dalla coppia Lisinac e Kovacevic

Pubblicato il - 01 dicembre 2018 - 22:35

CZESTOCHOWA. Contava solo vincere e la vittoria è arrivata ma il divertimento arriva adesso, con la finalissima attesa per domani (domenica) alle 20.30 guarda caso contro Civitanova Marche che ha battuto l'Asseco Resovia per 3 a 1 questa sera. La finale del Mondiale per Club, quindi sarà tutta italiana a ribadire che il miglior volley è qui e non si scappa.

 

L'Itas aveva davanti il Fakel squadra russa, siberiana, si apprestava a vivere la partita più importante della sua ultraventennale storia. Un team guidato da un ex Trento, Camillo Placì (che nel 2004 e 2005 aveva curato il settore giovanile aquilotto) e che nella sua storia ha conquistato due Coppe Europee (CEV Cup 2006 e Challenge Cup nel 2017). Ma dall'altra parte della rete, questa sera, c'era un'Itas tutto cuore e Kovacevic che con i suoi manoni ha guidato l'assalto e per i siberiani l'avventura iridata si è conclusa qui (meglio domani ci sarà la finalina contro l'Asseco Resovia). 

 

Il primo set è stato il più difficile per la truppa di coach Lorenzetti nonostente l'avvio fosse stato targato gialloblù. Subito un allungo con Lisinac al servizio (5-3), mai russi non mollano e rientrano sul 6 a 6. Kovacevic col servizio offre un nuovo vantaggio minino (11-9), ma Volkov con la stessa arma pareggia i conti già a quota 13-13. Si va avanti a suon di cambiopalla sino al 19-19, poi i russi accelerano con Udrys (21-23) e si tengono stretto il vantaggio chiudendo sul 22-25 con un attacco da posto 4 di Volkov.

Trento finalmente si scuote e dal secondo set la muscia cambia. Il match diventa la partita perfetta per la truppa di Lorenzetti e le cose si mettono subito bene grazie a Lisinac e Kovacevic (6-4 e poi 11-6). Giannelli infila un grande turno al servizio che proietta i gialloblù al +7 (14-7). Il Fakel si innervosisce, soffre in ricezione e fatica in attacco: Trento dilaga (20-11 e 23-13) portandosi a casa in fretta il punto della parità nel computo dei parziali (25-14 con Vettori scatenato a rete).

Nel terzo periodo la frazione torna sui binari dell’equilibrio, almeno sino al 6-6. Poi ci pensano due ace di Vettori (8-6) a spezzarlo; in seguito la Trentino Diatecx aumenta il proprio vantaggio (12-9 e 15-10) sempre con l’opposto emiliano e con altre due battute punto di Kovacevic. Anche in questo caso Novy Urengoy accusa il colpo e non reagisce (19-13, 22-14), lasciando spazio alla verve di Giannelli in regia e alla ritrovata efficacia a rete di Vettori: 25-16 e 2-1.

 

Terzo set e partita ormai in ghiaccio. Trento fatica un pochino a ingranare ma poi prende il largo arrivando su un solido 13 a 18 che suona già di vittoria. Il coach avversario chiama i cambi ma al rientro in campo c'è ormai poco da fare. Trento guadagna ancora fiano al 23 a 18. Errore in battuta dei siberiani, cambio palla e Giannelli in battuta che stecca ma poi tocca alla truppa di Placì battere e con l'errore si chiude 25 a 19.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 dicembre 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 dicembre - 13:18

La sostanza stupefacente veniva acquistata attraverso internet utilizzando il "Darkweb" e successivamente veniva spostata in Italia con l'utilizzo di camion. E' la prima volta che in tre mesi un reparto investigativo riesce a raggiungere risultati simili

18 dicembre - 11:20

Per cercare di ridurre al minimo le speculazioni i rappresentanti dei tre territori si sono riuniti per creare una strategia comune. In totale sono stati sradicati 13 milioni di metri cubi di legname. Serve una filiera pronta e un coordinamento anche in tema di sicurezza 

18 dicembre - 12:55

Aperta sul sito dell'Università una pagina per postare ricordi, riflessioni, pensieri per tenere viva la memoria del giovane trentino ucciso nell'attentato di Strasburgo. Ad Antonio sarà poi dedicato il concerto di Natale che la Corale polifonica e l’Orchestra UniTrento eseguirà il 20

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato