Contenuto sponsorizzato

La Lube è troppo forte, la Trentino Volley alza bandiera bianca. Civitanova si prende il pass per la finale

E' finita la corsa della Trentino Volley. In gara 4 Civitanova è una sentenza e si prende la finale playoff che mette in palio lo scudetto. Nelle Marche la Lube piazza un rotondo 3-0 e chiude la serie sul 3-1. 

Di Luca Andreazza - 25 aprile 2019 - 19:44

CIVITANOVA. E' finita la corsa della Trentino Volley. In gara 4 Civitanova è una sentenza e si prende la finale playoff che mette in palio lo scudetto. Nelle Marche la Lube piazza un rotondo 3-0 e chiude la serie sul 3-1

 

Una serata particolarmente difficile per l'Itas, dopo aver trascinato i trentini Kovacevic è opaco, ma i gialloblù in generale faticano a prendere le misure ai cucinieri. La Lube invece, sospinta dal palazzetto, non tradisce emozioni, gira a mille e regola la truppa di Angelo Lorenzetti per chiudere il discorso e non dovere cercare il pass alla Blm Group Arena

 

Una Trentino Volley che questa sera, nonostante le grandi difficoltà, non molla mai e prova a restare in partita, trova la forza di reagire nei momenti di maggior criticità. Ma non basta davanti alla squadra di Ferdinando De Giorgi che salda il conto e può preparare l'atto di finale di questi playoff. 

 

Si abbassa così il sipario sulla stagione della Trentino Volley. L'ultimo obiettivo, quello di cercare di riportare un tricolore a Trento che manca dal 2014/15 si infrange nelle Marche. Un'annata comunque positiva per i colori gialloblù, culminata negli acuti in Polonia per alzare la quinta coppa del Mondo per club e nella prima coppa Cev della storia della società di via Trener.

 

Successi questi che confermano il grande feeling con le competizioni internazionali, mentre per posizionare un altro gonfalone tricolore bisogna aspettare, anche se la strada è tracciata per le potenzialità di crescita di un roster giovane e affamato di vittorie.

 

L’avvio di match nel primo set è molto contratto, ma Trento parte meglio (3-5), anche se sbaglia molto in battuta. Poi Civitanova sale di tono e si mette avanti sul 12-9. Il time out di Lorenzetti è provvidenziale perché alla ripresa del gioco i gialloblù risalgono fino al 14-14. E' Juantorena a rilanciare la Lube per il 19-16. Ci pensano Sokolov e Simon a dire 25-21.

La lotta torna serrata, punto a punto, nel secondo parziale (8-8),  quindi un errore di Vettori e un muro di Simon su Kovacevic aprono la forbice tra le due formazioni (11-8). Time out Lorenzetti e alla ripresa Trento si riavvicina (12-11), ma la speranza di trovare la parità dura poco: Sokolov scrive il 14-11. L'Itas reagisce ancora ma i cucinieri fissano il 25-19.

 

E' battaglia nel terzo set. La Trentino Volley è spalle al muro e si gioca tutto. Prova a prendere in mano le operazioni della frazione, conduce quasi sempre, ma Civitanova è sempre lì. Ricuce sempre e si arriva sul 21-21. Il fotofinish premia definitivamente la Lube: 31-29.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.39 del 23 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 06:01

L'assessora conferma: ''Abbiamo chiesto all'azienda una valutazione sulla nuova organizzazione. E' necessario capire i risultati della sperimentazione per eventualmente rimodulare e rivalutare i modelli''. E in Apss si pensa a dove recuperare risorse. Primo tema da discutere i punti nascita periferici a fronte di cronicità e vecchia veri temi del prossimo futuro

25 maggio - 08:37

E' successo a Egna. Ad essere trasferiti al carcere di Bolzano sono stati due 40enni di Mori e Mezzocorona. Il giorno prima avevano rubato un'auto a Rovereto 

24 maggio - 18:59

Viene da chiedersi cosa avrebbero fatto i membri della giunta se le signore fotografate da Ivan Cristoforetti e messe su Twitter con frasi del tipo ''gran figueria'' o ''festa della prugna'' fossero state loro parenti. O se oggetto degli insulti (per i quali è stato bannato da molti) lanciati dallo stesso braccio destro di Spinelli fossero state persone a loro vicine. Forse avrebbero capito che questo è proprio quel tipo di comportamenti che nelle scuole ai nostri figli cerchiamo di spiegare che è sbagliato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato