Contenuto sponsorizzato

Dopo la rivoluzione estiva dei campionati, un ambizioso Acf Trento Clarentia riparte dalla serie C nazionale

Calcio femminile. Vernissage di inizio stagione per la truppa allenata da Libero Pavan. La presidente del sodalizio gialloblu Rita Csako: ""Il calcio femminile è in forte crescita in tutta Italia". Ai nastri partenza anche la formazione Under 19

Foto di Luca Artesini e Lorenza Lunel
Di Luca Andreazza - 19 settembre 2018 - 19:03

TRENTO. "Il calcio femminile è in forte crescita in tutta Italia. Far crescere i giovani richiede grande sacrificio, ma questi sforzi vengono ripagati quando le ragazze scendono in campo con grandissimo entusiasmo", queste le parole di Rita Csako, presidente dell'Acf Trento Clarentia per lanciare la stagione delle gialloblu.

 

Terminata la preparazione estiva e la prima vittoria per 2-1 nel derby regionale contro l'Unterland Damen in coppa Italia, per la formazione trentina è di tempo di iniziare la stagione nel neonato campionato di serie C nazionale.

 

Dopo tre stagioni di buon livello in serie B, l'Acf Trento si appresta all'esordio nel nuovo torneo per via della rivoluzione estiva dei campionati femminili (Qui la presentazione della squadra, la rosa e l'intervista alla capitana Giordana Torresani).

 

"Dopo questi cambiamenti - dice Libero Pavan, tecnico del sodalizio trentino -  difficile conoscere il vero livello delle avversarie, ma sono sicuro di avere a disposizione un gruppo molto competitivo. Ripartiamo dal gruppo di ragazze presenti e da qualche ottimo innesto. Il campo sarà poi giudice insindacabile e ci dirà a cosa potremo realmente puntare".

 

La società, fondata nel 1976 e legata a doppio filo con il calcio femminile fin dagli anni '90, rappresenta l'unica realtà provinciale e l'obiettivo è quello di centrare i quartieri nobili della serie C per confermare il formato di livello nazionale raggiunto in queste ultime stagioni, nel corso delle quali si è ritagliato un ruolo di primo piano in Trentino.

 

Le gialloblu sono inserite nel girone B di serie C insieme alle formazioni altoatesine Unterland Damen e Bressanone Obi, alle venete Calcio Padova Femminile, Venezia Femminile, Vicenza, Permac Vittorio Veneto, quindi alle lombarde Como 2000, Riozzese, Voluntas Osio, Fiammamonza 1970 e alla sarda Atletico Oristano.

 

In panchina si riparte dalla riconferma di Libero Pavan, mentre l'ossatura della squadra è stata mantenuta, dal portiere Valzolgher, passando per il talento di Rosa e Tonelli. Ci sarà poi finalmente il rientro in campo della capitana Giordana Torresani, dopo un lungo infortunio, pronta a dettare i tempi in mezzo al campo. 

 

La realtà della presidente Rita Csako è stata comunque molto attiva sul mercato. In arrivo Luciana Bon e Martina Varrone dall'Unterland Damen, quindi Linda Tonelli (Azzurra e diverse presenze in massima serie) e Silvia Zappini a rimettere gli scarpini dopo un lungo infortunio.

 

In uscita ecco invece Arianna Bonenti e Ilenia Dauriz, destinazione Azzurra, Beatrice Biasioli e Martina Brunello, il bomber della passata stagione, che per motivi di studio si dedicherà per un anno al calcio a 5, militando nel relativo campionato regionale.

 

Domenica 23 settembre il Trento Clarentia scenderà in campo per la seconda sfida di coppa Italia contro il Bressanone Obi mentre il campionato inizia il 14 ottobre quando le gialloblu sono attese dal Voluntas Osio.

 

Oltre alla prima squadra, la società trentina schiera anche la formazione Under 19 che si prepara ad affrontare il torneo triveneto di categoria.

 

QUI D-SPORT SPECIALE CALCIO


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 20:41

L'intervento della Pat si articola in due fasi. Critiche anche Uil e Nursing up: "Ci chiediamo dove siano finiti i finanziamenti economici aggiuntivi che la Provincia ha ricevuto in marzo e maggio dal governo di Roma per sanità e contrattazione, per non parlare poi dei 20 milioni già stanziati nelle finanziarie provinciali per il nuovo contratto del pubblico impiego 2019/2021 e poi soppressi"

25 maggio - 19:16

Ci sono 5.400 casi e 462 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 675 (315 letti da Apss e 360 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tampone a 0,15%

25 maggio - 18:12
I tamponi analizzati sono stati 675 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,15%, il dato più basso da inizio epidemia. Un positivo nelle ultime 24 ore. Il Trentino si porta complessivamente a 5.400 casi e 462 decessi da inizio emergenza coronavirus
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato