Contenuto sponsorizzato

Gianni Moscon difende la maglia tricolore a crono e beffa Filippo Ganna per 2 secondi

Dopo un duello a distanza appassionante il trentino del Team Sky, sempre indietro negli intermedi, riesce a strappare il tempo migliore. Terzo Fabio Felline

Di Luca Andreazza - 04 ottobre 2018 - 16:40

TORINO. La strada delle mele piemontese porta fortuna a Gianni Moscon. Il trentino in forza al Team Sky si conferma per il secondo anno consecutivo campione italiano a cronometro.

 

Il teatro di gara dei campionati italiano parte da Cavour in provincia di Torino e il percorso si snoda tra Campiglione e Bibiana su un circuito di 21 chilometri da ripetere due volte per un totale di 42 chilometri.

 

Un falsopiano in leggera discesa nel finale che ben si adatta a corridori in grado di azionare rapporti più lunghi. L'osservato speciale è proprio Moscon, reduce dal brillante quinto posto ai mondiali su strada di Innbruck e campione in carica nella specialità contro il tempo.

 

Il trentino è autore di una grandissima prova e beffa Filippo Ganna (Uae Team Emirates) per appena due secondi.

 

Il piemontese due volte campione del mondo di inseguimento registra sempre gli intermedi migliori e chiude in 28'22'', il duello a distanza è appassionante, Gianni Moscon è sempre vicino e nell'ultima parte di corsa trova lo spunto per rimontare e staccare il tempo di 28'24'', un crono che vale la riconferma della maglia tricolore. Terzo l'altro favorito di giornata, il piemontese Fabio Felline, distante però ben 57'' dal trentino.

 

PODIO CAMPIONATI ITALIANI A CRONOMETRO 

1. Gianni Moscon (Team Sky) km 41 in 28’24”
2. Filippo Ganna (UAE Team Emirates) a 2″
3. Fabio Felline (Trek-Segafredo) a 57″

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 10:44

Mentre in Trentino aumentano i contagi, sul fronte scuola il presidente Fugatti ha espresso la volontà di discostarsi rispetto al Dpcm evitando di riconvertire le scuole superiori per il 75% alla didattica a distanza. Ma altre sono le criticità intraviste dai docenti, tra cui la mancanza dell'obbligo di indossare la mascherina in classe. Pubblichiamo a riguardo una lettera di un insegnante. "E' la causa di questo aumento vertiginoso dei casi"

27 ottobre - 11:13

Lettere di Denis Fontanari e di oltre 600 persone tra ''Professionisti e aziende dello spettacolo trentino'' per avere quella risposta che il presidente ieri ha negato a il Dolomiti durante la conferenza stampa

27 ottobre - 12:54

Una donna 80enne è stata trovata uccisa in un appartamento di via Resia, a Bolzano. A trovare il corpo, la badante, giunta sul luogo come ogni mattina per offrire i suoi servizi alla coppia. Accanto al cadavere, il marito di 82 anni, indagato come probabile responsabile e che, per lo choc, ha tentato di togliersi la vita

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato