Contenuto sponsorizzato

Il Mondiale dell'Italia si infrange nel quinto posto di un grande Gianni Moscon

Ciclismo. E' Valverde a indossare la maglia iridata. Il 38enne batte in volata il francese Romain Bardet e il canadese Michael Woods. Ai piedi del podio un sorprendente Tom Dumoulin, quindi a tredici secondi dall'oro il trentino portacolori del Team Sky

Foto di Daniele Mosna
Di Luca Andreazza - 30 settembre 2018 - 21:08

INNSBRUCK (Austria). La speranza italiana di conquistare la maglia iridata si infrange nel quinto posto del trentino Gianni Moscon. E' Aljeandro Valverde il campione del mondo. 

 

Il 38enne spagnolo corona una carriera prestigiosa sulle salite di Innsbruck, dopo aver regolato in volata il francese Romain Bardet e il canadese Michael Woods. Ai piedi del podio un sorprendente Tom Dumoulin, quindi a tredici secondi dall'oro il trentino portacolori del Team Sky, ultimo degli azzurri a cedere sulla temibile ascesa di Gramartboden con punte del 28%.

 

I 258 chilometri del percorso disegnato a Innsbruck, considerato tra i più duri di sempre, conferma le aspettative: la gara si rivela una corsa a eliminazione, solo i migliori e i più informa arrivano a giocarsi le carte finali per provare a indossare la maglia iridata.

 

Sono in molti a alzare bandiera bianca mano a mano che corrono i chilometri lungo il tracciato austriaco. Da Vincenzo Nibali a Julian Alaphilippe, dal tre volte campione del mondo Peter Sagan a Simon Yates, sono tanti i corridori attesi a saltare, a cedere il passo. E' la Spagna a proporre la strategia vincente, Valverde si nasconde fino alle pedalate decisive, scortato da tre compagni di squadra, resiste sulle ultime salite e piazza il colpo mondiale.

 

All'Italia del ct Davide Cassani resta una prova da protagonista, senza però centrare il bersaglio, e un Gianni Moscon in costante crescita.


(Foto di Daniele Mosna)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 marzo - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato