Contenuto sponsorizzato

Il Pressano espugna Fasano e resta agganciato alle prime posizioni della massima serie

Il punteggio finale è 30-35 per il Pressano che ha, così, messo in campo nella stessa gara la peggior prestazione difensiva stagionale (trenta gol subiti) ma anche la miglior prestazione in termini di realizzazioni (trentacinque) che ha garantito i due punti a Giongo e compagni

Pubblicato il - 03 novembre 2019 - 20:01

FASANO. Successo esterno per il Pressano. Riprende dopo tre settimane di pausa dedicata alla nazionale, la corsa in serie A per i gialloneri guidati da Neven Andreasic. Reduce dalla vittoria interna sul Conversano, i trentini battono la Junior Fasano.

 

Il punteggio finale è 30-35 per il Pressano che ha, così, messo in campo nella stessa gara la peggior prestazione difensiva stagionale (trenta gol subiti) ma anche la miglior prestazione in termini di realizzazioni (trentacinque) che ha garantito i due punti a Giongo e compagni.

 

Sempre in vantaggio per tutto l’incontro, i ragazzi gialloneri hanno più volte rischiato di rimettere in gioco il match ma proprio nei momenti cruciali, contrariamente a quanto accaduto altre volte, la squadra di Andreasic ha mostrato freddezza.

 

Dopo 10’ di gioco in avvio l’equilibrio regna sovrano: dal 4-4 tuttavia Nikocevic (top scorer anche in questa occasione con ben 11 reti) e compagni spingono sull’acceleratore portandosi a condurre 5-9. Lo strappo però non dura, perché Fasano trascinata dall’intramontabile capitan Messina (9 reti) reagisce, resta in scia ed a cavallo fra la fine del primo tempo e l’inizio del secondo torna prepotentemente col fiato sul collo dei gialloneri.

 

La partita resta incerta fin sul 22-23 ma Pressano non molla mai il vantaggio e nel cuore della ripresa infila il break decisivo: due palloni recuperati valgono le reti di Nikocevic, Dedovic e Dallago che fissano lo score sul 24-28.

 

Nel finale Fasano prova a rientrare ma la difesa lavora bene, Sampaolo chiude alcune conclusioni e Pressano può allungare sul 26-31 a 7’ dalla fine, score che diventerà poi senza patemi d’animo 30-35 alla seconda sirena. Due punti fondamentali che fanno restare Pressano attaccato al treno di testa nel cuore della classifica: obiettivo ora sarà confermarsi, a partire dall’impegno di sabato al Palavis contro il Fondi.

 

CLASSIFICA: Siena 14, Cassano M. 11, Conversano, Merano e Bressanone 10, Bolzano 8, Pressano e Sassari 7, Fondi 6, Cologne e Fasano 4, Appiano 3, Trieste e Gaeta 2

 

FASANO - PRESSANO 30-35 (13-15)

Fasano: Pavani, De Leonardis, De Santis P. 1, Angiolini 5, Angeloni, Palmisano, Colella, Bargelli 4, Beharevic, Errico, Gallo, Notarangelo 3, Pignatelli 4, Pugliese 4, De Santis L., Messina 9. All. Ancona

Pressano: Facchinelli, Dallago 4, Moser M., Dedovic 8, Sontacchi 1, Cipriani, Fadanelli 3, Giongo 2, Nikocevic 11, Sampaolo, Rossi, Alessandrini 3, Argentin, Moser N. 3. All. Andreasic

Arbitri: Manuele-Castagnino

 

Fondi – Cassano Magnago 25-29

Conversano – Bolzano 24-23

Gaeta – Bressanone 32-33

Sassari – Siena 30-32

Merano – Trieste 31-24

Cologne – Appiano 24-26

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato