Contenuto sponsorizzato

Trentino Volley ancora campione. Fatica a Istanbul ma alza la Coppa Cev

Giannelli e soci hanno perso malamente i primi due set ma poi si sono ripresi e con un doppio 25 a 16 hanno conquistato la vittoria (bastavano due set dopo il 3 a 0 di Trento)

Pubblicato il - 26 marzo 2019 - 20:06

ISTANBUL. Campioni, ancora una volta. Grinta, tenacia, qualità tecniche e tattiche. Tutto è servito, alla fine, in quel di Istanbul per conquistare la prima Coppa Cev della gloriosa storia della Trentino Volley. Un trofeo che non è stato facile portare a casa perché i turchi del Galatasaray hanno venduto carissima la pelle in questo match di ritorno. L'andata era stata una passeggiata (3 a 0 a Trento e tutti in Turchia) il ritorno i turchi si sono giocati tutte le loro carte piazzando i primi due set con grande facilità e dando l'impressione di saper reggere l'urto degli ospiti. Ma Giannelli e soci nel terzo parziale hanno rialzato la testa e la vittoria è arrivata nel giro di pochi scambi e di una serie di colpi piazzati uno dietro l'altro, soprattutto nel quarto set.    

 

La Trentino Itas si presenta alla Burhan Felek Voleybol Salonu di Istanbul con un Lisinac in più a referto; il centrale serbo parte però dalla panchina perché Lorenzetti preferisce non rischiarlo e confermare lo starting six del match d’andata: Giannelli in regia, Vettori opposto, Kovacevic e Russell in posto 4, Codarin e Candellaro centrali, Grebennikov libero. Il Galatasaray risponde con Keskin al palleggio, Venno opposto, Antonov e Aydin schiacciatori, Duff e Gok centrali, Cakir libero. L’inizio del match è tutto nel segno dei padroni di casa che con Aydin e Venno in battuta mostrano subito la determinazione dei giorni migliori (1-5). Gok mura Kovacevic per il 3-8 che costringe Lorenzetti ad interrompere il gioco.

 

Al rientro in campo Trento prova a reagire col muro di Russell su Venno (7-10) e con l’ace di Giannelli su Antonov (11-13), ma nella parte centrale l’errore a rete dello stesso Aaron ricaccia indietro i gialloblù (13-17) che si staccano ulteriormente quando Duff ferma Codarin (15-21). Il finale di set è ancora in favore dei giallorossi (18-22, 20-24) con la Trentino Itas che annulla due set ball prima di cadere sul terzo (22-25) per opera di un attacco di Venno.

La musica sembra cambiare in avvio di secondo parziale (3-1), ma poi invece diventa di nuovo simile a quella del primo periodo con Antonov e Venno scatenati che trovano già la parità a quota 5 e poi anche il vantaggio (7-10, 10-13). Lorenzetti getta nella mischia Nelli e Van Garderen per Vettori e Russell, ma il Galatasaray non perde il ritmo e resta avanti (13-16), prima di accelerare di nuovo con il turno al servizio di Gok (16-22). Trento risale sino al 21-24, poi ci pensa ancora una volta Venno (21-25).

I Campioni del Mondo provano a reagire nel corso del terzo set; spinti dagli attacchi e dai servizi di Nelli (confermato in campo da titolare), conquistano subito un promettente vantaggio (5-3, 9-5). Nella parte centrale Trento si tiene stretto il promettente vantaggio (13-8, 15-9, 18-13), il Galatasaray alterna molti effettivi in campo senza però trovare più il bandolo della matassa. I gialloblù dilagano (23-15) e chiudono in fretta i conti con un altro acuto di Nelli (25-16) portandosi sull’1-2.

 

La Trentino Itas è sempre più convinta dei propri mezzi e riparte di slancio anche nel quarto periodo, in cui prende subito in mano le redini del gioco con Nelli e Kovacevic ancora scatenati (5-2, 8-3, 11-3) ed un muro che ferma qualsiasi cosa passi al di sopra della rete. I turchi staccano la spina sotto tutti i punti di vista (13-3) lasciando spazio all’assolo gialloblù (19-8) che arriva sino al 25-16: è di Uros Kovacevic la pipe che porta la 2019 CEV Cup a Trento.

 

Il quinto set diventa una formalità. Dopo pochi minuti è già 1 a 8.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 04:01

Mentre i positivi continuano a scendere, per la comunicazione ufficiale, siamo andati ad analizzare i dati completi per capire se anche i positivi agli antigenici calano. Ecco il focus su una decina di comuni con il confronto rispetto a una settimana fa. Ebbene se Pergine ha ridotto i contagiati attivi di 129 unità e Baselga di Piné è scesa, fortunatamente, sotto il 3% soglia critica per la ''zona rossa'' in molte altre realtà il totale di positivi è aumentato per un dato globale che si mostra stabile 

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato