Contenuto sponsorizzato

Un Marvin Vettori da urlo annienta il brasiliano Mutante: ''Sono tornato ora vorrei combattere con Paulo Costa''

Il campione di Mma trentino domina l'incontro con il forte brasiliano e centra una grande vittoria nella Ufc rialzandosi dopo il ''pareggio'' con il russo Akhmedov e la discussa sconfitta con il neozelandese Adensanya

Pubblicato il - 14 luglio 2019 - 14:00

SACRAMENTO (USA). Ha vinto e convinto Marvin Vettori. Ha dato spettacolo e mostrato una perfetta condizione fisica, atletica e una tecnica magistrale, cresciuta ancora rispetto a diciotto mesi fa quando aveva chiuso in pareggio contro il russo Akhmedov, salvato dalla sirena del 31 dicembre 2017, e dopo la sconfitta (con polemica e decisione non unanime dei giudici) contro Israel Adensanya di aprile 2018.

 

Il trentino si è allentato e tanto ed ha atteso l'incontro giusto per tornare alla ribalta mondiale battendo uno dei più imprevedibili ed esperti fighter in circolazione, il brasiliano Cezar Mutante.   

 

''The Italian Dream'' (questo il nome d'arte del giovane di Mezzocorona QUI LA SUA STORIA) ha così centrato il kick off della main card di Ufc (il più prestigioso circuito di Mma del mondo) grazie a sfilze di pugni rapidi e ben piazzati che hanno fiaccato il lottatore brasiliano che già alla fine del primo round aveva il naso rotto. A quel punto Mutante ha dovuto stare sulla difensiva usando i calci per tenerlo a distanza e anche se in un paio di occasioni è riuscito ad afferrare il trentino e a fargli delle prese dalle quali, però Vettori è riuscito a divincolarsi mostrando un'ottima tecnica. (qui sotto la sintesi dell'incontro)

 

Poi ancora pugni ben piazzati e per due volte è stato vicinissimo alla vittoria dopo averlo bloccato a terra. L'avversario alla fine è rimasto in piedi e si è arrivati al verdetto dei giudici, questa volta unanime e indiscutibile: Vettori ha convinto tutti e tre i giudici e ha vinto in maniera nettissima. Al termine dell'incontro ha detto: “Sono tornato. E ora vorrei combattere contro Paulo Costa: se lui non si tira indietro, io non mi tiro indietro”. Insomma il dado è tratto. Ora la ''palla'' passa al super campione Costa, detto Borracinha, ancora imbattuto (che il 17 agosto sfiderà il cubano Yoel Romero).

 

Vettori intanto è tornato e ringrazia così amici e fan

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 luglio - 13:11

Parliamo di errore perché non potrebbe essere altrimenti. Il presidente della Pat ha pronunciato queste parole questa mattina in consiglio provinciale illustrando l'assestamento di bilancio 2019-2021 ed è la frase è anche nel documento. ''Un miracolo che può riuscire solo all'assessore alla conosc(i)enza Bisesti'', commenta l'ex assessora Sara Ferrari. In realtà, si immagina, volessero scrivere Alta formazione professionale (e non università) 

22 luglio - 12:08

Lo slogan è : "Ali per volare, radici per amare". La nuova associazione ha come obiettivo quello di ascoltare e aiutare le persone che stanno vivendo una situazione di disagio ma anche attività di sensibilizzazione, approfondimento e valorizzazione. Già in cantiere il primo “Festival AMOHABIA: il festival della donna indipendente”

22 luglio - 13:32

Un presidente molto prudente nel rispondere alle opposizioni su quanto avvenuto nella notte tra domenica 14 e lunedì 15 luglio, quando l'orso è stato catturato ma è scappato. Fugatti ammette di aver esagerato quando si era spinto a chiedere le dimissioni di Ugo Rossi per incapacità gestionale

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato