Contenuto sponsorizzato

Francesca Piccinini dice 'basta': dopo 7 Champions, 5 Scudetti e un titolo Mondiale con la Nazionale una delle icone del volley italiano appende le ginocchiere al chiodo

"Cosa farò adesso? Non lo so, ho tante idee: spero che chiusa la porta del volley giocato si aprano tanti altri portoni" racconta la schiacciatrice di Massa in un'intervista al "Corriere della Sera". Nel 2019 il primo ritiro, poi un anno e mezzo a Busto Arsizio dopo una fantastica carriera che l'ha portata a giocare anche in Brasile

Francesca Piccinini festeggia la settima Champions League conquistata nel 2019 con Novara
Di Daniele Loss - 15 aprile 2021 - 17:56

TRENTO. Si chiude un'epoca: quella di Francesca Piccinini. Dopo 7 Champions League, 5 Scudetti, 4 Coppe Italia, 5 Supercoppe Italiane, una Coppa Cev e una Coppa delle Coppe con i Club, il titolo Mondiale nel 2002, l'oro europeo del 2009 e la Coppa del Mondo del 2007 con la maglia azzurra, la "Picci" dice stop. Questa volta definitivamente.

 

A 42 anni compiuti (lo scorso 10 gennaio), la schiacciatrice toscana, per 20 anni e più icona del volley italiano, ha decido di appendere le ginocchiere al chiodo. Senza ripensamenti: aveva deciso di smettere già nel 2019, salvo poi tornare in campo a gennaio 2020 per legarsi per una stagione e mezza all'Unet e-Work Busto Arsizio con in testa un "pensiero stupendo": la partecipazione alle Olimpiadi di Tokyo, in programma tra pochi mesi.

 

In una lunghissima intervista al Corriere della Sera, la "Picci" ha spiegato perché è giunto il momento di dire "basta". Per tredici anni, dal 1999 al 2012, è stata una delle punte di diamante della Foppapedretti Bergamo che dominava in Italia e in Europa. Prima un'esperienza in Brasile (nel Paranà), ad appena 19 anni, poi le maglie di Chieri, Modena, Casalmaggiore e Novara. Prima dell'ultima avventura a Busto Arsizio.

 

"Avrei dovuto uscire di scena con la settima Champions, a Novara, vinta a 40 anni - racconta la Piccinini alla giornalista del Corriere, Gaia Piccardi -. Poi Busto mi ha fatto una corte spietata e la verità è che mi sento sempre quella ragazzina che guardava i cartoni di Mila e Shiro alla tv e e anche adesso che esco dalla bolla ovattata dello sport per entrare nella vita vera non voglio perderla, quella ragazzina: continuerò a coltivarla".

 

Qualche mese fa la schiacciatrice originaria di Massa calcò anche il mondoflex di Sanbapolis, entrando in campo nelle battute finali della sfida tra la Delta Despar Trentino e Busto Arsizio e dimostrando di essere ancora una "macchina da guerra" in seconda linea.

 

Adesso è venuto il momento di smettere: largo alle giovani. Ma esiste un'altra Piccinini nel volley di oggi?

 

"Mi rivedo nella determinazione e nella semplicità di Paola Egonu - prosegue nell'intervista - che ha 22 anni ed è piena di talento. La naturalezza con cui ha fatto coming out è la sua forza".

 

Il sogno era quello di volare a Tokyo per disputare un'altra Olimpiade (sarebbe stata la quinta) in maglia azzurra e, magari, tornare con una medaglia al collo, l'unico trofeo che manca nella fantastica bacheca della schiacciatrice nata a Massa e formatasi nei vivai della Robur e della Carrarese. Ma il Ct Mazzanti ha chiuso anzitempo ogni porta. Quanto ha pesato questa decisioni del tecnico dell'Italvolley sulla decisione di abbandonare la pallavolo?

 

"A parte che la possibilità di una convocazione in azzurro - prosegue - non me la sono inventata e avrei preferito che lo dicesse a me anziché ai giornali, no non ha pesato per niente. Si vede che era destino. Sono serena: a Tokyo tiferò Italia con tutte le mie forze".

 

E adesso, cosa farà da grande la Piccinini?

 

"Ora - conclude - cercherò di capire. Busto Arsizio mi ha chiesto di restare e far parte del progetto: in quale ruolo si vedrà. Per il resto non mi precludo nulla: allenare nel settore giovanile, commentare il volley alla tv, partecipare a quei reality a cui ho detto no quando le mie giornate ruotavano intorno allo sport. Si chiude una porta e, spero, se ne apriranno altre".

 

Intanto grazie "Picci", da tutto il mondo del volley. Che ti deve molto, anzi moltissimo.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 10 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
11 May - 06:01
Praticamente tutti i territori li hanno sviluppati. Dal Piemonte alla Sicilia, praticamente tutti i territori li hanno presentati come [...]
Cronaca
10 May - 21:33
Sono 875 le persone attualmente contagiate in Trentino. Sono 26 i territori con 1 persona attualmente positiva. Registrate 31 guarigioni dal [...]
Cronaca
11 May - 07:37
Lo schianto è avvenuto nella tarda serata sul territorio del comune di Sedico nel bellunese. La persona che si trovava alla guida è stata [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato