Contenuto sponsorizzato

Il Benevento è sempre più ''trentino'', Depaoli passa al club di Inzaghi e raggiunge Di Serio e Alimonta

Dopo il debutto in Champions con l'Atalanta (contro il Liverpool) il 23enne esterno destro originario di Sopramonte e cresciuto nel Chievo Verona, è rientrato dal prestito alla Sampdoria che, immediatamente, lo ha girato a titolo temporaneo al Benevento, una delle squadre rivelazione della prima parte di campionato

Di Daniele Loss - 28 gennaio 2021 - 15:50

TRENTO. Né il ritorno alla Sampdoria, né l'approdo al Cagliari, che su di lui aveva messo gli occhi da settimane. Ma nemmeno la permanenza all'Atalanta dove, in quattro mesi e mezzo, aveva totalizzato 7 presenze, di cui tre da titolare contro Napoli, Sampdoria (da ex) e Spezia. Fabio Depaoli, il 23enne esterno destro originario di Sopramonte e cresciuto nel Chievo Verona, è rientrato dal prestito alla Sampdoria che, immediatamente, lo ha girato a titolo temporaneo al Benevento, una delle squadre rivelazione della prima parte di campionato.

 

La voglia di giocare con continuità e di ritrovare da protagonista il campo è stata più forte del semplice (si fa per dire) "far parte" della rosa dell'Atalanta, con cui ha esordito sì anche in Champions League (nei minuti finali della sfida contro il Liverpool), ma dove non era riuscito a trovare una maglia da titolare, complici anche (anzi, soprattutto) le continue eccellenti prestazioni di Hateboer e Gosens, i due esterni di centrocampo del "3-4-1-2" che è ormai un marchio di fabbrica dei nerazzurri.

 

E così il Benevento diventa la squadra più trentina della serie A. Sì, perché in giallorosso Depaoli troverà l'attaccante noneso Giuseppe Di Serio (la cui storia vi abbiamo raccontato qualche giorno fa) e il preparatore atletico giudicariese Luca Alimonta, da anni fidatissimo collaboratore di Inzaghi. Con la speranza di poter vedere presto all'opera contemporaneamente i due atleti trentini in una gara ufficiale. Il 23enne di Sopramonte, cresciuto nel vivaio del Chievo con cui ha poi esordito in prima squadra, affermandosi come uno degli esterni destri italiani più promettenti della categoria, sarà già a disposizione di Pippo Inzaghi per la prossima sfida di campionato, a San Siro contro l'Inter (mica male come possibile esordio) e il calcio offensivo proposto dal tecnico giallorosso potrebbe esaltare le caratteristiche di Depaoli, giocatore dotato di gran corsa e abile crossatore.

 

A proposito di Chievo Verona, mentre Depaoli va a caccia di una maglia da titolare con il Benevento, in serie B, festeggia l'attaccante Manuel De Luca, passato in estate a titolo definitivo dal Torino proprio al club di Campedelli. Il 22enne cresciuto nel vivaio dell'Fc Alto Adige e formatosi nei settori giovanili di Inter e Torino, si era sbloccato una decina di giorni fa segnando il primo dei due gol con cui i gialloblù hanno piegato la Virtus Entella. Per lui classica rete dell'ex a digiuno. A distanza di due settimane De Luca l'ha rifatto. La sua marcatura ha aperto le danze nel "derbyssimo" contro il Cittadella (deviazione vincente su assist di Renzetti), terminato poi 2 a 1 in favore della compagine clivense.

 

Chievo che è ora sesto in classifica, in piena zona playoff con De Luca che sta diventano uno dei punti fermi della compagine gialloblù.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 30 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
30 novembre - 20:00
Trovati 199 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 104 guarigioni. Sono 52 i pazienti in ospedale. Sono 840.024 le dosi [...]
Cronaca
30 novembre - 19:39
Il successo dell'opera realizzata dallo scultore veneto a Lavarone è enorme ma dal 2018, quando la tempesta si è abbattuta su Veneto e Trentino [...]
Politica
30 novembre - 21:00
I contratti del pubblico impiego sono bloccati e se i consiglieri regionali sono reduci dall'adeguamento dell'indennità, adesso sembra arrivato il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato