Contenuto sponsorizzato

Pazzesca Itas Trentino: 3 a 0 a Perugia nella semifinale di Supercoppa e i gialloblù volano in finale contro Monza

Prestazione eccezionale di tutti gli effettivi mandati in campo da Lorenzetti: il capitano trascina, Michieletto dimostra - ancora una volta - di essere uno dei migliori posto 4 del mondo. Domenica, alle 16 (diretta tv su Rai 2) la finalissima contro l'altra sorpresa, Monza, che in precedenza aveva eliminato i padroni di casa della Lube

Il muro dell'Itas Trentino ha letteralmente "spaccato" la partita (foto Marco Trabalza)
Di Da.Lo. - 23 ottobre 2021 - 19:46

CIVITANOVA. Incredibile, pazzesca, superba. L'Itas Trentino ribalta ogni pronostico, travolge in tre set la Sir Safety Perugia nella gara "secca" di semifinale della Supercoppa Delmonte. Prestazione ai limiti della perfezione quella fornita dalla compagine di Angelo Lorenzetti, che fa tutto bene: il muro annichilisce le bocche da fuoco umbre, in battuta Trento fa malissimo agli avversari e poi c'è lui, il capitano, l'imperatore, Matey Kaziyski, che a dispetto delle 37 primavere dimostra di essere ancora un giocatore di livello mondiale.

 

La sfida nella sfida tra il grande ex, Simone Giannelli e il nuovo regista gialloblù, Riccardo Sbertoli la stravince quest'ultimo, che dirige l'orchestra gialloblù come fosse un metronomo. Nel terzo e ultimo set l'ex capitano di Trentino Volley viene addirittura avvicendato da Travica.

Trento vola in finale, dove troverà Monza, altra grande rivelazione della Final Four: i lombardi hanno estromesso in quattro set i padroni di casa della Lube.

 

L’Itas Trentino si presenta sul mondoflex tricolore dell’Eurosuole Forum confermando l’assetto visto a Vibo Valentia con tre schiacciatori contemporaneamente in campo, in cui Lavia ricopre il ruolo di opposto, mentre Kaziyski e Michieletto agiscono in posto 4. Gli altri quattro giocatori dello starting six sono il palleggiatore Sbertoli, il libero Zenger (entrambi alla prima Final Four di Supercoppa della loro carriera) e i due centrali serbi Lisinac-Podrascanin. La Sir Safety Perugia risponde con il fresco ex di turno Giannelli in regia, Richlicki opposto, Leon e Anderson schiacciatori, Solé e Ricci centrali, Colaci libero.

 

L’inizio di match è molto concentrato da parte degli umbri che spingono forte col servizio, costringendo Michieletto al primo errore in attacco (3-5); un primo tempo in rete di Ricci consegna la parità a quota 7. Perugia riparte con Leon e la battuta molto affilata di Rychlicki (9-12 e 11-14), ma due muri di Kaziyski sullo stesso opposto lussemburghese valgono la parità sul 15-15. Nella fase finale l’Itas Trentino scappa via, approfittando dell’ottima rotazione al servizio di Sbertoli, condita anche da un ace e da due break point (Kaziyski su ricostruita e Lisinac a muro su Anderson). E’ lo spunto che di fatto decide il primo set, perché in seguito i Block Devils non riescono più ad avvicinarsi (21-18, 24-21) e anzi concedono un ulteriore punto di distanza, che porta le squadre al cambio campo sul 25-21 per i gialloblù.

 

La Sir Safety Conad Perugia prova a reagire in avvio di seconda frazione, poggiandosi a Leon (2-3 e 4-7). Il time out di Lorenzetti è provvidenziale, perché alla ripresa del gioco l’Itas Trentino ottiene la parità giù sul 13-13, issata da Lavia e da Lisinac che col servizio trova anche un ace diretto. Come accaduto nel precedente set, i gialloblù fanno la differenza nella seconda parte, mostrando un carattere eccezionale. Kaziyski picchia sempre forte, Leon fatica a rete e Trento vola sul +3 (20-17), aumentando i giri del proprio motore nel finale grazie ad un superbo Lisinac (25-21).

 

Nel terzo set Grbic sposta Anderson nel ruolo di opposto, trovando spazio in banda per Plotnytskyi, ma la mossa non sortisce subito effetti desiderati visto che l’Itas Trentino con Podrascanin e Kaziyski si porta subito sul +2 (7-5). Perugia pareggia i conti a quota 9, ma poi ci pensa Podrascanin ad offrire un nuovo importante spunto con attacco e muro (su Solé) per il 16-13. Gli umbri sembrano alle corde ma nel giro di pochi minuti risalgono la china sino al 19-18, sfruttando un muro di Giannelli su Kaziyski e un contrattacco di Leon. Lorenzetti interrompe il gioco e alla ripresa trova la risposta che voleva dai suoi. E’ ancora Kaziyski a trascinare Trento al +2 (23-21), certificato definitivamente dall’errore di Anderson in battuta (25-23).

 

“Abbiamo fatto la nostra parte, giocando una partita molto completa sotto tutti i punti di vista ed approfittando del fatto che Perugia non fosse ancora sciolta e rodata per disputare una partita così importante con la solita continuità – ha commentato al termine della partita Angelo Lorenzetti - . Il risultato è stato sicuramente sorprendente, ma forse non conviene dirlo troppo forte e parlo per esperienza diretta. Dobbiamo prepararci infatti ad una Finale con Monza in cui dovremo stare molto attenti a non subire il loro effetto”.

 

Il tabellino.
 

SIR SAFETY CONAD PERUGIA - ITAS TRENTINO 0-3

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Giannelli 2, Anderson 10, Ricci 5, Rychlicki 5, Leon 16, Solé 7, Colaci (L); Plotnytskyi 6, Mengozzi 0, Travica 0.

Ne: Dardazans, Ter Horst, Piccinelli, Russo. 

Allenatore: Nikola Grbic.
ITAS TRENTINO: Sbertoli 3, Kaziyski 15, Lisinac 10, Lavia 11, Michieletto 10, Podrascanin 10, Zenger (L); Cavuto 0.

Ne: D’Heer, Pinali, Albergati, Sperotto, De Angelis.

Allenatore: Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Zavater di Roma e Florian di Treviso.

PARZIALI: 21-25, 21-25, 23-25 (65-75).

DURATA SET: 29’, 29’, 29’ (totale 1h e 27').

NOTE: 2.382 spettatori per un incasso di 37.672 euro. Sir Safety Conad: 4 muri, 5 ace, 10 errori in battuta, 4 errori azione, 46% in attacco, 43% (22%) in ricezione. Itas Trentino: 10 muri, 6 ace, 9 errori in battuta, 5 errori azione, 57% in attacco, 39% (14%) in ricezione.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 7 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
08 dicembre - 17:10
C'è qualcosa di schizofrenico in quanto la Pat. Un albero sano abbattuto e trasportato con i camion a Roma dovrebbe comunicare il valore [...]
Cronaca
08 dicembre - 17:20
Come previsto la neve scende copiosa sull'intero territorio provinciale. Il bollettino delle 16 del Servizio gestione strade della Provincia di [...]
Cronaca
08 dicembre - 16:15
Tra sabato e domenica Fabio Pedretti è venuto a mancare durante una gara di corsa in montagna per un malore. Sotto gli articoli pubblicati (anche [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato