Contenuto sponsorizzato

Trento sbattuta fuori dall'Eurocup dopo una pessima prova di squadra contro il Lokomotiv. PAGELLE

Non si avvicina neanche lontanamente alla Dolomiti Energia vista contro Milano. In difesa non si lavora abbastanza e i russi si trovano spesso in campo aperto con la strada libera per il canestro. I trentini non riescono a riaccendersi e soccombono al Lokomotiv

Di Mattia Sartori - 10 marzo 2021 - 19:44

TRENTO. Partita fondamentale per i bianconeri in Eurocup. Una vittoria permetterebbe ai trentini di guadagnarsi i quarti di finale, possibilmente anche al primo posto nel girone F. Davanti alla Dolomiti Energia ci sono i russi del Lokomotiv, che hanno bisogno di una vittoria per più di 12 punti per passare ai quarti di finale. Trento però arriva carica della fiducia ricavata dagli ultimi successi.

 

La partita promette bene nei primi minuti: l’Aquila si affida a Browne che sembra non riuscire a sbagliare, ma i russi non sono da meno e ci si trova subito in parità. Continuano a spingere i padroni di casa, che cercano di prendere il comando. Torna avanti invece la Dolomiti Energia, che sulla tripla di Sanders inizia a staccarsi, arrivando a quota +6. Il Loko però non si arrende, si riporta a contatto e riesce anche a superare i bianconeri, chiudendo il primo quarto sul 27-20.

 

Non riescono a riprendersi nel secondo quarto i trentini, che continuano a subire gli assalti del Loko senza riuscire a reagire nella metà campo difensiva. I russi spadroneggiano in attacco, penetrando in area senza alcun tipo di problema e segnando canestri facili che li portando rapidamente oltre la doppia cifra di vantaggio. Trento rimane sotto per il resto del quarto, senza riuscire a rialzare la testa e tornano negli spogliatoi sotto di 16 (54-38).

 

Nella ripresa la Dolomiti Energia continua sulla stessa linea dei primi due quarti. Williams prova a dare una scossa ai compagni con la schiacciata in mezzo all’area. Da lì migliora anche la difesa e il Loko non riesce più a trovare il canestro. Trento ne approfitta per riaccorciare le distanze, ritrovando anche il contributo di Morgan dalla lunga distanza. Un’altra schiacciata di Williams porta lo svantaggio in singola cifra, ma il quarto fallo del lungo trentino è un duro colpo per i bianconeri, che comunque resistono a -10 fino alla fine del quarto (76-66).  

 

L’inizio del quarto periodo somiglia ai primi due, con il Loko che ritorna a imporsi sui giocatori della Dolomiti Energia e guadagna il nuovo +17. Il rientro di Williams e Sanders è ossigeno per l’Aquila che piano piano si riavvicina ai padroni di casa. A tre minuti dalla fine il Loko cerca di accelerare ancora per distanziarsi ancora di più, mentre i trentini cercano di perdere per meno di 12 punti di scarto.  Alla fine la spuntano i russi, che vincono per 100-86, guadagnando un posto ai quarti di finale e rimandando a casa Trento.

 

MARTIN 4,5 – Questa sera è un giocatore irriconoscibile. Non riesce a tenere le penetrazioni avversarie né a difendere in qualsiasi altro modo. Nemmeno in attacco riesce a produrre molto.

 

PASCOLO – N.E.

 

CONTI – N.E.

 

BROWNE 4 – A parte una fiammata a inizio partita Browne non riesce a fare nulla di positivo. Per mettere la ciliegina sulla torta a fine partita butta via il pallone che avrebbe potuto dare a Trento la possibilità di passare alla fase successiva.

 

FORRAY 5 – Il capitano non si fa vedere per gran parte della partita, non lo si distingue come al solito per la sua decisione e la sua voglia di fare.

 

SANDERS 7 – Per il numero 11 è forse la migliore prestazione fino a questo momento in maglia Aquila. Porta a casa 22 punti con buone percentuali, ma soprattutto ci mette sempre tutto è stesso.

 

MEZZANOTTE 5,5 – Non riesce ad avere un grandissimo impatto, ma almeno ci prova, riuscendo a difendere decentemente in un paio di occasioni e segnando un canestro.

 

MORGAN 4 – Un’altra prestazione da dimenticare. Morgan non difende, non attacca e in generale non ci prova nemmeno. In un paio di occasioni lo si vede letteralmente con le mani lungo i fianchi in difesa.

 

WILLIAMS 7,5 – Con Sanders sono gli unici a salvarsi. Tralasciando un inizio un po’ sottotono, quando ingrana la marcia il numero 22 non si ferma più. Continua ad attaccare il canestro con decisione e a difendere forte. Unico problema sono i suoi falli, che lo tengono fuori dal campo nei momenti più cruciali della partita.

 

LADURNER 5,5 – Il giovane lungo trentino oggi non brilla particolarmente. Praticamente è invisibile.

 

MAYE 4,5 – Non è neanche lontanamente il giocatore che ci ha impressionato negli ultimi tempi. Invece sembra essere tornato alla versione precedente in cui non riusciva ad esprimere il suo potenziale.

 

MOLIN 5 – Una partita importante come questa poteva andare in tanti modi, si poteva anche perdere. Ma lasciar andare a questo modo i giocatori, senza riuscire a farli reagire è veramente una sconfitta pesantissima.

 

LOKOMOTIV KUBAN KRASNODAR - DOLOMITI ENERGIA TRENTINO  100-86

(27-20; 54-38; 76-66; 100-86)

 

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO. Martin 2, Pascolo, Conti, Browne 12, Forray 4, Sanders 22, Mezzanotte 2, Morgan 5, Williams 27, Ladurner 2, Maye 10. Allenatore: Emanuele Molin.

LOKOMOTIV KUBAN KRASNODAR. Williams-Goss 13, Cummings 11, Hervey 9, Motovilov, Kalnietis 21, Ilnitskiy 4, Kalinov, Kuzminkas 26, Lynch 4, Martiuk, Gordon 12, Emchenko. Allenatore: Evgeny Pashutin.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 27 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
27 November - 20:26
Trovati 188 positivi, 2 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 112 guarigioni. Sono 44 i pazienti in ospedale. Sono 833.300 le dosi di [...]
Politica
27 November - 19:46
Le attiviste hanno ricordato anche la recente aggressione avvenuta in centro, e arrivata dopo un evento che serviva per autofinanziare la [...]
Cronaca
27 November - 19:29
Il genoma è stato sequenziato al laboratorio di Microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’ospedale Sacco. Il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato