Contenuto sponsorizzato

Andrea Pinamonti da Tassullo all'Inter per scalare la Serie A

Calcio. Punto fermo della nazionale italiana Under 19, il bomber noneso veste i colori nerazzurri. Dopo Mancini anche De Boer segue con interesse la crescita del ragazzo

Andrea Pinamonti, giovane speranza dell'Inter e della nazionale italiana
Pubblicato il - 08 September 2016 - 17:28

TRENTO. La pazienza è la virtù dei forti, ma non solo perché per “sfondare” nel calcio che "conta” servono anche altre qualità. E Andrea Pinamonti ha dimostrato di possederle e, soprattutto, di avere incredibili margini di miglioramento.

 

Qualche anno fa Claudio Coppi, ex allenatore di Mezzocorona e Rovereto e già direttore sportivo del Trento, oggi osservatore per le nazionali giovanili, lo disse chiaramente: “Se continua su questa strada è destinato ad avere un grande futuro”.

 

E il giovane Pinamonti, nato 17 anni fa a Tassullo, non ha perso tempo. Ci vuole pazienza, certo, ma il “talentino” nerazzurro, che nella stagione alle porte sarà il vero punto di forza della “Primavera” dell’Inter, ha già iniziato a bruciare le tappe.

 

L’estate appena terminata è stata pregna di soddisfazioni per il centravanti cresciuto nel Tnt Monte Peller e passato giovanissimo al Chievo Verona: prima il ritiro con i “big” a Riscone di Brunico perché Roberto Mancini (che, nella passata stagione, lo aveva già convocato per diversi allenamenti) voleva osservarlo “da vicino”, quindi la tournée americana, pur senza scendere in campo e, infine, la convocazione nella Nazionale Under 19, nonostante sia ancora abbondantemente “in età” per la selezione dedicata agli Under 18.

 

L’Inter crede tanto, anzi tantissimo nel talentuoso centravanti noneso, a tal punto da avergli fatto sottoscrivere (lo scorso anno, al momento del compimento dei 16 anni) il primo contratto da professionista per evitare che Pinamonti partisse alla volta dell’Inghilterra, visto che Arsenal e Chelsea avevano messo da tempo gli occhi sul “puntero” di Tassullo. Juventus e Milan continuano inoltre a “monitorarlo” e chiedono costantemente informazioni all'agente del calciatore Tullio Tinti ma, per ora, il bomber nerazzurro sta bene dove sta.

 

E, ad ulteriore testimonianza di quanto l’Inter punti sul giocatore, in estate la società ha provveduto già a “consegnare” a Pinamonti la maglia ufficiale dei grandi personalizzata con numero e cognome. Il numero scelto? Ovviamente il 99, il suo anno di nascita.

 

Nella scorsa stagione ha timbrato più volte il cartellino nel campionato “Primavera” (segnando, tra l’altro, nei due derby contro il Milan) e in Coppa Italia, con rete decisiva nella semifinale d’andata, che ha permesso alla squadra di Vecchi di accedere alla doppia finale, poi vinta, contro la Juventus.

 

Il prossimo passo? Beh, che domande: l’esordio in serie A. E’ cambiato l’allenatore, ma De Boer ha già dimostrato in passato di non aver paura a gettare nella mischia i giovani di belle speranze.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 January - 20:46

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 20 i Comuni con almeno 1 nuova positività

27 January - 21:02

Il deputato della Lega ha incassato l'interessamento dell'associazione Millions of friend in Romania a valutare la possibilità di ospitare un orso attualmente rinchiuso al Casteller. Maturi: "Ora bisognerà comprendere le eventuali incombenze burocratiche e perfezionare eventuali accordi, ma possiamo serenamente affermare che da oggi c'è un cambio di passo"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato