Contenuto sponsorizzato

Scontro Gherardi-Ciurletti, il centravanti del Trento: "Mi dispiace e auguri di pronta guarigione, ma non l'ho colpito"

Calcio. Il difensore del Comano Fiavè è rimasto a terra dopo uno schema su calcio piazzato del Trento. Enrico Gherardi: "Non fa parte del mio modo di essere e giocare. Si è trattato di uno scontro fortuito con Casagrande"

Michele Ciurletti del Comano Fiavè a terra
Di Daniele Loss - 07 febbraio 2017 - 18:35

TRENTO. Ha una media realizzativa di quelle da far spavento, perché realizzare 22 reti in 16 partite non è da tutti, nemmeno se giochi nella capolista e corazzata Trento. Enrico Gherardi è il capocannoniere del campionato d’Eccellenza e domenica ha griffato la vittoria degli aquilotti sul campo del Comano Fiavè con una pregevole tripletta, la seconda della sua incredibile stagione.

 

Negli ultimi giorni, però, l’esperto centravanti gialloblù è salito agli onori delle cronache per il presunto colpo proibito che il 33enne emiliano avrebbe rifilato a Michele Ciurletti, difensore del Comano Fiavè, costretto a lasciare il campo dopo pochi minuti con il setto nasale fratturato.

 

Ebbene, Gherardi non ci sta, non vuole passare per il 'cattivo' di turno e non vuole sentir parlare per quello che colpisce 'a tradimento' un avversario. Se contatto c’è stato, questo è stato fortuito, all’interno di un’azione di gioco.

 

In primis mi dispiace per Ciurletti, che è incappato in un infortunio piuttosto serio - esordisce il centravanti del Trento - e al giocatore del Comano faccio un enorme in bocca al lupo. Poi chiariamo le cose una volta per tutte: si è parlato di un colpo violento al volto, di una manata o un pugno, ma non è successo nulla di questo. Le immagini televisive mostrano chiaramente il giocatore avversario a terra e Casagrande che si tocca il naso dopo lo scontro. Io non sono un giocatore scorretto e, tanto meno, un vigliaccio che colpisce un calciatore dell’altra squadra a palla lontana. Nella mia carriera avrò sì e sono subìto tre espulsioni e non ci sto proprio a passare per il cattivo di turno".

 

La dinamica dell’azione?"Calcio di punizione per noi - racconta Gherardi - e mettiamo in pratica uno schema che proviamo in allenamento. Io parto da lontano e attacco il palo per fare la sponda, mentre il mio avversario dovrebbe subire un 'blocco' da parte di un compagno. Domenica ero vicino a Casagrande: con Ciurletti c’è stato un contatto fisico, ovviamente, ma lo scontro 'frontale' è avvenuto con Casagrande, quando io ero già lontano e diretto verso l’area. Sicuramente prima, e di questo ne sono certo al cento per cento, non ho 'steso' Ciurletti con un colpo al volto, per di più a palla lontana. Non fa parte del mio modo di essere e giocare: in campo se ne danno e se ne prendono, senza dubbio, ma sempre con lealtà. Nel corso della finale di Coppa Italia, disputata a metà dicembre, ho avuto un diverbio di campo con Litterini e domenica lui è stato il primo a rendersi conto che non avevo fatto nulla ai danni del suo compagno. Ci tengo a ribadirlo: non sono un giocatore scorretto, il mio passato parla per me e domenica non mi sono certamente saltati i nervi. Anzi".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
16 giugno - 19:24
Il riferimento del primo cittadino va alle risposte date dall'allora assessore regionale competente, Noggler, a Claudio Cia e che, [...]
Cronaca
16 giugno - 16:53
La Pat oggi ha promosso un incontro con i sindaci per fare il punto sulla campagna e per condividere le strategie per aumentare la copertura troppo [...]
Cronaca
16 giugno - 18:38
Sul posto si sono portati i vigili del fuoco, i soccorsi sanitari e le forze dell'ordine. L'auto è finita anche contro un palo dell'illuminazione [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato