Contenuto sponsorizzato

Troppi cervi, scatta la regolamentazione per prevenire danni all’attività agricola

Sono troppi i cervi al parco nazionale dello Stelvio e lunedì 15 ottobre inizia il prelievo selettivo. L'obiettivo dei prelievi è quello di ridurre la densità della popolazione dei cervi per ricomporre gli equilibri ecologici e prevenire l’impatto sull’attività agricola e sulla rinnovazione del bosco

Pubblicato il - 12 ottobre 2018 - 11:35

BOLZANO. La popolazione di cervi nel parco dello Stelvio è eccessivamente numerosa e deve essere regolata. Così prende il via lunedì 15 ottobre il periodo di prelievo, operazioni che si concludono il prossimo 16 dicembre

 

"Per ottenere la riduzione della popolazione di cervi - spiega Hanspeter Gunsch, direttore dell'Ufficio provinciale Parco nazionale dello Stelvio - è necessario il prelievo selettivo regolamentato, reso possibile con il programma quinquennale”.

 

Questo provvedimento riguarda le unità di gestione Media Venosta-Martello e Gomagoi-Tubre e questi prelievi avvengono in base alle indicazioni dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale Ispra che approva ogni anno il programma.

 

L'obiettivo dei prelievi è quello di ridurre la densità della popolazione dei cervi per ricomporre gli equilibri ecologici e prevenire l’impatto sull’attività agricola e sulla rinnovazione del bosco.

 

L’attività di prelievo è indicata nel piano quinquennale 2017-2021 di conservazione e gestione del cervo nel settore altoatesino del parco, approvato da una commissione di esperti e nell’ottobre 2017.

 

L'organizzazione e il coordinamento dell'azione di prelievo anche per questo periodo di prelievo spetta all’Ufficio provinciale parco nazionale dello Stelvio in collaborazione con specialisti appositamente formati.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:13

Ci sono 127 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 12 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 222 positivi a fronte dell'analisi di 2.861 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,6%

30 ottobre - 18:15

La misura introdotta per evitare assembramenti: l’1 e il 2 novembre i cimiteri di tutto il Trentino rimarranno chiusi. Fugatti: “L’azienda sanitaria ci segnala un rischio aumento dei contagi sugli anziani, una settimana dopo le feste di Ognissanti”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato