Contenuto sponsorizzato

Allarme allergie: boom di alcuni pollini nell'aria a causa delle temperature elevate e del vento

Pollini di nocciolo e ontano, concentrazioni tre volte superiori alla media. Antonella Cristofori, ricercatrice della Fondazione Edmund Mach: "Dobbiamo aspettare il periodo primaverile per i massimi livelli di pollini nell’aria, sia per quantità che per tipologia"

Di Cristiano Eccel, Pier Paolo Bonini (Liceo Prati) - 01 marzo 2019 - 13:00

TRENTO. Pollini in aumento, i dati lo confermano: è già iniziata la fioritura delle piante invernali e quest’anno risulterà più intensa e rapida, come evidenziano gli studi condotti dal Centro di Monitoraggio Aerobiologico della Fondazione Edmund Mach.

 

I pollini di nocciolo e ontano hanno infatti già invaso i cieli trentini con quantità tre volte superiori rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti.

 

“Ci sono cause differenti - spiega Antonella Cristofori, ricercatrice della Fondazione Edmund Mach – tra cui cicli di produzione di pollini intrinseci nella pianta, ma anche fattori esterni come temperature miti e condizioni climatiche prima e dopo il periodo di fioritura. Le giornate temperate, asciutte e ventose di questi ultimi giorni stanno favorendo la dispersione dei pollini nell’atmosfera”.

Occhi rossi e raffreddori saranno per ora causati da nocciolo, ontano, cipresso olmo e frassino maggiore, “Però – continua la ricercatrice – dobbiamo aspettare il periodo primaverile per i massimi livelli di pollini nell’aria, sia per quantità che per tipologia”.

 

La Cristofori descrive poi come vengono condotti gli studi dal Centro di Monitoraggio Aerobiologico. "A San Michele, dagli anni ’90, abbiamo un campionatore fisso che lavora tutti i giorni e ci permette di rilevare le concentrazioni di pollini: la macchina aspira un grande volume d’aria e le particelle contenute in esso vanno ad aderire su una superficie adesiva interna. Gli studiosi la prelevano e la osservano al microscopio ottico, identificando i corpuscoli uno ad uno in base a forma e dimensioni, per poi attribuirli alle piante di provenienza".

Dopo l’influenza dunque, colpiscono duri anche i pollini: per i nasi sensibili è sempre disponibile il bollettino con il grafico delle concentrazioni settimanali consultabile in farmacia, via SMS o tramite l’applicazione TreC_Lab Pollini.

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 marzo - 20:12

Venerdì una serata aperta alla cittadinanza dedicata a ''Genere, educazione, pluralità'' e, nel pomeriggio, appuntamento con la Cgil in piazza Dante. Il 30 marzo tutti a Verona per il corteo di Non una di meno

21 marzo - 18:37
Le indagini partono poco più di due mesi fa, quando gli agenti pizzicano un veicolo di proprietà di un comune della Val Rendena e condotto da un dipendente di Tione mentre compie una violazione alla segnaletica stradale. Gli accertamenti però mettono in luce un quadro pesante per l'uomo tra truffa, peculato e falsa attestazione di servizio
21 marzo - 20:01

I due giovani si trovavano in un tratto di pista molto ripida.  Il Soccorso alpino gli ha fatto calzare le racchette da neve e sono stati accompagnati, con l'ausilio di una corda, a valle fino alla motoslitta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato