Contenuto sponsorizzato

Allarme allergie: boom di alcuni pollini nell'aria a causa delle temperature elevate e del vento

Pollini di nocciolo e ontano, concentrazioni tre volte superiori alla media. Antonella Cristofori, ricercatrice della Fondazione Edmund Mach: "Dobbiamo aspettare il periodo primaverile per i massimi livelli di pollini nell’aria, sia per quantità che per tipologia"

Di Cristiano Eccel, Pier Paolo Bonini (Liceo Prati) - 01 marzo 2019 - 13:00

TRENTO. Pollini in aumento, i dati lo confermano: è già iniziata la fioritura delle piante invernali e quest’anno risulterà più intensa e rapida, come evidenziano gli studi condotti dal Centro di Monitoraggio Aerobiologico della Fondazione Edmund Mach.

 

I pollini di nocciolo e ontano hanno infatti già invaso i cieli trentini con quantità tre volte superiori rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti.

 

“Ci sono cause differenti - spiega Antonella Cristofori, ricercatrice della Fondazione Edmund Mach – tra cui cicli di produzione di pollini intrinseci nella pianta, ma anche fattori esterni come temperature miti e condizioni climatiche prima e dopo il periodo di fioritura. Le giornate temperate, asciutte e ventose di questi ultimi giorni stanno favorendo la dispersione dei pollini nell’atmosfera”.

Occhi rossi e raffreddori saranno per ora causati da nocciolo, ontano, cipresso olmo e frassino maggiore, “Però – continua la ricercatrice – dobbiamo aspettare il periodo primaverile per i massimi livelli di pollini nell’aria, sia per quantità che per tipologia”.

 

La Cristofori descrive poi come vengono condotti gli studi dal Centro di Monitoraggio Aerobiologico. "A San Michele, dagli anni ’90, abbiamo un campionatore fisso che lavora tutti i giorni e ci permette di rilevare le concentrazioni di pollini: la macchina aspira un grande volume d’aria e le particelle contenute in esso vanno ad aderire su una superficie adesiva interna. Gli studiosi la prelevano e la osservano al microscopio ottico, identificando i corpuscoli uno ad uno in base a forma e dimensioni, per poi attribuirli alle piante di provenienza".

Dopo l’influenza dunque, colpiscono duri anche i pollini: per i nasi sensibili è sempre disponibile il bollettino con il grafico delle concentrazioni settimanali consultabile in farmacia, via SMS o tramite l’applicazione TreC_Lab Pollini.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 maggio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 maggio - 06:01

La malattia di Lyme è la più diffusa. Secondo i dati dell'Apss nel 2017 i casi notificati sono stati 29. Rizzoli: "Le temperature più miti hanno fatto prolungare il periodo di attività durante il quale la zecca cerca un ospite di cui cibarsi"

22 maggio - 12:06

Il tentativo di truffa sarebbe stato sventato dai carabinieri di Ledro. Nei guai un 27enne di Torino. I militari invitano gli esercenti a prestare attenzione: modus operandi diffusa

22 maggio - 11:07

Palloncini a forma di unicorno e zucchero filato rosa: queste le coordinate della festa. Gli utenti dei social divisi tra fan entusiasti e lettori critici della scelta e dei costi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato