Contenuto sponsorizzato

Cambiamenti climatici e parassiti, in Trentino la produzione di olive va Ko, l'esperto: ''Quest'anno un calo del 70%"

La Fondazione Mach e l'Agraria di Riva hanno avviato un progetto per contrastare la mosca con sistemi meno invasivi dal punto di vista ambientale e tossicologico. Fondazione Mach: "Ci sono annate come quella che stiamo vivendo dove certi sistemi purtroppo non riescono da soli e servono ad integrazione anche dei trattamenti insetticidi"

Di G.Fin - 28 agosto 2019 - 06:01

TRENTO. Il 2019 potrebbe essere uno dei peggiori anni per la produzione di olio di oliva in Trentino. Sbalzi di temperatura, i cambiamenti climatici e gli attacchi della mosca, il più acerrimo nemico degli olivi, hanno messo a dura prova le coltivazioni trentine.

 

A confermarlo è anche la Fondazione Mach con Franco Michelotto dell'Unità viticoltura e olivicoltura. In Trentino si trovano olivi oltre che nell'Alto Garda anche nella zona bassa della Valle dei Laghi. Piccole produzioni si rintracciano anche in Vallagarina, da Rovereto fino Avio. Dopo un'annata abbondante come quella del 2018, ora si parla addirittura di un calo che, per gli esperti, si aggira sul 70%.

 

Secondo le previsioni, la situazione della produzione di olive trentina quest'anno è davvero in crisi?

Quest'anno ci troveremo sicuramente davanti ad una annata di bassa produzione. Nel 2018 avevamo raggiunto un record per quanto concerne la raccolta delle olive ma ora la situazione è purtroppo ben diversa.

 

E quali sono i principali motivi?

Abbiamo avuto grossi sbalzi di temperatura a fine giugno in un momento molto delicato per la pianta. Questo fatto climatico che ha senz'altro influenzato la produzione di olive. Occorre poi considerare, però, che dopo un anno record di produzione di olive come il 2018 è normale che ci sia un anno di “scarica”.

 

Il calo della produzione sta colpendo tutte le aree dove sono presenti olivi in Trentino?

La zona più colpita dalla mancanza di produzione è quella collinare dell'Alto Garda. Le fasce più alte sono invece più fresche e questo ha influito positivamente sulla produzione.

 

Tra i problemi, però, vi è anche la fatidica mosca.

La mosca è il principale parassita delle olive. Visto il cambiamento climatico a cui abbiamo assistito, con temperature che hanno raggiunto 37 – 38 gradi e la stagione con forti sbalzi che stiamo vivendo, è diventata più aggressiva e sta creando diversi problemi.

 

Di che calo nella produzione di olive stiamo parlando?

Da circa 20 – 30 anni a questa parte, l'oscillazione si poteva ritenere del 20 – 30%. Quest'anno però si arriverà a circa il 70% in meno. Ci si fermerà a 6 – 7 quintali di olive a fronte dei 15 – 20 quintali dello scorso anno.

 

Per contrastare la mosca quali interventi si stanno portando avanti?

Abbiamo appena concluso un progetto triennale tra la Fondazione Mach e l'Agraria di Riva sulla mosca proprio per cercare di mettere a punto dei sistemi poco invasivi dal punto di vista ambientale e tossicologico per combattere questo insetto. E' un problema su cui lavoriamo da ormai 20 anni. Sono state create trappole ed esche per ridurne la presenza. Poi , però, ci sono annate come quella che stiamo vivendo dove certi sistemi purtroppo non riescono da soli e servono ad integrazione anche dei trattamenti insetticidi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 settembre - 18:34

Preoccupatissima la categoria per le conseguenze devastanti che si annunciano per il sistema agricolo provinciale. Tra le richieste che si valuti la possibilità di riconoscere sgravi contributivi e indennizzi alle aziende frutticole che hanno subito danni rilevanti tali da compromettere redditività e sopravvivenza, nonché si attino specifici contributi, come quelli già previsti per l’acquisto di reti anti insetto

18 settembre - 17:21

Mal sopportato da tempo l'ex sindaco di Firenze ha messo in sicurezza il partito (portandolo di nuovo al governo), ha atteso si formasse il governo (per non ridurre tutto a una questione ministeri e segretariati) e ha fatto quello che praticamente tutti, prima di lui, hanno fatto nel Pd: lasciarlo. La senatrice trentina: ''E una casa autenticamente europeista, popolare e liberale''

18 settembre - 17:17

L'incidente è avvenuto intorno alle 15.30 lungo la strada statale 240 all'altezza di un incrocio poco prima dell'abitato di Bezzecca. Il ferito elitrasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato