Contenuto sponsorizzato

La casa è invasa dai pesciolini d'argento? Ecco cosa sono e alcuni trucchi per eliminare questo insetto imprendibile

I "pesciolini d'argento" si nutrono di zuccheri e amidi presenti in tantissimi cibi, ma anche nella carta, nel legno, nella colla, nelle guarnizioni, nei tessuti. La casa è un habitat praticamente naturale e la presenza sono quelle macchioline giallastre, particolarmente visibili sulla biancheria

Pubblicato il - 22 maggio 2019 - 21:41

TRENTO. Prenderli è difficilissimo e sono abilissimi a sgusciare via, quasi inafferrabili. Sono i "pesciolini d'argento", insettini viscidi e dalle antenne lunghe conosciuti anche come "pesciolini del legno", "pesciolini della polvere", "pesciolini del bagno". E' un animaletto dalla vita molta lunga rispetto a tante altre specie: può vivere fino a 3 anni e sono molto prolifici, una femmina può deporre fino a 20 uova al giorno e riescono a stare senza cibo anche per mesi.

 

I "pesciolini d'argento" si nutrono di zuccheri amidi presenti in tantissimi cibi, ma anche nella carta, nel legno, nella colla, nelle guarnizioni, nei tessuti. La casa è un habitat praticamente naturale e la presenza sono quelle macchioline giallastre, particolarmente visibili sulla biancheria. Non sono nocivi, non pungono, non irritano, non mordono, non sono velenosi, ma qualche libro o indumento possono rovinarlo.

 

Se i "pesciolini d'argento" hanno invaso la vostra abitazione, l'unica soluzione è preparare alcune trappole per allontanare questo insetto. Il più facile è quello di inserire in una bottiglia pezzi di patate o pane e zucchero, quindi arieggiare e deumidificare la casa in quanto gli animaletti amano l'umidità ma odiano la luce. 

 

E' necessario poi passare l'aspirapolvere e pulire all'interno di cassetti e mobili in legno. Il cibo invece va conservato in recipienti di plastico o vetro ben chiusi. Un altro trucco è quello di usare spezie e oli essenziali, i pesciolini argentati li odiano, in particolare la lavanda e l'alloro.

 

Sono efficaci per allontanare questi insetti anche menta piperita, citronella, lavanda e ginkgo biloba. Un suggerimento è quello poi di posizionare spargiessenze e diffusori in libri e cassetti. Provate anche con le bucce di cedro cambiandole, però, entro una settimana al massimo. Se l’infestazione è grave, meglio invece rivolgersi alle ditte specializzata.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 maggio - 19:52
Trovati 36 positivi, non sono stati comunicati decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 113 guarigioni. Sono 689 i casi attivi sul [...]
Cronaca
18 maggio - 21:40
L'allerta è scattata lungo la MeBo in direzione nord all'altezza dell'uscita per Terlano. In azione la macchina dei soccorsi, due le persone [...]
Politica
18 maggio - 17:18
C'è da evidenziare che i numeri rispetto al capoluogo sono molto diversi: 998 domande a Trento tra ottobre 2020 e aprile 2021, mentre a Rovereto [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato