Contenuto sponsorizzato

La casa è invasa dai pesciolini d'argento? Ecco cosa sono e alcuni trucchi per eliminare questo insetto imprendibile

I "pesciolini d'argento" si nutrono di zuccheri e amidi presenti in tantissimi cibi, ma anche nella carta, nel legno, nella colla, nelle guarnizioni, nei tessuti. La casa è un habitat praticamente naturale e la presenza sono quelle macchioline giallastre, particolarmente visibili sulla biancheria

Pubblicato il - 22 maggio 2019 - 21:41

TRENTO. Prenderli è difficilissimo e sono abilissimi a sgusciare via, quasi inafferrabili. Sono i "pesciolini d'argento", insettini viscidi e dalle antenne lunghe conosciuti anche come "pesciolini del legno", "pesciolini della polvere", "pesciolini del bagno". E' un animaletto dalla vita molta lunga rispetto a tante altre specie: può vivere fino a 3 anni e sono molto prolifici, una femmina può deporre fino a 20 uova al giorno e riescono a stare senza cibo anche per mesi.

 

I "pesciolini d'argento" si nutrono di zuccheri amidi presenti in tantissimi cibi, ma anche nella carta, nel legno, nella colla, nelle guarnizioni, nei tessuti. La casa è un habitat praticamente naturale e la presenza sono quelle macchioline giallastre, particolarmente visibili sulla biancheria. Non sono nocivi, non pungono, non irritano, non mordono, non sono velenosi, ma qualche libro o indumento possono rovinarlo.

 

Se i "pesciolini d'argento" hanno invaso la vostra abitazione, l'unica soluzione è preparare alcune trappole per allontanare questo insetto. Il più facile è quello di inserire in una bottiglia pezzi di patate o pane e zucchero, quindi arieggiare e deumidificare la casa in quanto gli animaletti amano l'umidità ma odiano la luce. 

 

E' necessario poi passare l'aspirapolvere e pulire all'interno di cassetti e mobili in legno. Il cibo invece va conservato in recipienti di plastico o vetro ben chiusi. Un altro trucco è quello di usare spezie e oli essenziali, i pesciolini argentati li odiano, in particolare la lavanda e l'alloro.

 

Sono efficaci per allontanare questi insetti anche menta piperita, citronella, lavanda e ginkgo biloba. Un suggerimento è quello poi di posizionare spargiessenze e diffusori in libri e cassetti. Provate anche con le bucce di cedro cambiandole, però, entro una settimana al massimo. Se l’infestazione è grave, meglio invece rivolgersi alle ditte specializzata.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 19:33

Sono 14 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.402 i guariti da inizio emergenza e 556 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, giovedì 24 settembre, si specifica che 11 sono sintomatici e 1 caso è ascrivibile ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

24 settembre - 17:49

I tamponi analizzati sono stati 1.613. Oggi è stato individuato un caso di coronavirus alla scuola dell'infanzia della Sacra Famiglia di Trento

24 settembre - 18:12

Il giovane nigeriano ieri sera ne aveva già espulsi 21 ma da un secondo esame radiologico è risultato averne ancora è rimasto piantonato nel reparto di chirurgia, in attesa del processo per direttissima che si terrà non appena verrà dimesso dall'ospedale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato