Contenuto sponsorizzato

Si scioglie la neve in quota, Passirio in piena. Chiusi gli accessi al fiume a Merano

Dopo le nevicate di maggio è esplosa improvvisamente l'estate. In Trentino persi in tre giorni oltre 27 centimetri di neve. Questa notte la portata del fiume altoatesino ha superato i 50 metri cubi al secondo e per questo sono state chiuse le terrazze sul Passirio e l'accesso al fiume all'altezza della Wandelhalle

Pubblicato il - 05 giugno 2019 - 13:43

MERANO. Il livello del corso d'acqua sta aumentando costantemente e il valore rivelato e tra ieri e oggi ha toccato il livello di guardia di 50 metri cubi al secondo di portata. Il Passirio cresce da una settimana e per sicurezza il Comune di Merano ha disposto la chiusura dell'accesso al fiume. La ragione è da ricercarsi nello scioglimento della neve in quota. Dopo le fortissime nevicate di maggio, infatti, ecco che in poche ore è letteralmente esplosa l'estate con temperature in molte aree della regione più vicine ai 30 gradi che ai 20.

 

Ciò sta comportando un rapido scioglimento di neve e ghiaccio in quota (per esempio due giorni fa vi riferivamo alcuni dati del Trentino dove in tre giorni si sono persi, in quota anche 27 centimetri di neve: a Capanna Presena, quota 2.735 metri, si è passati dai 369 centimetri del 31 maggio ai 342 di lunedì, al rifugio Grostè da 179 a 145 centimetri e sulla Marmolada a Sass del Mul si è passati da 271 a 250 centimetri di neve QUI ARTICOLO) e così il Passirio si sta ingrossando sempre di più.

 

 

I dati sono stati rilevati dalla stazione idrometrica di Lazago che ieri sera ha rivelato un picco di portata pari a oltre 50 metri cubi al secondo. "Il valore viene costantemente aggiornato - ha spiegato la direttrice della Giardineria comunale Anni Schwarz - ma con un simile livello il rischio che qualcuno possa scivolare inavvertitamente in acqua ed essere trascinato dalla corrente è alto. Ragion per cui è consigliabile tenere chiusi gli accessi. Confidiamo nella comprensione della cittadinanza e degli ospiti. Non appena il livello sarà calato, gli accessi potranno essere riaperti al pubblico".

 

 

A rimanere chiuse, in particolare, le terrazze sul Passirio e l'accesso al fiume all'altezza della Wandelhalle.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 giugno - 14:04

Il mezzo era su Dro per intervenire per un malore venuto ad un escursionista sulla ferrata Che Guevara. Sul posto è stato subito mandato un altro mezzo mentre il Dauphin è atterrato in emergenza a Gaggiolo

20 giugno - 14:22

Il grande chef trentino si dedicherà a un altro progetto e così dal 17 luglio a guidare il ristorante della famiglia Lunelli ci sarà il ''miglior chef emergente d'Italia 2017''

20 giugno - 12:06

L'allarme è scattato intorno all'1 della notte tra mercoledì 19 e giovedì 20 giugno, quando i famigliari hanno allertato i soccorsi per il mancato rientro a casa della persona. Oltre 70 unità in azione, compreso le unità cinofile e elicottero

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato