Contenuto sponsorizzato

Ikea "dona" 4.000 nuovi alberi a Corvara, colpita da Vaia: "Piantate specie resistenti alle tempeste per far rinascere il bosco"

Grazie al progetto "Effetto Vaia" il colosso svedese ha realizzato, con il legno schiantato, 20.000 librerie Billy, in edizione limitata, il cui acquisto contribuisce al rimboschimento delle aree coinvolte. "Vogliamo creare una vita quotidiana migliore e più sostenibile per le persone e per il pianeta, che è la nostra casa"

Pubblicato il - 28 ottobre 2020 - 17:57

CORVARA. La notte tra il 28 e il 29 ottobre 2018 sconvolse Trentino Alto Adige, Veneto e parte di Lombardia e Friuli Venezia Giulia. Quella notte Vaia si portò via 16 milioni di alberi e 41mila ettari di bosco: un colpo durissimo per il patrimonio boschivo e la biodiversità del nostro Paese, per il paesaggio e tutto il territorio.

 

Sono state tante, in questi anni, le iniziative e i progetti nati per dare nuova vita al legno schiantato (basti pensare, ad esempio, al Vaia Cube, l'amplificatore per smartphone ideato e promosso da un gruppo di giovani trentini QUI ARTICOLO). Da qualche tempo anche Ikea, colosso svedese dell'arredamento, è scesa in campo portando avanti un'idea di sostenibilità che si è fatta, e si farà, azione concreta. 

 

A due anni da quell’evento drammatico (che, solo in Alto Adige, ha causato l’abbattimento di 1 milione e 500 mila metri cubi di legname), Ikea ha infatti dato vita ad Effetto Vaia, un circolo virtuoso che restituisce nuova speranza al territorio colpito dalla tempesta. Il legno delle foreste di Corvara è stato utilizzato per realizzare 20.000 librerie Billy e 5.000 ante Traarbetare, in edizione limitata, il cui acquisto contribuisce a sostenere il progetto per la riqualificazione e il rimboschimento delle aree coinvolte (QUI ARTICOLO).

 

“Con il progetto Effetto Vaia abbiamo voluto contribuire concretamente a riportare in vita una porzione del territorio italiano gravemente danneggiato dalla tempesta, lanciando un messaggio di speranza per le future generazioni. La nostra ambizione, infatti, è quella di creare una vita quotidiana migliore e più sostenibile per le persone e per il pianeta, che è la nostra casa. - ha detto Fides Tosoni, responsabile sostenibilità di Ikea Italia - La sostenibilità dei consumi e la lotta ai cambiamenti climatici sono fra le più grandi sfide dell’umanità e solo coinvolgendo e ispirando il maggior numero possibile di persone ad impegnarsi ogni giorno nel fare scelte più consapevoli e responsabili, potremmo avere un impatto positivo per il futuro di tutti”.

 

Ikea Italia, infatti ha avviato un progetto di riqualificazione e rimboschimento nel comune altoatesino: 3.000 nuovi alberi e 1.000 da rinnovazione naturale, una tecnica che mira a salvaguardare l’ecosistema del bosco, andranno a ricucire la ferita inferta ai boschi da Vaia. 

 

La piantumazione e la gestione dei nuovi alberi avverranno in aree boschive già certificate secondo i principi del Forest Stewardship Council (Fsc), con cui Ikea Italia collabora da sempre per garantire i massimi standard in merito alla gestione responsabile delle foreste e della trasformazione del legno. “Generiamo nuovo valore lì dove la furia della tempesta lo ha tolto: per fare ciò ripartiamo proprio dai boschi, veri e propri strumenti naturali di resilienza”, commenta Diego Florian, direttore di Fsc Italia. “La gestione di queste aree - aggiunge- avverrà secondo principi di sostenibilità ambientale e sociale, moltiplicando le ricadute positive per comunità, territorio e generazioni future”.

 

Un intervento possibile grazie al coordinamento in campo tecnico e scientifico di Etifor, spin-off dell’Università di Padova. La foresta è stata ricostruita aumentando le specie resistenti alle tempeste, come i larici ed aumentando la biodiversità della foresta con specie mellifere. Le soluzioni progettuali sono state concordate con i proprietari dell’area, l’Interessenza Masisti, l’azienda di esecuzione dei lavori WaldPlus e grazie al supporto del cuore pulsante della valle che è Alta Badia Brand.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 18:32

Il tema è quello dell'apertura degli impianti per il periodo di Natale e Capodanno, ipotesi in questo momento bloccata da Roma. Nel tentativo di forzare una decisione diversa, la Provincia di Trento e quella di Bolzano, valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte hanno trovato un'intesa unanime sul protocollo di sicurezza

23 novembre - 19:48

Sul posto stanno intervenendo diversi vigili del fuoco con un’autoscala e due mezzi di supporto. Stando alle prime informazioni le fiamme sarebbero partite dalla zona del tetto di uno stabile in via Torre d’Augusto a Trento dove ci sono anche alcuni appartamenti

23 novembre - 19:06

Dalla morte di Piergiorgio Cattani alle dimissioni di Ghezzi, Futura affida a una lettera (in forma integrale) l'analisi di un momento complicato per il movimento nato nel 2018: "Confermato o meno l’importante assessorato che ci era stato assegnato, l’unica cosa che ci sentiamo di garantire è presenza responsabile, curiosa e attiva"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato