Contenuto sponsorizzato

Orsi al Casteller, l’inviato animalista Edoardo Stoppa a Tv8: “Fallimento conclamato, non possono stare in quel luogo”

La gestione trentina degli orsi reclusi al Casteller finisce sul banco degli imputati di Tv8. L’ex inviato di “Striscia la notizia” ha parlato di un “fallimento conclamato”. Dello stesso avviso anche la scrittrice Barbara Alberti: “L’idea della gabbia è atroce, una schifezza e una tortura, non occorre essere animalisti per capirlo”

Di T.G. - 17 febbraio 2021 - 13:17

TRENTO. “È il fallimento di un programma sul quale abbiamo investito un sacco di soldi”, non usa mezzi termini il volto noto della televisione italiana (ex inviato per “Striscia la notizia) Edoardo Stoppa che attacca di nuovo la gestione trentina degli orsi reclusi al Casteller.

 

Stoppa ha partecipato al programma condotto da Adriana Volpe “Ogni mattina” appena andato in onda su Tv8 e all’interno del quale è stato mostrato anche il blitz all’interno dell’area faunistica condotto da militanti del Centro sociale Bruno e dell’Assemblea antispecista. M49-Papillon e più in generale gli orsi sono stati grandi protagonisti della puntata di oggi, 17 febbraio. 

 

L’ex inviato di “Striscia la notizia”, riferendosi ai tre orsi rinchiusi al Casteller, ha rincarato la dose parlando di un “fallimento conclamato” e aggiungendo che in quel luogo non possono stare “andrebbero spostati in un posto più idoneo, sondando varie possibilità. Appena nasce un piccolo problema – ha sottolineato – non riusciamo a risolverlo”.

 

Alle sue parole hanno fatto eco quelle del giornalista Marco Maisano: “Fa impressione vedere un orso in gabbia”. Dello stesso avviso anche la scrittrice Barbara Alberti: “L’idea della gabbia è atroce – ha detto – una schifezza e una tortura, non occorre essere animalisti per capirlo”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 05:01

Una ricerca che ha messo insieme tanti pezzi di un mosaico per ricostruire la storia “perduta” di Anna Vivaldelli, uccisa a Dro l’8 marzo 1925. A quasi un secolo di distanza, in occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna, ricostruiamo questa vicenda grazie ai documenti, le lettere e le testimonianze dell’epoca

07 marzo - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 marzo - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato