Contenuto sponsorizzato

Processionaria, l'appello della Provincia: "Mantenersi lontani da nidi e larve e tenere i cani al guinzaglio"

L'appello della Provincia: "La processionaria possiede peli urticanti che libera nell’aria quando si sente minacciata. È quindi consigliabile tenersi a distanza. Si dovrebbe anche evitare di calpestarla, poiché i peli urticanti che si spargono sono così leggeri che vengono trasportati dal vento: hanno un effetto simile a quello delle ortiche. Importante tenere i cani al guinzaglio" 

Foto d'archivio
Di S.D.P. - 25 febbraio 2024 - 20:06

BOLZANO. La processionaria torna a farsi vedere. In generale, si sviluppa a carico del pino nero, del pino silvestre e dei cedri, dove forma i caratteristici nidi di seta bianchi, in climi miti e temperati. In Alto Adige, la Val Venosta è l'area in cui è più diffusa. 

 

Il suo sviluppo larvale comprende un totale di 5 stadi, alla fine dei quali forma la caratteristica processione verso il sito di impupamento. Queste larve pelose possono essere osservate in lunghe colonne. Non costituisce un problema per gli alberi sani, ma il contatto con essa può avere conseguenze spiacevoli e, in alcuni casi, dannose per l'uomo e i cani.

 

"Invitiamo le cittadine e i cittadini e soprattutto i proprietari di cani a mantenere le distanze dalle processioni. I cani devono essere tenuti al guinzaglio, soprattutto in prossimità di pini e cedri, oppure ai primi tepori di fine inverno queste aree vanno evitate ", ha spiegato il Servizio forestale della Provincia di Bolzano, lanciando l'appello.  

 

"La processionaria possiede peli urticanti che libera nell’aria quando si sente minacciata. È quindi consigliabile tenersi a distanza. Si dovrebbe anche evitare di calpestarla, poiché i peli urticanti che si spargono sono così leggeri che vengono trasportati dal vento: hanno un effetto simile a quello delle ortiche. In genere è sufficiente un trattamento con creme o antistaminici, ma i soggetti allergici possono dover ricorrere all'ospedale", ha precisato Alessandro Andriolo, esperto del Servizio forestale.

 

In Alto Adige viene effettuato un trattamento aereo con un prodotto biologico come misura preventiva: "L'anno scorso l'abbiamo attuata con successo in Val Venosta. Tuttavia, queste misure sono costose e l’iter autorizzativo è complicato", ha proseguito Andriolo. Nei casi in cui la processionaria viva nei pressi di asili, parchi giochi, scuole o case di riposo, una soluzione può essere la posa di trappole sul tronco che captano la processione deviandola verso un sacchetto riempito di materiale inerte. Trappole sono disponibili presso i rivenditori specializzati.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
13 aprile - 19:52
Il video della titolare del Perla Bar in via Belenzani sui social dopo la multa ricevuta venerdì sera per aver fatto 15 minuti di musica in più : [...]
Cronaca
13 aprile - 19:02
La macabra scoperta ad Aprica, in Provincia di Sondrio, dove a quanto pare la famiglia si era trasferita durante la pandemia. Da quanto emerso pare [...]
Cronaca
13 aprile - 17:47
Il comune di Santa Giustina ha predisposto il ripristino dell'area: l'altana è stata costruita in una zona di proprietà del demanio idrico. Gli [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato