Contenuto sponsorizzato

Apicoltori trentini in crisi. Sparisce il miele d'acacia: "Troppo freddo nei mesi scorsi e le api sono in difficoltà"

Secondo il presidente degli Apicoltori mancano adeguati sostegni alle imprese. "Se le api potessero votare allora conteremo di più". A causa delle temperature sotto la media dei mesi scorsi la produzione di miele è in crisi. 

Di gf - 17 giugno 2017 - 06:47

TRENTO. Il 2017 sembra non promettere nulla di buono, al momento, per il settore del miele. Complice soprattutto una stagione primaverile fredda, i danni all'agricoltura sono stati moltissimi e i 1500 apicoltori trentini rischiano di non riuscire a rialzare la testa dopo la crisi degli ultimi 3 anni.

 

Tra gli effetti che quasi sicuramente vedremo sugli scaffali dei supermercati, ci sarà la quasi totale assenza del miele d'acacia. A confermalo è Marco Facchinelli, presidente dell'Associazione Apicoltori Trentini che oltre a descrivere una situazione di “crisi nera” lamenta anche la poca attenzione da parte delle istituzioni verso questo settore.

 

“La produzione del miele di acacia – ci spiega – è stata praticamente assente quest'anno.  A causa in particolare delle condizioni climatiche fredde che non hanno permesso all'ape di produrre miele. Abbiamo avuto un avvio di stagione che lasciava ben sperare ma poi le temperature di sono abbassate, soprattutto in alcune zone del Trentino, creando in questo modo danni irreparabili all'agricoltura perché il freddo si è protratto per diversi giorni”.

 

Ad essere messo in pericolo non è solo il miele d'acacia ma, secondo gli apicoltori, anche altre tipologie che risentono degli effetti negativi del clima. In questo periodo l'auspicio da parte degli apicoltori è che si ritorni ad avere temperature gradevoli e condizioni climatiche accettabili affinché le api possano iniziare a produrre miele di tiglio e castagno per limitare i danni di una stagione che si profila drammatica anche e soprattutto dal punto di vista economico.

 

“Sono moltissime le aziende di apicoltori – spiega Facchinelli – che hanno fatto investimenti di migliaia di euro. Questi investimenti bisogna comunque pagarli e con una situazione del genere per molti è difficile”.

 

Il dito viene puntato contro la mancanza di adeguati “sostegni”. “Qui non abbiamo alcuna clausola di salvaguardia – continua il presidente – e purtroppo essendo in numero ridotto l'interesse nei nostri confronti è minimo. Se le api potessero avere la possibilità votare allora conteremo di più”.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 05:01

In Alto Adige l'Azienda sanitaria ha denunciato i partecipanti alla messa in scena dove si consiglia di utilizzare vitamina Ce D, estratti di erbe e si parla di buona respirazione e sana alimentazione mentre si mette tra virgolette la parola vaccini anti Covid. Tra loro anche il dottor Cappelletti. Il presidente dell'Ordine del Trentino: ''Decisamente stupito per una presa di posizione così contraria alle raccomandazioni che la classe medica dovrebbe dare in questa fase. Così si confonde la popolazione''

02 marzo - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 marzo - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato