Contenuto sponsorizzato

Un gigantesco Christian Bale si trasforma in Dick Cheney

Una storia non scorrevole con un finale alla “Truman show”. Ed, al centro, il cinico, enigmatico Cheney, sempre sulla cresta dell’onda tra presidenti, guerre e potere. A Trento “Vice” si proietta al cinema Astra
Dal blog di Alda Baglioni - 05 gennaio 2019 - 11:20

E’ tutto quasi vero e la somiglianza è notevole. Ma lui ci ha abituato ai suoi cambiamenti fisici da tempo. Il britannico Christian Bale (candidato all’Oscar 2019) con “Vice” diretto da Adam McKay, ha superato se stesso. E’ ingrassato venti chili e risulta irriconoscibile per portare sullo schermo la figura di Dick Cheney, controverso esponente politico americano, fido propulsore della strategia militare dei presidenti Bush. Una sceneggiatura contorta - sempre di McKay, - che ci aveva già confuso abbastanza le idee ne “La grande scommessa”, sempre con Bale tra i protagonisti.

 

Tante le scelte registiche spiazzanti. L’identità della voce fuori campo si scopre nel divenire del film, una narrazione squilibrata, che sembra interrompersi a metà, per poi riprendere con forza. Il tempo si rincorre, il prima, il dopo, l’oggi, sono metafore che rappresentano la lunga vita di un personaggio politico ancora presente nell’America attuale. Cheney ha sostenuto Donald Trump nell’ultima campagna elettorale, per esempio. Si vuole entrare nell’intimo di Dick, uomo di poche parole e tanti fatti.

 

Si parte dal periodo universitario, le sbronze, due volte in prigione per guida in stato alcoolico. Come ha fatto, con la fedina penale macchiata, ad aver avuto tanto successo in politica? L’amore, la futura moglie (la stereotipata Amy Adams) lo salva dalla via all’alcolismo, con la sua determinazione. Una donna con le idee chiare, che lo appoggerà sempre, un modello di fedeltà. Come dire: dietro ad un grande uomo c’è una grande donna. Due figlie, una di loro sia lesbica e la cosa potrebbe essere attaccabile per un eventuale futuro Presidente. Ma Dick si accontenta nell’ombra, di muovere i fili di una nazione, da capo gabinetto a vicepresidente repubblicano, sempre vicino al potere.

 

Da Nixon a Reagan, la storia americana ci passa davanti agli occhi con una velocità inaspettata. Dalla guerra in Cambogia alla presidenza di George Bush jr. (figura disarmante a dir poco, ben interpretata da Sam Rockwell). E altre date salienti. L’11 settembre 2001, l’attacco alle Torri Gemelle, il discorso di Colin Powell. E ancora Afghanistan la guerra in Iraq, le armi di distruzione di massa, le smentite, la formazione dell’Isis, Guantanamo, tra multinazionali petrolifere.

 

E’ tutto quasi vero, resta realmente l’interpretazione strabiliante di Cheney- Bale che dall’età di 37 anni, deve fare i conti con un cuore ballerino. Si fermerà più volte il cuore, per riprendersi nel suo corpo roccioso e massiccio, con la donna della sua vita al fianco, sempre pronta ad incoraggiarlo. Una storia non scorrevole con un finale alla “Truman show”. Ed, al centro, il cinico, enigmatico Cheney, sempre sulla cresta dell’onda. A Trento “Vice” si proietta al cinema Astra.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 agosto - 19:21

Dopo l'azione degli Schützen di ieri, che hanno coperto i nomi tedeschi in 600 cartelli per denunciare l'ingiustizia della non ufficialità dei toponimi tedeschi, la questione torna al centro del dibattito. Delle Donne: "E' meramente politica, fu l'Svp a non renderla ufficiale". Klotz: "Si vuole dare valenza istituzionale a nomi fascisti e inventati. L'azione degli Schützen evidenzia l'ingiustizia"

17 agosto - 20:11

E' successo questo pomeriggio attorno alle 17. Sul posto i vigili del fuoco. E' stato necessario il sorvolo dell'elicottero con il geologo per verificare la situazione

17 agosto - 12:12
Le tracce del plantigrado sono state trovate nelle vicinanze di malga Ora a quota 1.875 metri tra il passo Lavazè in val di Fiemme e Nova Ponente sul versante altoatesino. Le orme sono state rilevate dopo che altre tracce erano state lasciate dal plantigrado nel territorio del comune di Giovo sul versante di Faedo. La Provincia conferma
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato