Contenuto sponsorizzato

La pensione per i lavoratori precoci e gli occupati in attività con mansioni gravose o usuranti. Ecco come funziona il decreto legge

Si parla di Quota 100 e Opzione donna, due provvedimenti, i quali pur avendo caratteristiche diverse ma proprie, permettono di raggiungere la maturazione in anticipo rispetto ai requisiti previsti per la pensione anticipata ordinaria che matura al raggiungimento di 41 anni e 10 mesi di contribuzione per le donne, e 42 anni e 10 mesi per gli uomini – indipendentemente se lavoratori dipendenti o autonomi
DAL BLOG
Di Alessandro Micheli - 27 August 2019

Consulente previdenziale e assicuratore

Il decreto legge 4/2019 emanato il 28 gennaio di quest’anno, ha introdotto una serie di novità in materia pensionistica principalmente rivolte ad abbassare il requisito anagrafico per il raggiungimento della pensione anticipata.

 

Si parla di Quota 100 (62 anni di età e 38 di contributi) e Opzione donna (58 anni per le dipendenti – 59 per le autonome con 35 anni di contribuzione) che sono due provvedimenti, i quali pur avendo caratteristiche diverse ma proprie, permettono di raggiungere la maturazione in anticipo rispetto ai requisiti previsti per la pensione anticipata ordinaria che matura al raggiungimento di 41 anni e 10 mesi di contribuzione per le donne, e 42 anni e 10 mesi per gli uomini – indipendentemente se lavoratori dipendenti o autonomi.

 

Il decreto ha inoltre introdotto la possibilità di maturare la pensione anticipata ordinaria con 41 anni di contribuzione per quella tipologia di lavoratori definiti precoci e per quelli che sono impiegati in occupazioni con mansioni gravose o usuranti.

 

Ulteriore novità (alla stregua di Quota 100 ed Opzione donna) è la reintroduzione della finestra di uscita; quel lasso temporale che decorre tra la maturazione del diritto e il pagamento da parte dello Stato della prima rata di pensione, che in questo caso è fissato in tre mesi.

 

Un lavoratore che può dimostrare di appartenere ad una delle categorie di cui sopra, qualora raggiunga un’anzianità pari o superiore a 41 anni riceverà da parte dell’Inps il pagamento delle pensione tre mesi dopo. Ma vediamo nel dettaglio cosa si intende per ogni singola categoria.

 

Lavoratori precoci: vengono definiti tali coloro che possono dimostrare di avere un’anzianità contributiva (intera o frazionata) prima del diciannovesimo anno di età di almeno un anno (52 settimane per i lavoratori dipendenti 12 mesi per gli autonomi secondo il proprio estratto contributivo). Questi lavoratori oltre al requisito contributivo devono dimostrare di trovarsi in uno stato di disoccupazione a seguito di licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale, e devono avere concluso integralmente la prestazione per la disoccupazione spettante da almeno tre mesi.

 

In alternativa a queste condizioni, devono dimostrare al momento della richiesta di assistere da almeno sei mesi il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità, oppure un parente o un affine di secondo grado convivente qualora i genitori o il coniuge della persona con handicap abbiano compiuto 70 anni; oppure siano anch’essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti.

 

Sono ammessi inoltre a questo beneficio coloro che abbiano subito una riduzione della capacità lavorativa con invalidità non inferiore al 74 percento. Lavoratori occupati in attività gravose o usuranti: appartengo a questa categoria coloro che svolgono lavori gravosi da almeno sei anni negli ultimi sette o per sette negli ultimi dieci. Vengono ricompresi anche i lavori usuranti, attività particolarmente pesanti da punto di vista fisico.

 

Nella classificazione delle attività gravose si possono ritrovare gli operatori dell’industria estrattiva, gli addetti dell’edilizia, mentre nelle attività usuranti rientrano come: i lavori in cava o galleria, i conducenti di veicoli pesanti, i lavori notturni o alla catena.

 

Ecco due schemi riassuntivi della classificazione ai fini previdenziali delle attività descritte:


E’ importante sottolineare che questa prestazione pensionistica è (come Quota 100) non cumulabile con i redditi da lavoro autonomo o dipendente per il periodo dal pensionamento al raggiungimento del requisito per la pensione anticipata ordinaria (41 o 42 anni e 10 mesi) e che l’accesso è subordinato alla presentazione di apposita domanda da presentare all’Inps entro il 1 marzo di ogni anno.

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
15 giugno - 19:05
Il Comune di Cortina pagherà 70mila euro per riportare il treno a casa, questo l'accordo trovato con Trentino Trasporti. Roberto Andreatta: [...]
Società
16 giugno - 06:01
In occasione del 'turno' ungherese alla presidenza del Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa, sul sito della Fondazione Opera Campana dei [...]
Società
15 giugno - 20:09
Ora il cane si chiama Tina ed è pronta ad essere adottata, le volontarie dell'associazione animalista: “Venite a conoscerla, non ve ne [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato