Contenuto sponsorizzato

La pensione per i lavoratori precoci e gli occupati in attività con mansioni gravose o usuranti. Ecco come funziona il decreto legge

Si parla di Quota 100 e Opzione donna, due provvedimenti, i quali pur avendo caratteristiche diverse ma proprie, permettono di raggiungere la maturazione in anticipo rispetto ai requisiti previsti per la pensione anticipata ordinaria che matura al raggiungimento di 41 anni e 10 mesi di contribuzione per le donne, e 42 anni e 10 mesi per gli uomini – indipendentemente se lavoratori dipendenti o autonomi
DAL BLOG
Di Alessandro Micheli - 27 agosto 2019

Consulente previdenziale e assicuratore

Il decreto legge 4/2019 emanato il 28 gennaio di quest’anno, ha introdotto una serie di novità in materia pensionistica principalmente rivolte ad abbassare il requisito anagrafico per il raggiungimento della pensione anticipata.

 

Si parla di Quota 100 (62 anni di età e 38 di contributi) e Opzione donna (58 anni per le dipendenti – 59 per le autonome con 35 anni di contribuzione) che sono due provvedimenti, i quali pur avendo caratteristiche diverse ma proprie, permettono di raggiungere la maturazione in anticipo rispetto ai requisiti previsti per la pensione anticipata ordinaria che matura al raggiungimento di 41 anni e 10 mesi di contribuzione per le donne, e 42 anni e 10 mesi per gli uomini – indipendentemente se lavoratori dipendenti o autonomi.

 

Il decreto ha inoltre introdotto la possibilità di maturare la pensione anticipata ordinaria con 41 anni di contribuzione per quella tipologia di lavoratori definiti precoci e per quelli che sono impiegati in occupazioni con mansioni gravose o usuranti.

 

Ulteriore novità (alla stregua di Quota 100 ed Opzione donna) è la reintroduzione della finestra di uscita; quel lasso temporale che decorre tra la maturazione del diritto e il pagamento da parte dello Stato della prima rata di pensione, che in questo caso è fissato in tre mesi.

 

Un lavoratore che può dimostrare di appartenere ad una delle categorie di cui sopra, qualora raggiunga un’anzianità pari o superiore a 41 anni riceverà da parte dell’Inps il pagamento delle pensione tre mesi dopo. Ma vediamo nel dettaglio cosa si intende per ogni singola categoria.

 

Lavoratori precoci: vengono definiti tali coloro che possono dimostrare di avere un’anzianità contributiva (intera o frazionata) prima del diciannovesimo anno di età di almeno un anno (52 settimane per i lavoratori dipendenti 12 mesi per gli autonomi secondo il proprio estratto contributivo). Questi lavoratori oltre al requisito contributivo devono dimostrare di trovarsi in uno stato di disoccupazione a seguito di licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale, e devono avere concluso integralmente la prestazione per la disoccupazione spettante da almeno tre mesi.

 

In alternativa a queste condizioni, devono dimostrare al momento della richiesta di assistere da almeno sei mesi il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità, oppure un parente o un affine di secondo grado convivente qualora i genitori o il coniuge della persona con handicap abbiano compiuto 70 anni; oppure siano anch’essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti.

 

Sono ammessi inoltre a questo beneficio coloro che abbiano subito una riduzione della capacità lavorativa con invalidità non inferiore al 74 percento. Lavoratori occupati in attività gravose o usuranti: appartengo a questa categoria coloro che svolgono lavori gravosi da almeno sei anni negli ultimi sette o per sette negli ultimi dieci. Vengono ricompresi anche i lavori usuranti, attività particolarmente pesanti da punto di vista fisico.

 

Nella classificazione delle attività gravose si possono ritrovare gli operatori dell’industria estrattiva, gli addetti dell’edilizia, mentre nelle attività usuranti rientrano come: i lavori in cava o galleria, i conducenti di veicoli pesanti, i lavori notturni o alla catena.

 

Ecco due schemi riassuntivi della classificazione ai fini previdenziali delle attività descritte:

E’ importante sottolineare che questa prestazione pensionistica è (come Quota 100) non cumulabile con i redditi da lavoro autonomo o dipendente per il periodo dal pensionamento al raggiungimento del requisito per la pensione anticipata ordinaria (41 o 42 anni e 10 mesi) e che l’accesso è subordinato alla presentazione di apposita domanda da presentare all’Inps entro il 1 marzo di ogni anno.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.15 del 22 Gennaio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 19:45

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio si è dimesso dal ruolo di segretario del M5S a seguito del processo di riforma interno che ha portato all'istituzione dei facilitatori, figure di raccordo tra centrale e locale. Tra questi, in Trentino, il consigliere provinciale Alex Marini. "Grazie a Di Maio, il Paese è diverso anche per il suo lavoro". E il leghista Savoi si lascia andare all'ennesima caduta di stile

22 gennaio - 19:23

Mentre ancora oggi il presidente della Pat dimostra di non aver capito che problemi complessi richiedono soluzioni altrettanto articolate (e, demagogicamente, lega la nascita della Scuola di Medicina al ''dare risposte concrete ad un territorio di montagna come il nostro'') appare evidente che la linea della giunta è stata stralciata completamente e in Veneto si parla di una Padova che ''si fa da parte'' (e apre a Treviso una facoltà da 60 posti)

22 gennaio - 18:42

Al momento del voto le opposizioni sono uscite dall’aula facendo mancare il numero legale: “Ripartiamo daccapo”, Matteotti (M5s): “Dietro a un po’ di verde si nasconde un grande blocco di cemento”. La replica di Zanoni: “Variante coraggiosa, noi vogliamo difendere i valori morali della città che non possono essere schiacciati da nessun potentato di turno”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato