Contenuto sponsorizzato

Te la sei cercata! Quando è ora di dire "basta"

A 13 anni ho sentito dire: “Te la sei cercata, cosa ti aspettavi? Parli con tutti e dai confidenza a tutti”. Una bomba ad orologeria che ti esplode dentro. Ecco le frasi che non vogliamo più sentirci dire
Un'opera di Hopper - Soleil du matin
DAL BLOG
Di Claudia Merighi - 17 settembre 2016
In passato è stata segretaria provinciale della Sinistra giovanile del Trentino. Da sempre appassionata di politica oggi è alla guida dei Laici trentini

Te la sei cercata…. eccola qui! Una semplice constatazione per i più, ma per chi riceve queste parole, la frase si trasforma in una bomba, molto spesso ad orologeria, che ti scoppia dentro, che mina quella autostima che hai faticato tanto a costruire, che disintegra la tua capacità di superare un momento doloroso e di cicatrizzare velocemente (per quanto si possa) una ferita. Allora fermiamoci tutte e tutti. Un secondo, un minuto. Esiste il tasto "Canc" sulla tastiera, usiamolo, sempre. Perché noi non sappiamo niente di quel dolore, di quel gesto, di quella storia e di quella persona che, però, in pochi secondi, abbiamo il potere di distruggere.

 

E poi? Cosa ci rimane? La nostra moralità intonsa? La nostra opinione tra migliaia nell’etere? Sbagliato. Le nostre parole esploderanno solo contro chi aveva bisogno di silenzio e rispetto della sua vita e della sua libertà. Io mi fermo. Quelle parole le ho sentite anch’io, in mezzo al paese dove mi sentivo protetta e felice, le sento risuonare ancora adesso e mi fanno male come allora. Un’ingiuria urlata da quattro ragazzotti stupidi a cui non avevano insegnato che potesse esistere una sana amicizia tra ragazze e ragazzi senza che questa si trasformasse in altro, il mio risentimento raccontato alle amiche e quelle maledette parole: “Te la sei cercata, cosa ti aspettavi? Parli con tutti e dai confidenza a tutti”. Avevo 13 anni o poco più e ho avuto la forza di non permettere più a nessuno di ripetermi una cosa simile. Ma ho avuto la stessa forza nel difendere altre e altri a cui le avevano dette? Non ne sono così certa e chiedo scusa per questo.

 

Per questo ho deciso, insieme a chi, come me, vuole fermarsi a riflettere sulla potenza positiva e negativa di semplici locuzioni di fare un elenco di alcune tra le tante frasi che leggiamo, sentiamo e diciamo che sanno fare male, qualsiasi strumento di comunicazione decidiamo di utilizzare. In fondo a questo semplice elenco lascerò dei puntini, perché so che ognuno, ma soprattutto ognuna di noi, ha detto, sentito, subito tutto questo.

 

- Se l’è cercata…

- Cosa si aspettava?...

- Vestita così, cosa voleva che accadesse?

- Se l’è sposato…

- Cosa ci è rimasta insieme a fare?

- Che volete? Era una prostituta…

- Era una di quelle….trans…pensa che posti poteva frequentare…

- Non indossava forse dei jeans? (ve la ricordate la sentenza della Cassazione)

- Eddai….in fondo era solo una palpatina veloce…come siete difficili (sempre per la Cassazione adesso contano i secondi del tocco)..

- Era ubriaca…

- Era una poveretta….

- Lo fanno tutte al giorno d’oggi…

- Se è arrivata a quel posto di potere…dai…è ovvio…l’avrà data a qualcuno (per chi come me ha fatto politica, praticamente è un must)

- E lì perché è la moglie di…o figlia di uno potente

- Povero uomo, lei pensava solo alla carriera..

- È una musulmana, per loro è normale..

- Se una gira un filmato mentre fa sesso con il suo uomo….è ovvio che capiti

- È colpa di un raptus

- È colpa di internet

- È colpa della società…

- È solo una zitella inacidita…magari l’è piaciuto

 

Quante ancora? Quante volte ancora? E se quello che cercassimo fosse solo la libertà di essere quello che vogliamo? Io mi fermo e ci rifletto un po’ su.

 

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 gennaio - 05:01

Ecco raccontata in immagini (utilizzando alcuni dei post dell'onorevole Cattoi) gli ultimi dieci giorni dei nostri parlamentari tra pollici alzati, selfie e un Sutto che, ormai convinto di essere diventato un emiliano romagnolo, scrive: ''Questa domenica in Emilia-Romagna mettiamo la croce anche sul rettangolo col nome di Lucia Borgonzoni''. Cia: ''Auspicavo che il nome del candidato sindaco fosse fatto senza attendere le elezioni ritenendo che tale scelta spettasse ad una valutazione puramente territoriale''

25 gennaio - 19:21

Bisesti conferma l'impegno della Giunta per trovare una soluzione al problema della carenza degli insegnati di sostegno, ma le consigliere Coppola e Ferrari vanno all'attacco: “In 6 mesi solo risposte vaghe e inadeguate, mentre il progetto per la formazione dei docenti con Unitn sembra ancora in alto mare”

25 gennaio - 20:22

Trento abbraccia il presidente della Repubblica, oltre 20mila persone collegate per ascoltare l’intervento del capo dello stato: “Il carisma dell’unità si traduce in fraternità verso tutti, senza pregiudizi né barriere, fraternità come valore universale”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato