Contenuto sponsorizzato

Te la sei cercata! Quando è ora di dire "basta"

A 13 anni ho sentito dire: “Te la sei cercata, cosa ti aspettavi? Parli con tutti e dai confidenza a tutti”. Una bomba ad orologeria che ti esplode dentro. Ecco le frasi che non vogliamo più sentirci dire
Un'opera di Hopper - Soleil du matin
DAL BLOG
Di Claudia Merighi - 17 settembre 2016
In passato è stata segretaria provinciale della Sinistra giovanile del Trentino. Da sempre appassionata di politica oggi è alla guida dei Laici trentini

Te la sei cercata…. eccola qui! Una semplice constatazione per i più, ma per chi riceve queste parole, la frase si trasforma in una bomba, molto spesso ad orologeria, che ti scoppia dentro, che mina quella autostima che hai faticato tanto a costruire, che disintegra la tua capacità di superare un momento doloroso e di cicatrizzare velocemente (per quanto si possa) una ferita. Allora fermiamoci tutte e tutti. Un secondo, un minuto. Esiste il tasto "Canc" sulla tastiera, usiamolo, sempre. Perché noi non sappiamo niente di quel dolore, di quel gesto, di quella storia e di quella persona che, però, in pochi secondi, abbiamo il potere di distruggere.

 

E poi? Cosa ci rimane? La nostra moralità intonsa? La nostra opinione tra migliaia nell’etere? Sbagliato. Le nostre parole esploderanno solo contro chi aveva bisogno di silenzio e rispetto della sua vita e della sua libertà. Io mi fermo. Quelle parole le ho sentite anch’io, in mezzo al paese dove mi sentivo protetta e felice, le sento risuonare ancora adesso e mi fanno male come allora. Un’ingiuria urlata da quattro ragazzotti stupidi a cui non avevano insegnato che potesse esistere una sana amicizia tra ragazze e ragazzi senza che questa si trasformasse in altro, il mio risentimento raccontato alle amiche e quelle maledette parole: “Te la sei cercata, cosa ti aspettavi? Parli con tutti e dai confidenza a tutti”. Avevo 13 anni o poco più e ho avuto la forza di non permettere più a nessuno di ripetermi una cosa simile. Ma ho avuto la stessa forza nel difendere altre e altri a cui le avevano dette? Non ne sono così certa e chiedo scusa per questo.

 

Per questo ho deciso, insieme a chi, come me, vuole fermarsi a riflettere sulla potenza positiva e negativa di semplici locuzioni di fare un elenco di alcune tra le tante frasi che leggiamo, sentiamo e diciamo che sanno fare male, qualsiasi strumento di comunicazione decidiamo di utilizzare. In fondo a questo semplice elenco lascerò dei puntini, perché so che ognuno, ma soprattutto ognuna di noi, ha detto, sentito, subito tutto questo.

 

- Se l’è cercata…

- Cosa si aspettava?...

- Vestita così, cosa voleva che accadesse?

- Se l’è sposato…

- Cosa ci è rimasta insieme a fare?

- Che volete? Era una prostituta…

- Era una di quelle….trans…pensa che posti poteva frequentare…

- Non indossava forse dei jeans? (ve la ricordate la sentenza della Cassazione)

- Eddai….in fondo era solo una palpatina veloce…come siete difficili (sempre per la Cassazione adesso contano i secondi del tocco)..

- Era ubriaca…

- Era una poveretta….

- Lo fanno tutte al giorno d’oggi…

- Se è arrivata a quel posto di potere…dai…è ovvio…l’avrà data a qualcuno (per chi come me ha fatto politica, praticamente è un must)

- E lì perché è la moglie di…o figlia di uno potente

- Povero uomo, lei pensava solo alla carriera..

- È una musulmana, per loro è normale..

- Se una gira un filmato mentre fa sesso con il suo uomo….è ovvio che capiti

- È colpa di un raptus

- È colpa di internet

- È colpa della società…

- È solo una zitella inacidita…magari l’è piaciuto

 

Quante ancora? Quante volte ancora? E se quello che cercassimo fosse solo la libertà di essere quello che vogliamo? Io mi fermo e ci rifletto un po’ su.

 

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 luglio - 05:01

L’assestamento di bilancio presentato dalla giunta Fugatti non convince, Rossi: “Pura propaganda, se poi non si stanziano i fondi le grandi opere rimarranno solo sulla carta, gli unici cantieri che sono stati avviati sono collegati alle opere pensate nella scorso legislatura”. Per gli imprenditori le chiusure domenicali provocheranno la fuga dei consumatori verso Bolzano e il Veneto

12 luglio - 16:32

In Italia la figura dell'autista soccorritore non è riconosciuta per legge come una categoria specifica. Per questo l'Aasi, Associazione autisti soccorritori italiani, ha scritto alle istituzioni chiedendo che al più presto si riconosca giuridicamente e professionalmente chi quotidianamente guida i mezzi di soccorso contribuendo a salvare vite

12 luglio - 18:26

L'associazione nata da pochi mesi promuove la velocità ma solo ed unicamente in pista. “Il nostro messaggio è chiaro: se si vuole correre allora bisogna farlo in pista. Su strada si deve andare con una mentalità diversa”. In campo anche per la prevenzione dalle dipendenze, incontrando i ragazzi nelle scuole ed organizzando serate dedicate anche ad un pubblico adulto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato