Contenuto sponsorizzato

''Da grande voglio fare il casaro'', la storia di Cesare, giovane formaggiaio di malga

A 14 anni l'occasione di venire in Trentino ad aiutare in una malga delle Giudicarie. Oggi ha 18 anni e la risposta rimane quindi sempre quella: "da grande voglio fare il casaro"
Dal blog di Francesco Gubert - 25 settembre 2018 - 19:49

Avete presente quando si domanda ad un bambino cosa vuole fare da grande? Ebbene, Cesare non vi avrebbe risposto "l'astronauta" o "il poliziotto", ma con fare deciso e convinto vi avrebbe detto "da grande voglio fare il casaro". 

 

Cesare, classe 2000, è un ragazzo di Schio con una grande passione per tutto ciò che è latte, caglio e formaggio. Sin da bambino si interessava di questi ingredienti e sperimentava a casa, nella cucina della mamma, le prime caseificazioni con qualche litro di latte. Aveva visto fare formaggio in Svizzera, dove aveva seguito il padre che era lì per lavoro. Nell'agritur dove soggiornava, c'era un vecchio casaro che saltuariamente trasformava il latte e Cesare stava a guardare con grande interesse e voglia di cimentarsi.

 

Poi, a 14 anni, dopo una prima superiore non molto fortunata, l'occasione di venire in Trentino ad aiutare in una malga delle Giudicarie. La gavetta è dura per tutti e anche Cesare si adatta a fare un po' di tutto, dal mungitore al garzone, ma sempre con un occhio interessato sul caseificio.

In malga nasce un'amicizia con Leonardo, il gestore, che lo avvia all'arte casearia e lo porta in malga anche negli anni successivi. L'estate in malga a fare formaggio, e l'inverno? Vicino a Schio c'è una piccola latteria sociale con un vecchio casaro e dopo scuola, o nei weekend, Cesare lo va a trovare per "rubargli" i segreti del mestiere. Dunque in montagna d'estate ed in pianura d'inverno.

 

Oggi Cesare ha solo 18 anni e già quattro stagioni di malga alle spalle. L'anno scorso, al concorso dei formaggi di malga "Formai dal Mont", Cesare sbaraglia la concorrenza e si aggiudica il primo posto tra 23 malghe in concorso, con immensa soddisfazione. La passione e l'entusiasmo che mette nel suo formaggio hanno convinto i 12 esperti della giuria.

 

E come risponderebbe oggi alla domanda "cosa vuoi fare da grande"? Se tutto va bene, l'anno prossimo frequenterà la scuola di arte casearia di Moretta, in Piemonte, per approfondire ed affinare la tecnica produttiva. E poi l'estate ancora in malga a fare formaggio da Leonardo. La risposta rimane quindi sempre quella: "da grande voglio fare il casaro".

Potrebbe interessarti anche
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 marzo - 19:01

Non è solo una questione di prezzo, la filosofia dell'accoglienza è simile a quelle delle strutture extralberghiere, cioè la famigliarità di un agriturismo oppure di un bed and breakfast. Questaè una forma di ospitalità turistica pensata per i centri storici. Una soluzione che crea un 'senso di vicinato', risparmia l'ambiente e valorizza gli edifici già esistenti

20 marzo - 13:55

Era successo a Catania nel 2016. I due cani avevano aggredito il bimbo davanti alla madre ed erano poi stati affidati all'Arcadia Onlus di Rovereto

20 marzo - 17:13

La correlazione evidenziata nello studio pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease dai ricercatori della National university of Singapore. Bastano 300 grammi, appena due porzioni a settimana, per dimezzare il rischio di sviluppare un disturbo cognitivo minore dopo i 60 anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato