Contenuto sponsorizzato

''Da grande voglio fare il casaro'', la storia di Cesare, giovane formaggiaio di malga

A 14 anni l'occasione di venire in Trentino ad aiutare in una malga delle Giudicarie. Oggi ha 18 anni e la risposta rimane quindi sempre quella: "da grande voglio fare il casaro"
DAL BLOG
Di Francesco Gubert - 25 settembre 2018

Sono Maestro Assaggiatore di Formaggi e seguo percorsi di educazione alla sensorialità ed alla territorialità per il consumo consapevole dei prodotti lattiero-caseari di montagna.

Avete presente quando si domanda ad un bambino cosa vuole fare da grande? Ebbene, Cesare non vi avrebbe risposto "l'astronauta" o "il poliziotto", ma con fare deciso e convinto vi avrebbe detto "da grande voglio fare il casaro". 

 

Cesare, classe 2000, è un ragazzo di Schio con una grande passione per tutto ciò che è latte, caglio e formaggio. Sin da bambino si interessava di questi ingredienti e sperimentava a casa, nella cucina della mamma, le prime caseificazioni con qualche litro di latte. Aveva visto fare formaggio in Svizzera, dove aveva seguito il padre che era lì per lavoro. Nell'agritur dove soggiornava, c'era un vecchio casaro che saltuariamente trasformava il latte e Cesare stava a guardare con grande interesse e voglia di cimentarsi.

 

Poi, a 14 anni, dopo una prima superiore non molto fortunata, l'occasione di venire in Trentino ad aiutare in una malga delle Giudicarie. La gavetta è dura per tutti e anche Cesare si adatta a fare un po' di tutto, dal mungitore al garzone, ma sempre con un occhio interessato sul caseificio.

In malga nasce un'amicizia con Leonardo, il gestore, che lo avvia all'arte casearia e lo porta in malga anche negli anni successivi. L'estate in malga a fare formaggio, e l'inverno? Vicino a Schio c'è una piccola latteria sociale con un vecchio casaro e dopo scuola, o nei weekend, Cesare lo va a trovare per "rubargli" i segreti del mestiere. Dunque in montagna d'estate ed in pianura d'inverno.

 

Oggi Cesare ha solo 18 anni e già quattro stagioni di malga alle spalle. L'anno scorso, al concorso dei formaggi di malga "Formai dal Mont", Cesare sbaraglia la concorrenza e si aggiudica il primo posto tra 23 malghe in concorso, con immensa soddisfazione. La passione e l'entusiasmo che mette nel suo formaggio hanno convinto i 12 esperti della giuria.

 

E come risponderebbe oggi alla domanda "cosa vuoi fare da grande"? Se tutto va bene, l'anno prossimo frequenterà la scuola di arte casearia di Moretta, in Piemonte, per approfondire ed affinare la tecnica produttiva. E poi l'estate ancora in malga a fare formaggio da Leonardo. La risposta rimane quindi sempre quella: "da grande voglio fare il casaro".

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 20:41

L'intervento della Pat si articola in due fasi. Critiche anche Uil e Nursing up: "Ci chiediamo dove siano finiti i finanziamenti economici aggiuntivi che la Provincia ha ricevuto in marzo e maggio dal governo di Roma per sanità e contrattazione, per non parlare poi dei 20 milioni già stanziati nelle finanziarie provinciali per il nuovo contratto del pubblico impiego 2019/2021 e poi soppressi"

25 maggio - 19:16

Ci sono 5.400 casi e 462 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 675 (315 letti da Apss e 360 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tampone a 0,15%

25 maggio - 18:12
I tamponi analizzati sono stati 675 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,15%, il dato più basso da inizio epidemia. Un positivo nelle ultime 24 ore. Il Trentino si porta complessivamente a 5.400 casi e 462 decessi da inizio emergenza coronavirus
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato