Contenuto sponsorizzato

La ricotta, alimento proteico e poco calorico ma attenzione alla lista degli ingredienti se la comprate al supermercato

La "vera" ricotta, più granulosa ed asciutta, è quella prodotta con solo siero di latte. Quella della grande distribuzione spesso è addizionata di latte o panna con l'obiettivo di renderle più cremose e spalmabili
DAL BLOG
Di Francesco Gubert - 26 June 2019

Sono Maestro Assaggiatore di Formaggi e seguo percorsi di educazione alla sensorialità ed alla territorialità per il consumo consapevole dei prodotti lattiero-caseari di montagna.

Estate stagione di ricotta: leggera, nutriente, ma soprattutto gustosa. Il nome stesso ci rivela la sua origine: ri-cotta, cotta due volte. Sì, perché la ricotta si ottiene dalla ri-cottura del siero, quel liquido dal colore giallo che rimane dopo la produzione del formaggio. E infatti, dal punto di vista tecnico, la ricotta non è un formaggio, perché non si produce a partire dal latte ma da un suo sotto-prodotto, il siero per l'appunto.

 

Ma quali sono le componenti che costituiscono il siero? Principalmente acqua, certo, ma anche lattosio, sali minerali e una piccola parte di grassi, per un totale di sole 27 kcal ogni 100 g di siero. La componente più interessante è però quella delle proteine. Le siero-proteine si caratterizzano infatti per essere altamente digeribili e facilmente assimilabili dal nostro organismo. Tanto che il loro "valore biologico", ovvero la loro qualità nutrizionale, supera addirittura quello delle proteine dell'uovo.

 

La ricotta è dunque un alimento molto nutriente per la sua proteina "nobile" e al tempo stesso poco calorico. Attenzione però alla lista degli ingredienti: le ricotte acquistate al supermercato, infatti, sono spesso addizionate di latte o panna, con l'obiettivo di renderle più cremose e spalmabili (e dunque più caloriche). La "vera" ricotta, più granulosa ed asciutta, è quella prodotta con solo siero di latte. La troviamo in qualche negozio particolarmente attento alla qualità o, meglio ancora, in tutte le malghe del territorio che trasformano il latte durante i mesi estivi.

 

E l'estate è proprio la stagione della ricotta, vuoi per la sua freschezza, vuoi per la sua versatilità nella preparazione di piatti leggeri. Ottima nelle insalate o con gli spinaci freschi, si presta benissimo come base per i ripieni di torte salate e verdure. O come sostituto della besciamella nella preparazione di ottime crespelle ripiene con la trota affumicata. Imperdibile poi nei dolci, gustata semplicemente in forma "naturale" con una confettura di frutti di bosco o del buon miele di castagno, oppure impiegata come ingrediente nella preparazione di torte alla frutta, mousse e, perché no, nel tiramisù al posto del mascarpone.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
07 dicembre - 13:02
Il ricercatore dell'Istituto di Scienze polari del Cnr, Jacopo Gabrieli: "In molti casi c'è un'incapacità di vivere il [...]
Società
07 dicembre - 10:37
Nel "Salone Nadia e Soffitta del benessere" c'è una stufa a legna che viene alimentata anche grazie allo "stiz pass": "Le clienti portano con loro [...]
Cronaca
07 dicembre - 11:52
Sulla vicenda stanno indagando le forze dell’ordine che avrebbero già identificato i responsabili. L’ipotesi è che si sia trattato di un [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato