Contenuto sponsorizzato

La tosèlla: un formaggio fresco facile da fare in casa

Dove si può trovare? Direttamente in caseificio oppure in malga, ma c'è una terza via: produrla in cucina
DAL BLOG
Di Francesco Gubert - 17 luglio 2019

Sono Maestro Assaggiatore di Formaggi e seguo percorsi di educazione alla sensorialità ed alla territorialità per il consumo consapevole dei prodotti lattiero-caseari di montagna.

La tosèlla è un formaggio freschissimo, praticamente ancora allo stato di cagliata. Nato nei masi di montagna delle Dolomiti, veniva infatti preparato di buon mattino con il latte appena munto e, una volta sgocciolato, finiva in padella già per ora di pranzo. In padella perché con la cottura venivano eliminati tutti i batteri potenzialmente nocivi, considerato che la mungitura e la lavorazione del latte avvenivano in ambienti piuttosto "ruspanti".

 

Oggi la tosèlla viene prodotta nei caseifici di fondovalle e di malga in condizioni igienicamente impeccabili, ma il suo segreto rimane nella freschezza. Sì, perché una tosèlla che si rispetti deve perdere poca acqua durante la cottura e deve mantenere una consistenza morbida, gradevole. Fresca dunque, con poche ore di vita, perché l'acidificazione la rende spesso troppo elastica, con quell'effetto "chewing-gum" che ne rovina la piacevolezza.

 

Ma se deve avere solo poche ore di vita, come facciamo a procurarcela? Certo, direttamente in caseificio oppure in malga, ma c'è una terza via: produrla in cucina. La ricetta è piuttosto semplice. Prendiamo un litro (o due) di latte fresco pastorizzato, aggiungiamo un cucchiaio di yogurt bianco e portiamo il tutto a 40 gradi centigradi. Aggiungiamo una punta di caglio (che si può acquistare in farmacia) e attendiamo la coagulazione. Quando la cagliata è ben soda, dopo una mezz'ora circa, la rompiamo delicatamente con un frustino e la mescoliamo per qualche minuto, finché non si rapprende per bene. Quindi scoliamo il tutto in un piccolo stampo (anche quello della ricotta può andare) e lasciamo sgrondare in frigorifero per qualche ora. E il gioco è fatto!

 

Prima di cuocerla, estraiamo la tosèlla dallo stampo e la tagliamo in fette da 1cm di spessore circa. Riscaldiamo una noce di burro in una padella e mettiamo a cuocere le nostre fette di tosèlla a fuoco lento, fino a quando l'acqua non si sarà asciugata e il formaggio avrà formato quella bella crosticina croccante tipica della tosèlla cotta. Una presa di sale prima di impiattare et voilà, la tosèlla è pronta per essere assaporata nella sua freschezza su una fetta di polenta fumante o come piccolo antipasto caldo con della verdura cotta di stagione.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
02 dicembre - 20:39
Dopo le rivelazioni del sindaco Finato si allungano le ombre sul progetto per il Nuovo ospedale di Cavalese. Ora Cia chiede conto del ruolo avuto [...]
Cronaca
02 dicembre - 15:54
Il Centro in via Dogana 1 ha iniziato ad accogliere le vittime di violenza dai primi anni 2000, partendo da 92 arrivando a 335 nel 2021. [...]
Cronaca
02 dicembre - 19:23
Raffaele Sollecito fu condannato in primo grado nel 2009 e poi definitivamente assolto insieme ad Amanda Knox,  per la morte di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato