Contenuto sponsorizzato

La tosèlla: un formaggio fresco facile da fare in casa

Dove si può trovare? Direttamente in caseificio oppure in malga, ma c'è una terza via: produrla in cucina
Dal blog di Francesco Gubert - 17 luglio 2019 - 12:51

La tosèlla è un formaggio freschissimo, praticamente ancora allo stato di cagliata. Nato nei masi di montagna delle Dolomiti, veniva infatti preparato di buon mattino con il latte appena munto e, una volta sgocciolato, finiva in padella già per ora di pranzo. In padella perché con la cottura venivano eliminati tutti i batteri potenzialmente nocivi, considerato che la mungitura e la lavorazione del latte avvenivano in ambienti piuttosto "ruspanti".

 

Oggi la tosèlla viene prodotta nei caseifici di fondovalle e di malga in condizioni igienicamente impeccabili, ma il suo segreto rimane nella freschezza. Sì, perché una tosèlla che si rispetti deve perdere poca acqua durante la cottura e deve mantenere una consistenza morbida, gradevole. Fresca dunque, con poche ore di vita, perché l'acidificazione la rende spesso troppo elastica, con quell'effetto "chewing-gum" che ne rovina la piacevolezza.

 

Ma se deve avere solo poche ore di vita, come facciamo a procurarcela? Certo, direttamente in caseificio oppure in malga, ma c'è una terza via: produrla in cucina. La ricetta è piuttosto semplice. Prendiamo un litro (o due) di latte fresco pastorizzato, aggiungiamo un cucchiaio di yogurt bianco e portiamo il tutto a 40 gradi centigradi. Aggiungiamo una punta di caglio (che si può acquistare in farmacia) e attendiamo la coagulazione. Quando la cagliata è ben soda, dopo una mezz'ora circa, la rompiamo delicatamente con un frustino e la mescoliamo per qualche minuto, finché non si rapprende per bene. Quindi scoliamo il tutto in un piccolo stampo (anche quello della ricotta può andare) e lasciamo sgrondare in frigorifero per qualche ora. E il gioco è fatto!

 

Prima di cuocerla, estraiamo la tosèlla dallo stampo e la tagliamo in fette da 1cm di spessore circa. Riscaldiamo una noce di burro in una padella e mettiamo a cuocere le nostre fette di tosèlla a fuoco lento, fino a quando l'acqua non si sarà asciugata e il formaggio avrà formato quella bella crosticina croccante tipica della tosèlla cotta. Una presa di sale prima di impiattare et voilà, la tosèlla è pronta per essere assaporata nella sua freschezza su una fetta di polenta fumante o come piccolo antipasto caldo con della verdura cotta di stagione.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato