Contenuto sponsorizzato

Ma si può mangiare la crosta del formaggio? Ecco le 5 cose da sapere

La crosta rappresenta la superficie di contatto tra il "mondo di dentro" e il "mondo di fuori" di un formaggio. Ma conoscerne la caratteristiche ci può aiutare nello scegliere se consumarla o meno.
Dal blog di Francesco Gubert - 28 febbraio 2019 - 20:13

Per alcuni la crosta del formaggio va sempre tolta, per altri è la parte più gustosa e sgranocchiarla è una tentazione a cui difficilmente si resiste. Ma quand'è che la crosta del formaggio si può mangiare? La crosta rappresenta la superficie di contatto tra il "mondo di dentro" e il "mondo di fuori" di un formaggio. Si forma già durante le prime fasi di lavorazione e salatura, per poi evolvere nel corso della maturazione a seconda dell'ambiente di stagionatura e della tipologia di formaggio.

Di certo è la parte più esposta a manipolazione e contatto con altre superfici, quindi la più suscettibile di contaminazione. Ma conoscerne la caratteristiche ci può aiutare nello scegliere se consumarla o meno.

 

Ecco dunque le cinque cose da sapere sulla "edibilità", la commestibilità, della crosta del formaggio.

 

1. Le croste artificiali, quelle trattate con paraffine, cere o coloranti, sono tutte da mettere a bordo piatto e da non consumare. Si tratta spesso di strati protettivi non commestibili utilizzati per formaggi come il Gouda, l'Edamer, alcuni pecorini o alcuni Fontal.

 

2. Le croste trattate con conservanti, in particolare con l'E235 (natamicina), vanno evitate. La natamicina è un antifungino utilizzato per limitare lo sviluppo di muffe sulla crosta, ma rende la crosta non commestibile. Qui ci viene in aiuto l'etichetta del formaggio, che deve riportare il conservante e la dicitura "crosta non edibile".

 

3. Le croste lavate, come quelle del Puzzone di Moena o del Taleggio, vanno preferibilmente eliminate, in quanto batteriologicamente "vive" per la particolare lavorazione a cui sono sottoposte. Similmente, la crosta degli erborinati come il Gorgonzola è considerata non edibile, in quanto facilmente soggetta a contaminazione con microorganismi non desiderati. 

 

4. Le croste fiorite, ovvero quelle che presentano lo sviluppo della muffa bianca, sono generalmente commestibili. Anzi, fanno parte integrante del formaggio e ne arricchiscono il bouquet aromatico. Sarebbe dunque un peccato non gustarsele. Appartengono a questa categoria formaggi come il Brie o il Camembert.

 

5. Le croste dei formaggi stagionati come il Grana Padano e il Parmigiano Reggiano, o ancora il Trentingrana o il Vezzena, sono assolutamente edibili. E' sufficiente eliminare lo strato più esterno con una grattugia o un coltello. Possono essere usate come gustosi insaporitori di zuppe o minestre, o messe pochi secondi nel microonde per farle ammorbidire. C'è anche chi le mette sulla griglia calda o sulla piastra della fornella... una vera goduria!

 

Anche quando una crosta è considerata edibile, prestiamo comunque attenzione alla corretta conservazione del formaggio. Perché in fin dei conti anche noi consumatori siamo responsabili della salubrità di quello che mangiamo. E questo vale in particolar modo per prodotti vivi come il formaggio. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 maggio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 maggio - 06:01

Dure le parole dei consiglieri provinciali di Futura e Movimento 5 stelle: "Sproporzionato e allarmante sbilanciamento degli organi legislativi a favore della giunta provinciale. Pressioni agli addetti degli uffici stampa della Provincia per scrivere il meno possibile e filtrare le informazioni"

19 maggio - 08:24

L'uomo, attraverso il suo avvocato, ha chiesto la messa alla prova in una casa di riposo. L'esito positivo ha consentito l'estinzione del reato 

18 maggio - 19:04

La marcia "Stop ai pesticidi" partirà da piazza Dante domani, domenica 19 maggio, e attraverserà la città di Trento per poi terminare nel quartiere Le Albere. Ha ricevuto l'adesione di numerose associazioni.  Nel 2017, dati Istat, nel nostro territorio provinciale sono state utilizzate 2.175 tonnellate di pesticidi con una media per ettaro di superficie di 51 chilogrammi ​

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato