Contenuto sponsorizzato

Vi avanza un litro di latte (o anche mezzo)? Ecco la ricetta del cacio-ricotta!

Come preparare del cacio-ricotta: un prodotto nutriente, poco calorico, delicato e sicuramente adatto anche ai bambini
Dal blog di Francesco Gubert - 29 dicembre 2018 - 19:47

Soprattutto durante le Feste, quando il frigorifero è pieno di ogni ben di Dio, capita di lasciare indietro un litro di latte o di non consumarlo interamente. Ci sono molte possibilità per utilizzarlo prima della data di scadenza, ma la più curiosa è sicuramente quella del cacio-ricotta.

 

Il cacio-ricotta è un latticino fresco, la cui preparazione consiste nell'estrarre dal latte le caseine (cacio) e le siero-proteine (ricotta). Praticamente è come fare formaggio e ricotta in un unico passaggio, sfruttando l'azione combinata del calore e di un acido.

 

La ricetta è molto semplice. Prendete il latte, lo mettete in un pentolino e lo riscaldate a fuoco lento fino a circa 90 gradi, tenendolo bene agitato. Poi aggiungete un po' di aceto o di succo di limone. Due cucchiai da minestra per un litro di latte dovrebbero bastare. Nel giro di pochi secondi, si formerà in superficie uno strato bianco e grumoso. Raccoglietelo con un cestello della ricotta e lasciatelo asciugare su un piatto. Il cacio-ricotta va poi conservato in frigorifero e consumato entro qualche giorno.

Potete spalmarlo sul pane con un po' di miele o confettura di fragole, oppure salarlo ed aromatizzarlo con erba cipollina o timo. Andrà benissimo anche con un'insalata mista o come ingrediente degli gnocchi, al posto della ricotta.

 

E' un prodotto nutriente, poco calorico, delicato e sicuramente adatto anche ai bambini. Godetevelo in tutta la sua freschezza e sperimentatelo in tutte le salse. Buon cacio-ricotta a tutti!

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato